16.2 C
Rome
lunedì 8 Marzo 2021
16.2 C
Rome
lunedì 8 Marzo 2021
Home padrini & padroni Come prevenire l’odio e il terrorismo

Come prevenire l’odio e il terrorismo

Come prevenire l’odio e il terrorismo: volontari di 9 paesi a confronto. Il progetto europeo “Brave” con partner della società civile di Europa, Africa e Medio Oriente

hate-speech

ROMA – Come si possono migliorare le strategie di prevenzione dell’estremismo violento? E quale ruolo possono avere le associazioni di volontariato e i giovani? Alcune proposte operative potrebbero venire nei prossimi mesi da “BRAVE – Building Resilience Against Violent Extremism”, un originale progetto europeo appena approvato, promosso dal CSV di Belluno insieme a CSVnet con la partnership di otto associazioni non profit di altrettanti paesi europei, africani e del Medio Oriente.

Prevenire atti di violenza e di estremismo è oggi più importante che mai. La lotta non violenta contro l’odio e la paura deve essere combattuta a livello locale coinvolgendo chi giorno dopo giorno si impegna per una società più coesa e solidale. Concetti come partecipazione, inclusione e solidarietàsono i pilastri dell’associazionismo e del volontariato ma potrebbero diventare importanti strumenti di azione utilizzati a livello globale come arma di prevenzione e di contrasto degli estremismi.

È il Consiglio di Sicurezza delle Nazione Unite a ribadire che gli atti di terrorismo non possono essere affrontati unicamente con misure repressive: nella risoluzione 2178 (2014) si afferma che è essenziale che gli Stati si adoperino per il coinvolgimento delle comunità locali, delle organizzazione non governative e di tutto il mondo associativo per mettere in atto delle strategie partecipative di contrasto alla violenza, estremismo e terrorismo. La risoluzione 2250 (2015) rimarca ulteriormente l’importanza di coinvolgere nei processi decisionali i giovani a ogni livello, locale, regionale, nazionale e internazionale.

Nello stesso testo viene promosso l’utilizzo di metodologie partecipative di prevenzione e risoluzione dei conflitti come la Counter Violent Extremism (CVE) che rappresenta un’efficace strumento per lavorare in questo senso. Adottata a livello internazionale da grandi organizzazioni come le Nazioni Unite o l’Homeland Security degli Stati Uniti d’America, la CVE è utilizzabile anche in contesti locali.

A questa metodologia si affida il progetto “BRAVE”, in cui il mondo dei Centri di servizio per il volontariato opererà insieme a organizzazioni della società civile di Tunisia, Giordania, Portogallo, Georgia, Malta, Croazia, Marocco e Spagna. Il progetto, finanziato grazie al programma Erasmus+, è nato con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza e la comprensione del fenomeno di radicalizzazione violenta e del“discorso di incitamento all’odio” (hate speech) inteso come comprensivo di tutte le forme di espressione miranti a diffondere, fomentare, promuovere o giustificare tutte le forme di odio fondate sull’intolleranza.

L’obiettivo generale è quello di dare un forte contributo alla lotta contro l’estremismo, l’intolleranza e l’istigazione all’odio anche online, basandosi fermamente sulle azioni che promuovono il rispetto dei diritti umani, la dimensione di genere, la democrazia, la partecipazione, l’inclusione sociale e il dialogo interculturale. L’approccio mira a identificare, esplorare e sviluppare possibili modelli alternativi per migliorare la partecipazione alle azioni di prevenzione di violenze estremiste, creando una nuova rete di organizzazioni giovanili e capitalizzando ogni esperienza locale.

Ventuno operatori selezionati dai partner del progetto parteciperanno ad un corso di formazione che si terrà a Mezzano (TN) dal 12 al 20 dicembre 2017. Verrà utilizzato un approccio interattivo e partecipativo, con attività di team building, giochi di ruolo, visite studio, discussioni e dibattiti. I partecipanti approfondiranno la conoscenza delle attuali sfide legate all’estremismo violento e al discorso di incitamento all’odio, acquisendo le motivazioni e la fiducia necessarie per intraprendere azioni per affrontare queste sfide. Inoltre, aumenterà la loro consapevolezza di come le realtà dell’impegno sociale possono giocare un ruolo concreto nel contrastare l’estremismo violento e la diffusione di odio a livello locale. (Elena Casini e Nicolò Triacca)

© Copyright Redattore Sociale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Teorema Mar Jonio, Casarini: «Sono colpevole. Come Lucano»

Il "teorema" contro la nave di Mediterranea, interviene Luca Casarini, uno dei quattro indagati per "reato di solidarietà"

Cucchi, al processo si cerca l’origine dei depistaggi

Il processo sui depistaggi prova a mettere a fuoco le fasi in cui è scattata la macchina del fango contro la vittima e la famiglia Cucchi

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo