35 C
Rome
lunedì 15 Luglio 2024
35 C
Rome
lunedì 15 Luglio 2024
Homein fondo a sinistraDe Magistris e le elezioni: «Potere al popolo unica vera novità»

De Magistris e le elezioni: «Potere al popolo unica vera novità»

De Magistris e le politiche: eccetto i “napoletani” di Potere al Popolo, il sindaco non vede segnali di innovazione e scorge i limiti del Rosatellum

di Francesco Ruggeri

«Nei grandi partiti non ci sono segnali di particolare innovazione e inoltre già si vedono i grossi limiti del Rosatellum per cui le candidature sono scelte dagli apparati di partito». Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, torna a parlare di elezioni politiche commentando le indiscrezioni sulle liste in vista del 4 marzo, il cui termine per il deposito è oggi. Per de Magistris, «l’unica vera novità» è rappresentata da Potere al Popolo!, esperienza napoletana visto che la scintilla è scoccata da un centro sociale partenopeo all’indomani dell’eutanasia del percorso del Brancaccio da parte dei segretari di Si, Possibile e Mdp, con l’apporto fattivo dei “garanti” di quella storia, Anna Falcone, ora in lista con Leu, e Tomaso Montanari, dato in quota tra i grandi elettori M5s. «Segno – riprende De Magistris – che Napoli produce energie assolutamente positive».

De Magistris afferma che questa campagna è iniziata «in modo deludente con contenuti e programmi insoddisfacenti e dichiarazioni di principio. Nel dibattito mancano i temi della lotta a mafie, contrasto a corruzione, difesa beni comuni, autonomie locali, partecipazione democratica». «Sarà una campagna mediatica, di propaganda pura. Assisteremo a chi la sparerà più grossa». Il sindaco, nel ribadire la sua decisione di non partecipare alla competizione elettorale, ha affermato: «Non mancherò di pungolare su temi e contenuti perché vogliamo sapere chi andrà al Governo cosa intende fare. Alcune cose le metteremo subito in chiaro anche perché dopo il 4 marzo ritengo sarà molto difficile avere una stabilità e – conclude – per chi amministra significa che non avremo giorni positivi».

Parole importanti, quelle del sindaco di Napoli, perché “sfidano” la sua maggioranza, legata soprattutto alla controversa operazione di Liberi e uguali. Peccato la gaffe dell’inquilino di Palazzo S.Giacomo contro le azioni di lotta dei lavoratori del gruppo di igiene ambientale SAMIR – definite «criminali» da De Magistris – che, esasperati dal mancato pagamento dello stipendio, hanno occupato i binari della stazione della linea metropolitana 1 di Piscinola, e il deposito autobus ANM del Garittone, due dei luoghi dove i lavoratori svolgono il proprio servizio. Non prendevano stipendio da mesi e, quel giorno, sono stati anche caricati dalla polizia.

#poterealpopolo, #elezionipolitiche2018

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina

Gaza, questa guerra è contro i bambini, ormai si sa

Dalla nostra inviata a Gerusalemme