Fca condannata per i licenziamenti a Pomigliano

Fca condannata per i licenziamenti a Pomigliano

Fca. Ribaltata la sentenza di primo grado: i cinque di Pomigliano non dovevano essere licenziati. L’azienda era irritata per una manifestazione satirica contro i suicidi operai

di Checchino Antonini

img-20160920-wa0003

 

Ce l’hanno fatta, i cinque di Pomigliano hanno vinto! E’ festa al presidio permanente in Piazza Municipio. Era illegittimo il liceziamento di Mimmo Mignano, Marco Cusano, Roberto Fabbricatore, Massimo Napolitano e Antonio Montella. I giudici del tribunale di Napoli hanno ribaltato la sentenza dei colleghi di Nola che avevano assecondato la richiesta della Fiat di confermare il licenziamento, il 5 giugno 2014, dei cinque operai colpevoli di aver messo in scena, fuori dai cancelli di Pomigliano, il suicidio di un “Marchionne pentito” (un fantoccio) per l’ondata di suicidi con ogni evidenza scatenata dalla politica industriale di Corso Marconi. I cinque sono tutti aderenti al SiCobas e, in quanto tali deportati e mobbizzati dal management Fiat nel polo logistico di Nola assieme a parecchi iscritti Fiom, tutti i lavoratori con ridotte capacità lavorative e quelli con un contenzioso aperto con l’azienda. Con un nodo alla gola, Antonio Montella, 55 anni metà passati in Fiat, dedica la notizia a chi non c’è più, ai colleghi che si sono tolti la vita. Dice che si sente, con i suoi compagni come Davide quando ha battuto Golia. Spiega infine che è una vittoria a disposizione della libertà di opinione di tutti gli altri lavoratori, dentro e fuori dal gruppo guidato da Marchionne. Un appello di solidarietà ai 5 è stato firmato da migliaia di persone. Stupisce l’assenza delle firme di Landini che pure su Pomigliano ha costruito gran parte della sua immagine di lottatore.

14432972_649946985180631_2309315472990822051_n

Testata_Left_2014In corteo, i cinque di Pomigliano e centinaia di persone venute da Melfi, Taranto, dalla Val Susa, Roma, Torino, hanno raggiunto il Tribunale di Napoli il 20 settembre, per il processo d’appello. «La sentenza di Nola nega che si sia trattato di una manifestazione sindacale e che ci sia un nesso di causalità con l’ondata di suicidi – spiega a Left, nel numero ora in edicola, Pino Marziale, legale dei cinque operai – e, soprattutto, estende gli obblighi di fedeltà all’azienda anche fuori dall’attività lavorativa, sebbene i cinque non mettessero piede in fabbrica da quasi sei anni. C’è un clima repressivo che si respira anche nelle aule dei tribunali. La parola magica sembra essere “vincolo fiduciario”, come se il lavoratore appartenesse al datore di lavoro».

«Immagina un capannone – spiega Antonio Montella – come una piazza ma coperta. Vuota, mille metri quadrati per 150 operai ad ogni turno. E che non hanno nulla da fare. Come centocinquanta detenuti in un’ora d’aria moltiplicata per otto, qua e là a chiacchierare in piccoli gruppi. Ecco cos’è un reparto confino. Ogni tanto arrivavano le “cassette”, pezzi fuori misura per passare sulla linea di montaggio, che noi dovevamo sistemare in una sorta di scaffale a rotelle da affiancare alla catena per eliminare i tempi morti, sveltire il lavoro». Doveva essere un grandissimo polo, così aveva giurato la Fiat, ma è durato pochi mesi. Poi per Antonio e altri 315 deportati da Pomigliano è stata solo la fabbrica della disperazione, tutti in cassa integrazione dal 2008, mai o quasi mai richiamati al lavoro.

L’hangar sta a Nola, si chiama World Class Logistic (WCL).  Il tribunale di Nola non ci ha trovato nulla di discriminatorio ma, solo nel 2014, nel giro di pochi mesi, si sono suicidati tre lavoratori e altrettanti hanno tentato di farlo. «Non si può continuare a vivere per anni sul ciglio del burrone dei licenziamenti», scriveva nel 2011, dopo i primi suicidi, Maria Baratto, operaia che tre anni dopo si è tolta la vita nella sua casa di Acerra. Era la fine di maggio. Quaranta giorni prima s’era ucciso Peppe De Crescenzo, suo compagno di lotte, da 7 anni licenziato arbitrariamente ed ancora in attesa della causa rimandata alle calende greche dai giudici del lavoro di Nola. Lo stesso tribunale che ha dato ragione alla Fiat quando ha licenziato Antonio e altri quattro per aver manifestato tutto lo sdegno e il dolore per quei suicidi. Era il giugno del 2014. Una manifestazione satirica ai cancelli del Wcl: il manichino di un improbabile Marchionne pentito che s’impicca pentito per il male derivato ai lavoratori dalle sue scelte. [segue su Left, numero 39]

img-20160920-wa0004

 

Related posts

4 Comments

  1. gilgamesh Istar

    Poi se a causa di questi 5 cialtroni non vi assegnano un altro modello da costruire: dite grazie ai giudici e a sti 5 imbecilli. Passo e chiudo.

    Reply
      1. gilgamesh Istar

        … e ti aggiungo che mi sono contenuto nella risposta per non offendere i lettori che non c’entrano nulla … ma non immagini nemmeno cosa penso di te. Osannare gente che fa del proprio datore di lavoro un manichino con l’impiccato, quando c’è un sacco di povera gente che per mantenere decoro per se e la sua famiglia si fa un paiolo così. E questi invece fanno le sfilate “satire” … Ma impiccati tu e loro: non Marchionne.

        Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.