14.6 C
Rome
venerdì 26 Febbraio 2021
14.6 C
Rome
venerdì 26 Febbraio 2021
Home in genere «Non siamo le vostre donne!». Flash mob antissessista a Roma

«Non siamo le vostre donne!». Flash mob antissessista a Roma

Per denunciare “la strumentalizzazione da parte dei media” del corpo della donna dopo i fatti di Colonia. Roma, flash mob contro il sessismo e il razzismo [4 febbraio 18.30 ai giardini di piazza Indipendenza]

a cura di Giampaolo Martinotti

banner flash mob

“Esprimiamo piena solidarietà alle donne fatte oggetto di borseggi, molestie e stupri nella notte di Capodanno in alcune città europee”. Inizia così l’appello alla mobilitazione espresso dalle svariate realtà che in queste settimane hanno organizzato il flash mob in programma per domani a Roma.

L’evento, pensato per denunciare “la strumentalizzazione da parte dei media” del corpo della donna  in relazione agli spregevoli fatti accaduti durante la notte di capodanno a Colonia e in tutta la Germania, si svolgerà in un momento davvero drammatico per quanto riguarda la libertà femminile e la sicurezza delle donne nel nostro paese.

Nelle ultime 48 ore infatti tre donne sono state brutalmente aggredite, due di loro sono morte, e dall’inizio del ‘nuovo’ anno le vittime sarebbero una decina. Queste aggressioni sconcertanti, oltre al dato numerico di per sé terrificante, rappresentano una triste realtà che in Italia colpisce i diritti delle donne e alimenta un femminicidio infinito . Per non parlare dei beceri elementi culturali che in alcuni casi sono in grado di liquidare una grave molestia come un ‘atto di immaturità’, un gesto che la donna è costretta a subire ‘per scherzo’. In questo contesto è sempre più necessario rompere il silenzio senza alcun sensazionalismo.

Pertanto, pubblichiamo di seguito il comunicato di Unione Donne in Italia, Casa Internazionale delle Donne, Link Roma, Rete della Conoscenza, AFFI, Infosex, Degender:

“Esprimiamo piena solidarietà alle donne fatte oggetto di borseggi, molestie e stupri nella notte di Capodanno in alcune città europee.

Denunciamo la strumentalizzazione dei fatti da parte dei media e di un razzismo che non ha alcuna legittimazione, soprattutto in tema di libertà femminile.

Non si strumentalizza il corpo delle donne! Il sessismo non è una questione di razza ma attraversa tutte le culture. Non utilizzerete i nostri corpi per promuovere ideologie xenofobe e di incitazione all’odio, proprie di quella cultural machista che contrastiamo ogni giorno nel nostro ‘civile’ paese.

Non siamo le ‘vostre donne’ da difendere contro gli immigrati, come in molti hanno affermato nelle scorse settimane. Siamo le donne che anche in occidente quotidianamente subiscono violenze tra le mura domestiche, per le strade e sul lavoro; siamo le donne che non hanno diritto al welfare, che più di altri patiscono la crisi, le donne che troppo poco possono avere accesso a servizi essenziali come asili nido, consultori, centri antiviolenza. Tutte le donne hanno diritto alla libertà, all’inviolabilità del corpo e della mente. Sempre e ovunque!”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia) 

Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Le scommesse sportive online fanno ormai parte del quotidiano dei quartieri popolari francesi (Latifa Oulkhouir)

Ny Police ed Fbi dietro l’omicidio di Malcom X

A 56 anni dall'omicidio del leader afroamericano, la famiglia di Malcom X presenta una nuova prova e c'entra la polizia

La resistenza dell’università di Istanbul, la solidarietà dei colleghi ita...

Una lettera aperta di accademici in sostegno a studenti e colleghi dell'Università Boğaziçi di Istanbul dove da sette settimane si lotta contro Erdogan