26.3 C
Rome
lunedì 2 Agosto 2021
26.3 C
Rome
lunedì 2 Agosto 2021
Homepadrini & padroniSalvatore Borsellino: «Pronto a tutto per fermare Riina junior»

Salvatore Borsellino: «Pronto a tutto per fermare Riina junior»

«Presentazione libro Riina a Palermo, sono pronto a qualsiasi cosa», dice il fratello del giudice Borsellino, trucidato da Cosa Nostra

di Francesco Ruggeri

salvatore-borsellino

«Se il 18 giugno dovesse essere permesso a Salvo Riina di presentare il suo libro a Palermo, sarò a Palermo per impedire questa ulteriore offesa alla memoria di mio fratello e dei ragazzi massacrati insieme a lui», fa sapere Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso da Cosa Nostra il 19 luglio del ’92 assieme a cinque agenti della scorta nella strage di Via D’Amelio. Era  per Totò Riina l’ostacolo principale alle trattative mafia-stato.
«Niente e nessuno mi potrà impedire di farlo. Ho 74 anni, ho vissuto già 22 anni più di mio fratello, sono pronto a qualsiasi cosa», conclude la lettera inviata da Salvatore Borsellino.

Il figlio di Totò Riina è balzato agli onori delle cronache grazie all’invito di Bruno Vespa a prendere parte a una puntata di Porta a Porta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento