2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
2 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaFrancia, giornalista in coma. Ecco il video che inchioda la polizia

Francia, giornalista in coma. Ecco il video che inchioda la polizia

Esce dal coma dopo 11 giorni, il giornalista ferito dalla polizia durante la manifestazione del 26 maggio. Testimoni: «Qualcosa è successo nell’ambulanza. Sentivamo le urla»

di silestminuit

“Violenze della polizia, giornalista in coma: cos’è successo nel vicolo di soccorso?”, si chiede il video che vi mostriamo.

Romain, giornalista indipendente, è uscito ieri dal coma dopo essere stato colpito da una granata di “disaccerchiamento” lanciata senza motivo da un poliziotto durante una manifestazione contro la “Loi travail”. Romain cade a terra, colpito da una scheggia alla tempia. Nelle immagini lo vedete salire cosciente sull’ambulanza. Sorrideva all’arrivo dei vigili del fuoco. Era il 26 maggio, giorno di grande manifestazione. Poi a un certo punto salgono anche due poliziotti con caschi e armatura.

Poco dopo viene chiamata un’ambulanza per il soccorso d’emergenza e Romain D., ventottenne, è in coma, con un edema cerebrale e contusioni e ossa rotte, una frattura dell’osso temporale e dalla depressione della scatola cranica. Cosa è successo nel veicolo di soccorso? Testimoni dicono di aver sentito urla nell’ambulanza, gli agenti erano così agitati, là dentro, da far traballare l’ambulanza, e in una telefonata fatta ai familiari dall’ambulanza, rivelata dal quotidiano Liberation, si sentivano le urla di Romain. Le urla si sentono anche in un video, al minuto 5.49 «Vedendolo entrare in buone condizioni, ci è parso strano che due poliziotti vi si infilassero. Così abbiamo deciso di seguire l’ambulanza – hanno detto due ragazzi al quotidiano – i loro gesti erano così violenti da far muovere il furgone».

Questo sta succedendo in Francia. Questo sta facendo la polizia. Come dicevano gli studenti del maggio: “La polizia ci difende, ma chi ci difende dalla polizia?”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili