21.9 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
21.9 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
Homequotidiano movimentoSe ottocento ore vi sembran poche

Se ottocento ore vi sembran poche

Genova, c’è una manifestazione che dura da 16 anni. Il mercoledì un gruppo di pacifisti sosta per un’ora sui gradini del Palazzo Ducale.  Domani l’ottocentesima ora in silenzio per la pace 

21766778_846586875500725_2619136169472922061_n

Se 800 ore…….
Da 800 settimane, sedici anni, manifestiamo ogni mercoledì per un’ora sui gradini del palazzo ducale di Genova.
Nel settembre 2001, quando ci fu l’attentato alle torri gemelle, e gli USA attaccarono l’Afghanistan con il pretesto della caccia a Bin Laden, cercammo un modo per esprimere il nostro sgomento e la nostra indignazione.
Decidemmo di adottare l’”ora in silenzio”, una modalità di manifestazione già attuata diverse volte nella storia: per esempio dalle suffragiste statunitensi e dalle donne in nero di Gerusalemme.
Il palazzo ducale, davanti al quale da allora ci ritroviamo ogni mercoledì dalle 18 alle 19 , è un luogo particolarmente significativo,e non solo per la nostra città. E’ lì che si è svolto il G8, e che insieme a migliaia di altri avevamo nel 2001 contribuito a contestare.
Quando cominciammo, non pensavamo che saremmo rimasti/e in piazza per sedici anni. E non nascondiamo di essere stanchi.
Ma i conflitti, le spese militari, la guerra contro i poveri ed i migranti sono continuati senza interruzione. E anche noi abbiamo deciso di non interrompere la nostra protesta.
Consapevoli dei limiti dei nostri mezzi, abbiamo distribuito in questi quattordici anni oltre trecentomila volantini; con moltissimi passanti abbiamo discusso, litigato, dialogato.
I governi che si sono succeduti in questi anni non hanno mai mostrato di accorgersi delle nostre ragioni.
MA RIMANIAMO CONVINTI:
– che la guerra non sia in grado di risolvere alcun problema dell’umanità ma serva solo ad aumentare i profitti di chi costruisce e vende armi; a mantenere un “ordine internazionale” disumano; a concentrare nelle mani di pochi il controllo internazionale dell’economia.
-che produrre e vendere armi non serva a “dare lavoro” (ne darebbero altrettanto l’arte, l’educazione e l’assistenza) ma a dare profitto, ben altra cosa rispetto al lavoro a chi investe nell’industria bellica
Per questo continueremo a trovarci ogni mercoledì, dalle 18 alle 19, sui gradini del palazzo ducale. Sottolineeremo la “cifra tonda” condividendo una fetta di dolce ed un bicchiere di vino.
Chi volesse portarci un dono, scelga una risma di carta…….:)
Ci farebbe molto piacere rivedere le persone che in questi anni hanno partecipato qualche volta all’ “ora”.
Venite, e fate girare la voce!!!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]