19.3 C
Rome
martedì 26 Gennaio 2021
19.3 C
Rome
martedì 26 Gennaio 2021
Home cronache sociali Berlinguer e la cugina che leggeva fotoromanzi

Berlinguer e la cugina che leggeva fotoromanzi

Dedicato alle ragazze che leggono Grand Hôtel”, dalla prefazione di Berlinguer a “L’avvenire non viene da solo”, antologia del 1949 di “Gioventù nuova”, la casa editrice della Fgci

di Enrico Berlinguer

Schermata 03-2457823 alle 11.50.12

Difficile dire se le ragazze del nostro tempo leggano abbastanza, ho una cugina che passa tutto il giorno a divorare racconti, romanzi, riviste. Molte altre, senza dubbio, leggono – almeno per la quantità – in misura più che sufficiente.

Ad altre, forse la maggioranza, la durezza del lavoro, le cure domestiche, la mancanza di mezzi finanziari impediscono di godere le emozioni della lettura.

Più interessante sarebbe conoscere a fondo che cosa leggono, in generale, le ragazze italiane d’oggi. Si dice che Liala, Peverelli, Mura, Dias siano fra le scrittrici preferite, la «Bibliotechina per signorine», le edizioni Salani fra le pubbicazioni preferite.

Si dice anche, fra di noi – e molti, non lo nascondo, se ne rammaricano – che molte siano le ragazze, anche tra quelle politicamente più evolute, che hanno in “Grand Hotel” la lettura più appassionante. Si esagera, forse, e, in ogni caso, non si considera e non si comprende quanto difficile sia oggi, per una ragazza, avere una scelta felice nel gran mare di mercato librario che è grande nella quantità quanto insufficiente e povero nella qualità e nella varietà.

A meno che non si pretenda – e noi non pretendiamo di certo, perché sappiamo comprendere le ragazze e perché giovani siamo anche noi – che le ragazze leggano solo di filosofia o di catechismo.

Non è davvero nelle nostre intenzioni negare alle ragazze il diritto di scegliere le loro letture, di appassionarsi ad avventure o a vicende d’amore. Vorremmo soltanto aiutarle a comprendere che, alle volte, in chi scrive quelle avventure, in chi immagina quelle storie di amore, vi è l’intenzione di farci palpitare per le avventure di altri, di farci sognare qualcosa che non appartiene al nostro mondo per impedirci di aprire gli occhi, di unirci, di operare per rimuovere insieme gli ostacoli che impediscono a tante ragazze di conquistarsi un loro avvenire, portare a compimento il loro sogno d’amore, di avere tutte la loro famiglia e di raggiungere la loro felicità in una società che più non conosca, per i pochi, il privilegio, il lusso, il capriccio e, per i molti, l’umiliazione, lo scherno, la miseria.

Vogliamo, soprattutto, indicare alle ragazze che sono stati scritti altri libri, che esistono altre letture che sanno rispecchiare – anch’essi – i loro sogni e le loro aspirazioni, che sanno essere anch’essi appassionanti, perché parlano della più grande delle avventure, che è la nostra vita di ogni giorno.

1 COMMENTO

  1. buongiorno. vorrei sapere dove posso compare questo romanzo che lo cerco da tanto tempo.
    l’aveva mia madre:

    “Dedicato alle ragazze che leggono Grand Hôtel”, dalla prefazione di Berlinguer a “L’avvenire non viene da solo”, antologia del 1949 di “Gioventù nuova”, la casa editrice della Fgci

    di Enrico Berlinguer

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La Società della Cura lancia un Recovery Planet

Col Recovery Plan l'Unione europea tenta di riproporre la gabbia liberista. La Società della Cura prova a forzare quella gabbia

Conte sale al Colle con le dimissioni in tasca

La scelta delle dimissioni non ferma la caccia ai 'responsabili’. Anzi, offre a Conte tempi supplementari per l'ipotesi di coalizione Ursula

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette