-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniMsf: l'Europa alimenta il business della sofferenza in Libia

Msf: l’Europa alimenta il business della sofferenza in Libia

La presidente di Msf all’Ue: «Quella che ho visto in Libia è la forma più estrema di sfruttamento degli esseri umani: sequestro, violenza carnale, tortura e schiavitù. Gentiloni: «Lo sapevo»

di Francesco Ruggeri

«Quella che ho visto in Libia è la forma più estrema di sfruttamento degli esseri umani» basata «sul sequestro, la violenza carnale, la tortura e la schiavitù» ed «i leader europei sono complici» dello sfruttamento mentre «si congratulano del successo perché in Europa arriva meno gente» dall’Africa. È con queste parole che la presidente internazionale di Médecins sans Frontieres, Joanne Liu, ha lanciato l’attacco frontale contro le politiche europee (ed italiane) che cercano di chiudere la rotta dei migranti nel Mediterraneo Centrale.

Ed ha ribaltato le accuse alle Ong: «Chi è colluso con i trafficanti? Quelli che cercano e salvano le persone o quelle che permettono che le persone siano trattate come merci da imballare e vendere?». In una conferenza stampa tenuta a Bruxelles poche ore dopo aver pubblicato una lettera aperta recapitata a tutti i leader europei, Liu ha raccontato gli orrori visti di persona in un centro di detenzione “ufficiale” a Tripoli. Una visita che ha ispirato il titolo della lettera aperta: «I governi europei stanno alimentando il business della sofferenza in Libia».

«La detenzione di migranti e rifugiati in Libia è marcia fino al midollo. Va chiamata per quello che è: una fiorente impresa del sequestro di persona, della tortura e dell’estorsione. Ed i governi europei hanno scelto di tenere la gente in questa situazione. La gente – è scritto in uno dei passaggi della lettera – non può essere riportata indietro in Libia, né può essere rinchiusa lì». Nella conferenza stampa tenuta assieme al direttore generale di Msf, Arjan Hehenkamp, e al consigliere operativo, Jan-Peter Stellema, Liu ha riferito che «le donne incinte sono oggetto di violenza sistematica». Ha raccontato l’insensatezza degli aiuti parlando di una persona assistita da Msf per gravissima malnutrizione («ci è voluto un mese per farlo guarire, poi è stato riportato nel campo a soffrire di nuovo la fame»). Ed ha ribadito l’appello perché l’Europa apra vie di immigrazione legali.

«La gente – è scritto ancora nella lettera di Msf ai leader – è trattata come merce da sfruttare. Le persone sono stipate in stanze buie, luride, senza alcuna ventilazione e costrette a vivere una sull’altra». Nel mirino, la guardia costiera libica addestrata con finanziamenti europei, che «ha sparato» su una delle imbarcazioni di soccorso della Ong. I campi libici non sono centri d’accoglienza ma «prigioni» dove la situazione era già «abominevole qualche anno fa» e non è certo migliorata, ha ammesso la commissaria al Commercio Cecilia Malmstrom.

Ipocrite le reazioni della politica: «Non siamo ciechi», ha assicurato Catherine Ray, portavoce dell’Alto rappresentante Federica Mogherini, aggiungendo che la Commissione europea è «consapevole» che le condizioni di vita nei campi libici sono «scandalose ed inumane». «Siamo coinvolti e vogliamo cambiare la situazione», ha aggiunto, specificando che «la priorità di Msf e della Ue è la stessa: salvare le vite, proteggere le persone e spezzare il business del traffico di esseri umani». «L’allarme umanitario non solo lo condividiamo ma è uno dei nostri impegni maggiori da molto tempo», ha affermato da Praga il premier Paolo Gentiloni quello che, tramite il suo ministro di polizia Minniti ha firmato l’accordo di guerra ai migranti con le autorità libiche imparentate strettamente con le milizie e i trafficanti. «Mi auguro – ha aggiunto – che gli sviluppi che abbiamo avuto in queste settimane con le autorità libiche ci consentano di chiedere e forse anche ottenere condizioni umanitarie che sei mesi fa neanche ci sognavamo di chiedere». Il premier, che tramite il suo ministro di polizia Minniti, ha emanato un codice anti Ong, ha perfino l’ardire di esortare ad evitare di «mettere in contraddizione l’impegno per le condizioni umanitarie con l’impegno che quotidianamente portiamo avanti per contrastare i trafficanti di esseri umani e ridurre i flussi».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi