20.6 C
Rome
domenica 14 Agosto 2022
20.6 C
Rome
domenica 14 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniBagnasco come Forza Nuova

Bagnasco come Forza Nuova

E’ la stessa cultura integralista degli squadristi quella che trapela dalle dichiarazioni del cardinale Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana

di Andrea Maccarrone

omofobia

Le affermazioni del Cardinale Angelo Bagnasco sulle Unioni Civili sono espressione della medesima cultura integralista degli squadristi di Forza Nuova. Parole gravi, offensive e violente. Sul piano politico la migliore risposta al Cardinale l’ha data il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nel suo messaggio per la Giornata Mondiale contro l’Omofobia e Transfobia ha affermato tra l’altro che “la Costituzione richiede, all’articolo 2, di garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali di ognuno, non solo come singolo ma anche nelle formazioni sociali in cui si realizza la sua personalità”. E la Corte costituzionale ci ha ricordato che la realizzazione di questi diritti, non può essere condizionata dall’orientamento sessuale. Ma importante è anche il suo esplicito richiamo all’articolo 3 della Costituzione che richiede eguaglianza di diritti e divieto di discriminazione.

Nella società però la risposta a Bagnasco, e a chi come lui continua a spargere odio e omofobia proprio in questa giornata, la diamo tutte e tutti noi con la nostra visibilità e il nostro orgoglio. Si rassegnino, è finito il tempo in cui ci si nascondeva e vergognava e in cui incassavamo nel silenzio o nell’indifferenza insulti, discriminazioni e aggressioni. Per noi tutti i giorni sono giornate contro l’omofobia e la transfobia, giorni di lotta per sconfiggere pregiudizi, liberare desideri, corpi, sogni e vite, per conquistare un pezzo in più di eguaglianza dei diritti, di dignità di visibilità e di liberazione.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Dopo le incursioni e le minacce di Forza Nuova al Gay Center, in  piazza Campidoglio e ad un convegno a Gaeta, non stupisce affatto l’allineamento dell’integralismo cattolico alla Bagnasco e della candidata di destra, Meloni. Tutti assieme rappresentano il peggio della politica e della chiesa, quello che Roma si vuole lasciare alle spalle, e ci ricordano che la lotta all’omofobia va necessariamente assieme all’antifascismo, al contrasto a integralismi e razzismo. Per questo ci vediamo domani davanti alla Prefettura alle 15, al presidio convocato dalle Madri per Roma Città Aperta assieme alla rete delle realtà antifasciste romane per protestare contro l’incredibile agibilità che le organizzazioni neofasciste hanno garantita nella nostra città.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quando anche il Vaticano attaccava Rushdie

La vicenda di Salman Rushdie è una forma violentissima dell'allergia delle religioni per il romanzo [Christian Salmon]

Così Putin vince la guerra del petrolio

Prezzi alle stelle e nuovi mercati: gli effetti "molto limitati" delle sanzioni occidentali contro la Russia [Martine Orange]

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]