9 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
9 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home malapolizia G20, libero Emiliano! Ora liberi tutti

G20, libero Emiliano! Ora liberi tutti

G20, processato e liberato dopo 88 giorni di carcere uno dei manifestanti italiani arrestati ad Amburgo senza prove

di Ercole Olmi
emiliano-libero-falce-e-martello
Liberato Emiliano Puleo, militante di Rifondazione Comunista di Partinico (PA) detenuto ad Amburgo da circa tre mesi per i fatti del G20. Processato oggi, Puleo è stato condannato a un anno e sei mesi con la condizionale al termine di una detenzione preventiva abnorme e un’inchiesta senza prove tanto che sono cadute quasi tutte le accuse. I suoi legali e lui hanno già annunciato un ricorso. Trentenne di Partinico (Palermo), Emiliano Puleo è stato bloccato mentre rientrava in ostello e trattenuto dalla polizia tedesca “apparentemente senza motivo”. Tra i manifestanti c’era l’eurodeputata Eleonora Forenza (che ha diffuso la notizia della liberazione di Puleo) portata anche lei in caserma nel pomeriggio dell’8 luglio e rilasciata in serata. “Ci hanno comunicato che eravamo in stato di fermo senza spiegarci perché, dicendo solo – scriveva su Facebook – che avevano notizie di italiani pericolosi in arrivo nella cittadina tedesca”.
Fina Fontana la madre di Emiliano, più volte in questi mesi ha denunciato il silenzio del governo «forse per non rischiare di infastidire la potente Germania». Il 28 settembre è stato condannato a un anno e rilasciato con la condizionale il 32enne catanese Orazio Sciuto del Centro Sociale “Liotru”. 
Domani il processo a Riccardo Lupano di Genova, il 25 a Alessandro Rapisarda di Catania, il 17 novembre a Fabio Vettorel di Belluno. Tutti in carcere, secondo quanto sostenuto dalla corte, per un’inesistente pericolo di fuga sebbene siano cittadini dell’Unione europea.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]