26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
Homein genereQuando il Grillo parlante farebbe meglio a tacere

Quando il Grillo parlante farebbe meglio a tacere

“Donne col belino” e altre porcherie. Linguaggio da caserma e battute transfobiche di Grillo, il sedicente moralizzatore della politica italiana

di Sat Pink Verona e Padova
beppe-grillo_620x410

E’ notizia recente quella che vede nuovamente Beppe Grillo, durante uno spettacolo comico dal titolo “Grillo vs Grillo” trasmesso su Netflix, prendersela con le persone transessuali e transgender, che ridicolizza, umilia e offende, tra il ludibrio generale del pubblico pagante e accorso per assistere ai sui sketch.

Il motivo per cui Beppe Grillo ce l’abbia così a morte con le persone trans non è a noi noto, certo è che le battute che a loro rivolge sono degne dei più beceri discorsacci che si possono sentire nei più infimi bar di periferia.

Dal palco dice: “C’erano i travestiti, non i transgender. Oggi se fai una battuta sui trangender ti prendi dieci querele, s’incazzano”. Chi è per Grillo una persona transgender? “È una donna col belino. O è una donna col belino o è un uomo che parla troppo. Che cazzo devi fare?. Transgender…  E infatti c’erano i portuali, che si mettevano la parrucca, andavano coi tacchi, prendevano un marine ubriaco se lo inchiappettavano, poi lo buttavano sulla portaerei. Non c’erano le escort, c’erano le bagasce“.

Ovvio che certe affermazioni si commentano da sole, e sia chiaro che qui nessuno pretende di ergersi a censore su ciò su cui si possa o meno scherzare, certo è che prendersela in modo così triviale e irrispettoso nei confronti delle persone trans e transgender mostra non solo mancanza di tatto, rispetto ed educazione, ma anche ignoranza e pregiudizio. Sì, perché, caro signor Grillo, le “donne col belino”, come le definisce lei, sono persone che non valgono né più né meno di altre, che hanno una propria vita alle spalle e che si trovano a intraprendere un percorso non per scelta o per farla ridere e sollazzare (e pensi lei a che livelli di pochezza è se trova risibili le donne trans), bensì per necessità, poichè non esiste per loro alcuna altra possibilità se non quella di essere finalmente ciò che hanno sempre saputo di essere.

Non perdiamo neppure due minuti a commentare le risate del pubblico, e sa perché? Perché siamo, purtroppo, abituati a questo clima in cui si devono sempre colpire le fasce più deboli. Ci si lamenta e si prendono misure contro il bullismo e la discriminazione nelle scuole, poi basta guardare un suo spettacolo per ritrovarsi spiattellati sul palco i peggio stereotipi e insulti dati in pasto a un pubblico pagante e adorante.

Le persone transgender si incazzano? Speriamo proprio di sì.

Lo quereleranno? Ce lo auguriamo.

Ci auguriamo anche che lei non arrivi mai a ricoprire ruoli politicamente significativi, perché, sa com’è, non vorremmo ritrovarci inondati dalla sua dose quotidiana di ignoranza.

—————————————————————–

Sat Pink Verona e Padova
SAT PINK – Servizio Accoglienza Trans Verona & Padova
 
Verona
Via Cantarane, 63/C (quartiere Veronetta), 37129 Verona
tel: 3426318831 – e-mail: satpinkverona@gmail.com
Padova
Corso G. Garibaldi, 41 (presso circolo Arcigay Tralaltro), 35121 Padova
tel: 3426318831 – e-mail: satpinkpadova@gmail.com

Facebook
 
Il SAT è aperto:
Padova: tutti i mercoledì dalle 19.00 alle 21.00
Verona: tutti i giovedì del mese dalle 19.00 alle 21.00
Per gli altri giorni si riceve su appuntamento
Per info e contatti: 342 6318831 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste