26.1 C
Rome
mercoledì 4 Agosto 2021
26.1 C
Rome
mercoledì 4 Agosto 2021
HomecultureCorbyn: «Siamo tutti Daniel Blake. E insieme possiamo farcela»

Corbyn: «Siamo tutti Daniel Blake. E insieme possiamo farcela»

Jeremy Corbyn e  il film di Ken Loach, “Io, Daniel Blake”, «mostra la realtà del Regno Unito, gli spettatori usciranno dal cinema arrabbiati ed esigeranno dei cambiamenti».

Pressenza London

397ef83c00000578-3849290-image-m-26_1476824559276

La settimana scorsa il leader laburista ha partecipato a Londra alla prima del film di Kean Loach “Io, Daniel Blake”, vincitore della Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes.

Nella recensione comparsa su Vice Oscar Rickett riferisce di aver chiesto a Corbyn se a suo parere il film poteva influire sull’opinione pubblica. Corbyn ha risposto che “a causa delle politiche fallimentari e ingiuste del governo conservatore tanta gente in Gran Bretagna deve sottoporsi alla trafila indegna descritta nel film per via del nostro sistema assistenziale. Gli spettatori usciranno dal cinema arrabbiati ed esigeranno dei cambiamenti.”

Nella sua pagina Facebook Corbyn denuncia lo scandalo degli stipendi da fame nel Regno Unito e accusa i conservatori di non aver fornito sicurezza e opportunità a chi lavora e anche a chi perde il lavoro. I banchi alimentari ormai nutrono un milione di persone e situazioni come quelle descritte nel film sono frequenti, insostenibili e tragiche.

“Il prossimo governo laburista investirà nell’educazione e in nuove industrie per fornire lavori decenti a tutti” promette Corbyn. “Prenderà misure riguardo al costo della povertà estrema, facendo in modo che nella sesta economia più ricca del mondo nessuno debba restare senza cibo o alloggio, le persone con bisogni particolari ricevano un sostegno adeguato e nessuno venga stigmatizzato per aver perso il lavoro senza averne alcuna colpa.”

“Siamo tutti Daniel Blake. E insieme possiamo ricostruire e trasformare la Gran Bretagna, in modo che nessuna persona e nessuna comunità restino indietro” conclude Corbyn, ripetendo quello che è ormai diventato il tema ricorrente di tutti i suoi interventi.

img_1554-720x720

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste