23.6 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
23.6 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
HomecultureIl partigiano Fulmine, suo nipote e gli editori di Scampia

Il partigiano Fulmine, suo nipote e gli editori di Scampia

E’ decollato il progetto editoriale per il libro Fulmine è oltre il ponte

di William Domenichini

Carissime/i, vi aggiorno sull’evoluzione del mio primo lavoro letterario, un romanzo ispirato dai racconti di mio nonno partigiano, nome di battaglia Fulmine, che ha combattuto nella IV zona operativa, nelle fila della battaglione “Val di Vara”, Colonna “Giustizia e Libertà”.

“Fulmine è oltre il ponte” racconta le sue vicende, divenute le storie di un nonno che ha vissuto in prima persona la lotta partigiana, tra i boschi e le valli della Val di Vara e della Lunigiana, ripetuti fino alla memoria e che ho deciso di raccogliere e preservare. Storie in cui si racconta del popolo e non dei re, dei soldati e non dei generali, dove i fatti realmente accaduti si fondono con il romanzo delle emozioni evocate, tra paesaggi, emozioni e sentimenti, cadenzata dai versi di Italo Calvino: “Non è detto che fossimo santi, l’eroismo non è sovrumano. Corri, abbassati, dai balza avanti! ogni passo che fai non è vano”.

Dallo sbandamento alla lotta armata fino alla Liberazione, passando per i dolorosi eventi che segnano irrimediabilmente la vita dei protagonisti. La storia di Fulmine è curata da una ricerca storiografica che ricollocasse cronologicamente le preziose testimonianze nel quadro storico in cui si sono svolte, storie vissute con un briciolo di inconsapevolezza ma con la coscienza di essere dalla parte giusta, vivendo eventi che hanno coinvolto non solo chi combatteva la Resistenza, ma tutti coloro i quali hanno scelto da che parte stare, tenendo fede fino in fondo quella scelta.

Ho conosciuto la realtà della Marotta & Cafiero, un gruppo di giovani che quotidianamente la rendono un’esperienza editoriale meravigliosa, ho sottoposto a loro il mio lavoro e dopo il loro apprezzamento ho deciso di intraprendere questa avventura, per praticare i valori che mi sono stati insegnati, cercando di realizzare questo libro con una casa editrice indipendente open source, che cura libri pubblicati esclusivamente su carta riciclata, con inchiostri non inquinanti, che pubblica i testi con licenza Creative Commons e interamente prodotti dal basso, che è la prima cooperativa di giovani dell’area nord di Napoli, i cui progetti economici, sociali e culturali sono una nuova forma di Resistenza.

Ho scelto di co-produrlo attraverso lo strumento del crowdfunding, un processo collaborativo che utilizza le risorse messe in comune, da chi vorrà sostenere questo progetto, per affrontare gli sforzi ed il lavoro di questa casa editrice che è fortemente impegnata in molteplici attività culturali legate alla realtà di Scampia, in una pratica di micro-finanziamento dal basso, dove chi verserà una quota riceverà una ricompensa commisurata al proprio contributo, potendo scegliere tra varie opzioni.

Questa pagina e una newsletter vi terrà aggiornate/i sullo stato del progetto, sul raggiungimento dell’obiettivo per il suo finanziamento e naturalmente anche su tutto ciò che riguarderà la pubblicazione.

Schermata 09-2458006 alle 09.28.40

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina