7.2 C
Rome
mercoledì 1 Dicembre 2021
7.2 C
Rome
mercoledì 1 Dicembre 2021
Homepadrini & padroniTurchia: Amnesty sotto attacco

Turchia: Amnesty sotto attacco

Arrestata in Turchia Idil Eser, direttrice locale di Amnesty, insieme ad altri 12 attivisti che si trovano a Buyukada per un workshop sui diritti umani

di Marina Zenobio

Idil Eser e Taner Kilic, rispettivamente direttrice e presidente di Amnesty International Turchia, entrambi in carcere
Idil Eser e Taner Kilic, rispettivamente direttrice e presidente di Amnesty International Turchia, entrambi in carcere

All’alba in Turchia è stata arresta Idil Eser, la direttrice di Amnesty International Turchia, insieme ad altri 12 attivisti per i diritti umani, compresi due stranieri di nazionalità tedesca e svedese. Il gruppo era ospite in un hotel di Buyukada, una delle isole a largo di Istanbul sul mar di Marmara, per un convegno sui diritti umani. Portati in caserma, fino ad ora nessuno di loro ha potuto incontrare gli avvocati né sono state rese note le accuse a loro rivolte dal governo turco.

Il blitz fa seguito a quello del mese scorso durante il quale è stato arrestato il presidente di Amnesty Tuchia, Taner Kilic, tutt’ora in carcere con l’accusa di terrorismo. Kilic è stato anche uno degli avvocati difensori del giornalista italiano Gabriele del Grande, a cui è stato molto vicino durante le sue due settimane di fermo in Turchia dell’aprile scorso.

Salil Shetty, segretario generale di AI è intervenuto per manifestare la preoccupazione e l’indignazione per il trattamento riservato in Turchia ai difensori dei diritti umani. Riferendosi a Idil Eser e agli altri arrestati ha dichiarato: “Il suo arresto in regime di isolamento e quello degli altri attivisti è un abuso grottesco che mette ben in evidenza le precarie condizioni in cui si ritrovano ad operare coloro impegnati nella difesa dei diritti umani in Turchia. Idil Eser e tutte le altre persone con lei arrestata devono essere liberate, subito e senza condizioni”.

Shetty ha poi continuato rivolgendosi ai leader mondiali riuniti in questi giorni ad Hamburgo per il G20, dove è presente anche Erdogan, accusandoli di aver finora mostrato troppa tolleranza rispetto al collasso dei diritti umani in Turchia; “Ora che il presidente Erdogan é con voi riunito sarebbe il momento per un pronunciamento determinato e chiedere la liberazione di tutti gli attivisti dei diritti umani incarcerati”.

Dal fallito golpe del 15 luglio sorso, in Turchia sono state arrestate oltre 50 mila persone e 150 mila licenziate perché accusate di aver favorito il golpe.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Se l’esodo diventa una fuga

No-vax di sinistra, libertà e pensiero dialettico

Scieri, il Gup assolve il generale dello Zibaldone

Tre assoluzioni e due rinvii nell'udienza preliminare per la morte di Emanuele Scieri, il parà della Folgore morto a  Pisa il 13 agosto 1999

Nel quartiere in cui la felicità era un modo di resistere

Il primo capitolo de I baci sul pane*, romanzo del 2015 della scrittrice scomparsa il 27 novembre [Almudena Grandes]

Quello che non ti ho mai detto, Almudena

Da Mundo Obrero, organo del Pce, una commovente lettera ad Almudena Grandes [Esther López Barceló*]

Almudena Grandes, la voce della resistenza

Un'autrice essenziale nella letteratura spagnola. Ha voluto raccontare la resistenza contro il franchismo [Silvina Friera]