1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homecronache socialiFrancia, la fine della fine della lotta di classe

Francia, la fine della fine della lotta di classe

Cosa ne pensano i francesi della lotta di classe? Per il 69% di loro è quello che sta avvenendo ora contro la loi travail

di Gérard Streiff

5754927_95eb00fd81974b8c2e9a972f98f0f438f143cd05_545x460_autocrop

La lotta (di classe) continua

L’altro giorno è stato pubblicato un interessante sondaggio dell’Istituto Odoxa sulla lotta tra classi, realizzato per Le Parisien e France Info. Alla domanda: “Lei ritiene che in Francia, allo stato attuale, la lotta di classe sia una realtà?” il 69% delle risposte è “sì” e il 30% è “no”, ossia il 5% in più rispetto alla precedente indagine Ifop/l’Humanité risalente al 2013. La lotta tra classi è pertanto una realtà per oltre i due terzi dei francesi. L’istituto osserva che nelle varie inchieste quest’opinione è condivisa da percentuali simili di intervistati, indipendentemente dalle loro opinioni politiche, e quasi sei francesi su dieci si ritengono toccati da questa lotta tra classi (13% molto toccati, 46% alquanto toccati). Relativamente a questa domanda, i simpatizzanti della sinistra (69%) e del Front National (68%) si dimostrano i più coinvolti con dei punteggi superiori alla media. Soltanto le persone che si professano di destra ma non del Front National ribaltano i risultati, dal momento che è una maggioranza del 58% a non sentirsi toccata dal conflitto di classe. Così, dopo oltre trent’anni di annientamento ideologico e di narrazione dominante politica, mediatica, culturale e universitaria sulla fine delle lotte, la fine delle classi e la fine del conflitto tra classi, questa idea torna a imporsi prepotentemente. Si ha quasi il desiderio di dire a tutti i pensatori e pennaioli in circolazione: ecco a voi il conto!

5756149_1

Fonte: Communistes, Supplemento a l’Humanité del 25 maggio 2016 traduzione di Angelica Bufano per aderire alla “brigata traduttori” scrivere a traduttori@rifondazione.it

francia, lotta di classe, loi travail, loi el khomri,

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili