martedì 25 settembre 2018

Pomigliano: gli operai, noi e i giudici con la schiena dritta

Pomigliano: gli operai, noi e i giudici con la schiena dritta

Vittoria dei 5 licenziati di Pomigliano, un  licenziamento politico illegittimo che colpiva la libertà d’opinione degli operai come cittadini della Repubblica

di Giorgio Cremaschi

14440847_10209154196366445_1780477386480326440_n

Il licenziamento di Mimmo Mignano e degli altri quattro operai è nullo, la Fiat li deve riprendere tutti al lavoro.  Lo ha deciso il Tribunale di Napoli in sede di  appello riformando così le due precedenti sentenze della sede di Nola, che avevano invece dato ragione all’azienda. Mimmo e gli altri avevano protestato dopo il suicidio di Maria Baratto, ennesimo tra gli operai cassaintegrati in   Fiat, con una rappresentazione satirica fuori dall’azienda e dall’orario di lavoro. E  l’azienda li aveva licenziati per  “rottura del rapporto di fiducia”.

Quello dei cinque operai Fiat è  stato un  licenziamento politico che colpiva la libertà d’opinione degli operai come cittadini della Repubblica. Questo abbiamo sostenuto in questi mesi assieme a loro e a militanti e rappresentanti sindacali e politici,  giuristi, intellettuali,  artisti. Questo aveva dimostrato Pino Marziale nella sua argomentatissima arringa in difesa degli operai. Ora anche il giudice afferma che è proprio così.

Per l’arroganza di Marchionne e del suo modo di pensare ed agire è un duro colpo. I lavoratori non sono sudditi medioevali sui quali l’impresa abbia diritto di potere assoluto, dentro e fuori il posto di lavoro.  Oltre mercato, il profitto, il potere ci sono i diritti sanciti dalla nostra Costituzione. Costituzione che non a caso non piace al capo della Fiat, alla banca Morgan e naturalmente al loro referente politico, Matteo Renzi.

La sentenza di Napoli mostra la forza che si può creare,   quando la mobilitazione democratica incontra e sostiene persone che non si arrendono  e che sono disposte a rischiare tutto per la giustizia. E dobbiamo ricordare ora i terribili giorni trascorsi da Mimmo Mignano a cinquanta metri di altezza su una gru nel centro di Napoli.

Quando la determinazione di un gruppo di operai che crede nelle sue e nelle nostre ragioni diventa un movimento civile e morale,  quando chi lotta dalla parte e per le ragioni della giustizia incontra finalmente un giudice sensibile solo alle ragioni del diritto, e non a quelle del mercato, dell’impresa, del potere. Quando tutto questo su verifica,  la libertà si afferma e il potere autoritario e prepotente viene sconfitto.

Grazie a Mimmo e agli altri quattro compagni che ci hanno dato ragioni e forza in più  per lottare. Grazie a chi si è mobilitato per loro. E grazie ai giudici di Napoli che hanno tenuto la schiena dritta .

E come ci siamo detti nelle tante iniziative di solidarietà di questi  giorni, diamoci da fare perché al referendum del 4 dicembre vinca il No. E così  vengano ancora sconfitti Renzi, Marchionne e tutti coloro per i quali i principi sociali della  nostra Costituzione non dovrebbero più valere nulla di fronte all’impresa e ai suoi affari.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.