6.4 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
6.4 C
Rome
domenica 18 Aprile 2021
Homepadrini & padroniGig workers, l'Italia dei lavoretti da fame

Gig workers, l’Italia dei lavoretti da fame

Infografica: Rapporto Coop 2017 – italiani.coop @RapportoCoop
Gig worker Rapporto Coop 2017

MILANO – Il 27% degli italiani che hanno un impiego a tempo pieno o indeterminato, svolge anche altri lavoretti per arrotondare il proprio reddito. E tra questi, il 41% tramite app o piattaforme on line. È quanto emerge dal Rapporto Coop 2017, che quest’anno presenta anche un capitolo sui cosiddetti “Gig worker”: dai “pony” che portano cibo a domicilio in bici a chi gestisce profili di piccole aziende sui social network.

Dalle interviste a un campione di circa 500 Gig worker, si scopre che la maggioranza (54%) è costituita da uomini, il 69% ha tra i 20 e i 39 anni e il 60% ha un diploma di scuola superiore. Questi lavoretti rendono poco: il 65% dichiara che al massimo arriva a guadagnare 50 euro al mese, il 18% da 50 a 100 euro. C’è chi, il 14%, è più fortunato (o abile) e guadagna da 100 a 500 euro, il 2% fino a mille euro e appena l’1% oltre i mille euro.

Proprio perché i lavoretti rendono poco, la maggioranza ne fa più di uno: per la precisione, il 24% ne fa due, il 17% tre e il 14% addirittura da 4 a 5. Inoltre, il 45% si dedica al secondo o terzo lavoro almeno una volta alla settimana e il 35% almeno una volta al mese. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

* Con gig economy si intende un modello economico sempre più diffuso dove  si lavora on demand, cioè solo quando c’è richiesta per i propri servizi, prodotti o competenze. Domanda e offerta vengono gestite online attraverso piattaforme e app dedicate: l’affitto temporaneo di camere (ad es. Airbnb), di attività da freelance come la progettazione di siti web (ad es. Upwork o Fivver), di vendita di prodotti artigianali (ad es. Etsy) e di trasporti privati alternativi ai taxi (ad es. Uber), le consegne a domicilio (ad es. di pasti pronti, come Deliveroo Foodora). Nella gig-economy i lavoratori sono tutti in proprio (in inglese self-employed) e svolgono attività temporanee / interinali / part time / saltuarie / provvisorie. Gig* /ɡɪɡ/ è una parola dell’inglese americano informale che descrive un lavoretto o un incarico (nel senso di compito occasionale o temporaneo). Ad esempio, nella piattaforma Fivverogni servizio o micro-job è chiamato gig. Da gig worker deriva il sinonimo colloquiale gigger.

TAG: LAVOROCOOP

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Emorragia cerebrale e fratture al viso. E' grave una donna colpita da un lacrimogeno sparato dalle truppe di occupazioni. Le ragioni della p...

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Da oggi a domenica La lezione del 2020. Spunti per il futuro, cento voci on line per un "quasi festival" della sinistra

Il vaccino razzista di Israele

La denuncia di 165 ong palestinesi: discriminati sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli di Gaza e Cisgiordania

Che cosa è una setta. Rai doc lo spiega con una serie

L'annuncio di Rai doc, una docuserie sulle psico-sette firmata da Massimo Lauria e Monica Repetto