24.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
24.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
Homepadrini & padroniSalvatore Borsellino: «Pronto a tutto per fermare Riina junior»

Salvatore Borsellino: «Pronto a tutto per fermare Riina junior»

«Presentazione libro Riina a Palermo, sono pronto a qualsiasi cosa», dice il fratello del giudice Borsellino, trucidato da Cosa Nostra

di Francesco Ruggeri

salvatore-borsellino

«Se il 18 giugno dovesse essere permesso a Salvo Riina di presentare il suo libro a Palermo, sarò a Palermo per impedire questa ulteriore offesa alla memoria di mio fratello e dei ragazzi massacrati insieme a lui», fa sapere Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso da Cosa Nostra il 19 luglio del ’92 assieme a cinque agenti della scorta nella strage di Via D’Amelio. Era  per Totò Riina l’ostacolo principale alle trattative mafia-stato.
«Niente e nessuno mi potrà impedire di farlo. Ho 74 anni, ho vissuto già 22 anni più di mio fratello, sono pronto a qualsiasi cosa», conclude la lettera inviata da Salvatore Borsellino.

Il figlio di Totò Riina è balzato agli onori delle cronache grazie all’invito di Bruno Vespa a prendere parte a una puntata di Porta a Porta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina