Campidoglio, e uscimmo a riveder le stelle

Campidoglio, e uscimmo a riveder le stelle

Campidoglio, Raggi di 5 stelle nel deserto della sinistra. Per Renzi il rottamatore si preannuncia un futuro da rottamato

di Maurizio Zuccari

xMappa-Municipi-elezioni-2016.jpg.pagespeed.ic.aOLDznFCb5

Il colpo d’occhio sulla mappa elettorale capitolina è impressionante. Roma si tinge di giallo, una macchia enorme. Resta al centro solo una corolla pieddina, cerchio attorniato da una marea gialla montante. L’onda lunga del grillismo ha imbarcato protesta e voglia di nuovo, spazzando via il povero Giachetti e le sue misere speranze di rivincita. Sconfitta tutta mia, s’è affrettato a dire da buon radicalrenzino. Ma pure lui, prono a legare l’asina dove vuole che ragli il padrone, sa bene che non è vero. Chi vede le stelle più di tutti è proprio Renzi. Sa che per lui l’ora è suonata, e ben più grave poteva essere il bilancio se Milano non avesse fatto breccia, concedendo una risicata vittoria a Sala. Il tracollo Pd è generale e Torino ne è il paradigma, nonostante rade Maginot sperse qua e là lungo lo Stivale (Bologna, Varese, Cagliari). Al punto che per il padre padrone di un partito che non c’è più si profila il redde rationem del referendum d’autunno. Cioè, la fine del renzismo. Del partito a immagine e somiglianza del premier. Del partito unico della nazione come solo orizzonte praticabile. Un’ipotesi non più gestibile dal rottamatore in via di rottamazione, anche se resta all’orizzonte della storia. All’altro ex signore e padrone della politica italiana per un ventennio, poveretto, non resta che augurare pronta guarigione e serena vecchiaia.

I pentastellati hanno beneficiato dell’harakiri della sinistra e delle divisioni della destra, ma questo non basta a spiegare le ragioni del successo. Il terzo polo è nato e non è che l’inizio, la fine della seconda Repubblica e del bipolarismo è un fatto non più eludibile. Su di loro pende la spada di Damocle della riuscita, la missione quasi impossibile di restituire a Roma e al paese la dignità d’un futuro possibile. Una scommessa tutta da perdere. Dalla capitale a Torino, a Carbonia, quanti si sono affidati ai grillini per fare tabula rasa e ripartire non potranno che ricevere lacrime e sangue. Senza che gli autori del repulisti annunciato possano aspettarsi premi elettorali di sorta. Un ceto politico immaturo e protestatario, veicolato da intelligenze oscure e blob in deficit di democrazia, com’è stato dipinto finora il movimento, dovrà essere pronto al grande balzo, a governare davvero, per ora nella capitale, domani si vedrà. La bistrattata gente gli ha dato fiducia, e quanto a democrazia interna e malgoverno, nessuno (a sinistra e tantomeno a destra) può dare loro lezioni, a meno di non coprirsi di malafede e ridicolo.

I Cinquestelle, al momento, restano una speranza più che una certezza. Raggi di sole nel deserto della sinistra. I frammenti di questa si mostrano incapaci di un’analisi politica coerente e compiuta. Sempre più distanti dalla gente, si baloccano in una visione distopica della realtà politica e sociale del Belpaese. Un esempio: credere che un movimento di milioni di elettori che si avvia a divenire forza politica primaria e dirigente del paese possa essere eterodiretto da una manina occulta e virtuale, vuol dire azzerare ogni residua intelligenza e compiacersi della propria irrilevanza, aver dimenticato l’abc gramsciano d’una politica che sa rendersi egemone. Manca un’analisi concreta delle proprie inadeguatezze e di quanto ha reso il grillismo un movimento forse populista, certo popolare. Quel popolo a cui la sedicente sinistra ha volto le spalle – infatti resiste solo arroccata ai Parioli e nei salotti buoni – o dimenticato per darsi a battaglie distanti anni luce dall’abc del sociale: casa, lavoro, diritti primari e non appalto d’una minoranza pseudo progressista. Dai Cinquestelle al governo di Roma e d’altrove non c’è forse da attendersi molto, tranne che facciano tabula rasa dell’esistente e affossino la follia delle Olimpiadi e della cementificazione fine a sé stessa, come il nuovo stadio della capitale. Ma oggi uscimmo a riveder le stelle, come diceva il poeta, anche se la natural burella, per dirla ancora col sommo, resta oscura e tutt’altro che finita.

www.mauriziozuccari.net

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

3 Commenti

  1. eugenia

    Secondo me l’analisi che fai è inficiata dal tuo insistere a parlare di sinistra, una parola sola non significa niente, è il contesto che la spiega e la nostra sinistra è ormai annegata nell’ideologia della destra neoliberista e finazista, la sinistra, come parola, non ha senso se non per la destra che artificialmente la tiene in vita per addossarle qualche colpa in più, non dobbiamo fare il loro gioco, il Pd è destra europeista e austeritaria (austerità&autorità)… processare quella “sinistra” di cui parli tu è come processare un morto che ha rinnegato la propria vita prima di essere ucciso … la differenza, l’unica, la fanno i comunisti …

    Rispondi
    1. maurizio Zuccari

      mia cara, hai ragione, ma nel termine volutamente vago e ondivago di sinistra infilo tutto. Tutti gli spezzoni di chi crede(va) d’essere sempre al passo della storia e perde(va) ogni treno. Quando Renzi sarà mandato a casa dal referendum e quei quattro stracci di sinistra voleranno via da un parlamento esautorato, dove saranno i comunisti, termine ancora più vago e ondivago? A raccogliere briciole di consenso nelle piazze, che solo a sentire la parola gli tirano le pietre? Ad astenersi, ché nessuno li merita? Io non ho più l’età da un pezzo per pigliarmi le sassate della rivoluzione e le palle dell’ordine, come diceva un tale. Però ho ancora l’età per sognare (illudermi, forse), che i 5S siano gente normale che vuole cambiare le cose. Senza etichette. Chi è senza peccato scagli la prima pietra, diceva un tale, uno dei tanti che girava la Palestina ciarlando, anni fa. Ma a quello preferisco l’altro che fa camminare sul lago d’Iseo. Spero di portarci i miei figli, ‘sto fine settimana. Se sei da quelle parti ci salutiamo a pugni chiusi. Stretti in tasca.

      Rispondi
  2. Eugenia

    Le tue speranze nel M5s sono per nostra sfortuna mal riposte. Il tuo atteggiamento psicologico nei confronti della politica è istintivo, ma come spiega Marx “le idee dominanti sono in ogni epoca le idee della classe dominante” e come scrive Gramsci “sottomettersi all’istintivo è sottomettersi all’ideologia borghese”, la differenza, la sola, è quella che svela la legge economica del sistema in movimento della società moderna, e questa legge è il modo di produzione capitalistico. A questo proposito Gramsci scriveva che quando conosciamo gli arnesi dei nostri nemici possiamo progredire muovendo da un senso di “distinzione”, di “distacco” e di “indipendenza”. Queste qualità da istintive divengono organizzate e servono per progredire verso la costruzione di una concezione del mondo coerente e unitaria. Questo sistema sarà di segno opposto a quello in cui viviamo.
    Ci aggiriamo come spettri in questo spazio ormai virtuale, misconosciuti, vilipesi e disprezzati dal sistema che mette in circolo le idee dominanti. Questo dovrebbe incuriosirti, sei un bella penna e ti si aprirebbe un mondo pieno di tesori e intelligenze, se solo lo volessi!

    Rispondi

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Cookies necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

__cfduid, csrftoken, JSESSIONID, SESS#
__cfduid
SESS#
JSESSIONID

Cookies per preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi

lang, lang
lang
lang

Cookies statistici

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gali, _gat, _gid, d
d
_ga, _gali, _gat, _gid

Cookies per il marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi. Tali dati sono raccolti in forma anonima.

_twitter_sess, ATN, bcookie, bscookie, c, ck1, CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST, collect, CSNUtId, ct0, drtn#, DSID, everest_g_v2, everest_session_v2, external_referer, gglck, guest_id, i/jot/syndication, id, IDE, khaos, leo_auth_token, lidc, mc, mdata, na_id, na_tc, NID, pcs/activeview, personalization_id, r/collect, rlas3, rtn1-z, test_cookie, UID, UIDR, uuid, visit,
ct0, external_referer, personalization_id
ATN
bcookie, bscookie, leo_auth_token, lidc, RT, visit, _auth
c, khaos
ck1, drtn#, rlas3, rtn1-z
CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST
collect, NID
CSNUtId
dpixel, mc
DSID, IDE, doubleclick.net, test_cookie
everest_g_v2, everest_session_v2, gglck
id, mdata
na_id, na_tc
pcs/activeview
UID, UIDR
uuid
_pinterest_sess

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?