20.7 C
Rome
lunedì 1 Marzo 2021
20.7 C
Rome
lunedì 1 Marzo 2021
Home padrini & padroni Casa Pound vende Pivert, per aiutare i camerati in difficoltà

Casa Pound vende Pivert, per aiutare i camerati in difficoltà

Nuove connessioni tra il marchio casual Pivert e la nota sigla di Casa Pound. Nella sede novarese si vendono capi griffati per aiutare i camerati. Il testimonial è un pugile e leader marchigiano di Cpi

di Ercole Olmi

Schermata 01-2457415 alle 23.14.09

Saranno al Family day i ragazzi di Casa Pound (con i cugini di Forza Nuova) sfoggiando probabilmente l’abbigliamento casual di Pivert – prodotto da alcuni esponenti di spicco della stessa organizzazione. Saranno lì, fanno sapere, contro l’adozione per le coppie gay,  l’ideologia gender e la caccia alle streghe presunta contro l’omofobia.

Spuntano, intanto, nuove connessioni tra i fascisti del III millennio e il marchio casual come spiega un dossier di antifa tedeschi ripreso da Popoff. Sulla pagina fb della sezione novarese di Cpi annunciano che i capi di abbigliamento sono in vendita nella sede di quella città. «Il ricavato della vendita andrà ai camerati in difficoltà», si può leggere nella foto postata senza che venga specificato altro. Tutto ciò mentre un noto quotidiano nazionale, prende una cantonata – più tardi rettificata in calce – abboccando alla versione minimal dell’intervistato Francesco Polacchi il quale si definisce “uno che lavora nell’azienda Pivert”.

La sede del Pivert-Store è nel medesimo indirizzo dell’azienda “EyeTech Video & Digital Solutions“ che offre i suoi servizi in ambito di comunicazione multimediale e organizzazione di eventi. Il suo direttore  proprio Francesco Polacchi, fondatore di “Blocco studentesco”, 29nne ex studente di letteratura e filosofia all’ “Università degli Studi di Rome Tre”, che figura in altre iniziative “culturali” che hanno sede nella medesima come il giornale online fondato nell’ottobre del 2013 da CasaPound Italia,  “Il Primato Nazionale”. Il testimonial Pivert sui poster sembra proprio Roberto Ruffini, pugile professionista, ultrà della Sambenedettese, leader di CasaPound San Benedetto del Tronto (che ha sede in uno stabile di proprietà è della Fondazione Alleanza Nazionale in coabitazione con Ugl e Forza Italia), arrestato nel giugno 2014, secondo la stampa dell’epoca, per lesioni continuate gravi aggravate da futili motivi e minorata difesa delle vittime.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia)