martedì 27 Ottobre 2020

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

lunedì 26 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Il Cile sotterra Pinochet e la sua Carta magna. L'estallido social del 2019 è stata decisiva per il risultato plebiscitario dell'opzione "Apruebo"
Cosa c’è dietro il voto in Bolivia
lunedì 26 Ottobre 2020 Antonio Moscato
Prime riflessioni sulla Bolivia. La CIA c’è, ma non è onnipotente, ha bisogno di una crisi tra i governi progressisti e la loro base sociale (Antonio Moscato)
giovedì 22 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Cucchi, processo per i depistaggi. Il generale Luongo: «Sapevo che c'erano due annotazioni a firma di un carabiniere e due a firma di un altro. Io non vidi nessun atto»
Stragi in carcere, a che punto siamo
giovedì 22 Ottobre 2020 Redazione
A distanza di tanti mesi - segnati da silenzi e opacità istituzionali -  dalla morte di 13 persone detenute, il Comitato che chiede Verità e Giustizia prova a fare il punto
mercoledì 21 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Gli investimenti del miliardario Bill Gates, come gran parte del suo lavoro, rimangono un segreto. E Microsoft già controlla i dati sanitari della Francia
E se Trump non accettasse la sconfitta?
mercoledì 21 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
Usa, il movimento sindacale inizia a discutere di resistenza a un colpo di stato targato Trump 

in fondo a sinistra

Francia, il Pcf non ne può più di Mélenchon
martedì 1 Settembre 2020 Redazione
Il Pcf  vuole uscire dall'ombra di La France insoumise. Unità d'azione nelle piazze ma non alle prossime presidenziali (Héléna Berkaoui)
Grecia post-covid, sinistra convalescente dal fallimento di Syriza
venerdì 21 Agosto 2020 Redazione
Grecia, la sinistra fatica a farsi sentire di fronte all'ordine neoliberale che Nea Democratia sta mettendo in atto dopo il lockdown (da Atene, Elisa Perriguer)  
Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri

cronache sociali

E’ la più grande azienda digitale ma Sogei frena sullo smart working
sabato 17 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
La denuncia delle rappresentanze sindacali: «Sogei fa rientrare lavoratori che svolgono il lavoro a distanza da marzo con ottimi risultati»
Culla termica, moderna versione di ruota degli esposti
venerdì 24 Luglio 2020 Francesco Ruggeri
I dubbi dell'Associazione nazionale Figli Adottivi e Genitori Naturali a proposito del bambino lasciato in una culla termica a Bari
Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)

consumare stanca

In presa diretta dalla fabbrica del contagio
mercoledì 23 Settembre 2020 Redazione
"Il focolaio. Da Bergamo al contagio". Una sindacalista combattiva recensisce l'inchiesta scritta da Francesca Nava, edita da Laterza (Eliana Como)
Se la Bioeconomia la scrivono i padroni
mercoledì 23 Settembre 2020 Checchino Antonini
L'impatto ambientale, sociale e geopolitico delle strategie europee per la bioeconomia. Una conferenza indipendente di scienziati a Roma
Albiano, ricostruiamo il ponte e la sinistra
mercoledì 2 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
Una lettera-articolo dalle rive del Magra alla vigilia delle Regionali in Toscana

padrini & padroni

Com’è finito il processo ad Alba Dorata
giovedì 15 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Grecia, 13 anni di galera ai leader di Alba Dorata, ergastolo all'assassino del rapper antifascista Pavlos Fyssas
Atene, Alba dorata è un’organizzazione criminale
mercoledì 7 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Processo Alba dorata. Un ergastolo per l'omicidio di KillaP, la polizia carica antifascisti. Un libro di Deliolanes per capire i fili neri tra fascisti greci, Nato e Italia
Si scrive decreto Lamorgese si legge “Salvini tris”
mercoledì 7 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Accoglienza, rimpatri, daspo urbano. Ecco cosa prevede il nuovo decreto Immigrazione. Non cambia nulla, o quasi, rispetto ai decreti Salvini 

malapolizia

Ilaria Cucchi: «Colonnello, lei fa tendenza»
venerdì 16 Ottobre 2020 Redazione
A 11 anni dall'inizio del calvario di suo fratello Stefano, che morirà sei giorni dopo l'arresto, Ilaria Cucchi ripercorre i depistaggi
Cucchi, un Giuda in divisa depista ancora
venerdì 25 Settembre 2020 Checchino Antonini
Processo Cucchi, la denuncia del pm Musarò: «Un Giuda», tra i carabinieri di Roma «passa gli atti a qualche imputato» inquinando le prove
Francia, un reporter diventa poliziotto per svelare il razzismo in divisa
lunedì 7 Settembre 2020 Checchino Antonini
Un giornalista francese infiltrato in polizia  ha descritto la cultura del razzismo e della violenza che pervade il mondo in divisa

quotidiano movimento

«Fermare Erdogan!». Avvocati italiani in sciopero della fame
sabato 17 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
Dal 26 settembre, uno sciopero della fame a staffetta contro il silenzio delle istituzioni europee e nazionali sui crimini di Erdogan in Turchia
Francia, che fine hanno fatto i gilet gialli?
domenica 13 Settembre 2020 Redazione
La rentrèe post-covid dei "gilet gialli". Ma non erano numerosi  a conferma del declino del movimento, mentre la crisi sanitaria ha generato divisioni
Roma, Scup guadagna tempo ma la lotta continua
lunedì 7 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
RFI concede una proroga a Scup, ma lo stabile è ancora a rischio. Assordante silenzio del Comune di Roma

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

Il partito di Morales si riprende la Bolivia
lunedì 19 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Il candidato del MAS dell'ex presidente Evo Morales è largamente in testa al primo turno delle elezioni presidenziali della Bolivia
Hong Kong, la caccia alle streghe è già cominciata
sabato 19 Settembre 2020 Redazione
Hong Kong tra censura e autocensura, la legge imposta il 30 giugno da Pechino ha fatto precipitare gli ambienti accademici in una profonda ansia (Margot Clément) 
Spagna, troppe strade portano ancora al franchismo
martedì 15 Settembre 2020 Checchino Antonini
Mentre il governo Sanchez vara la legge della memoria democratica, un sito francese conta i nomi delle strade dedicate a Franco e ai suoi complici

culture

Obey urla ancora. Da Genova

Genova riparte dalla street art. Proprio dove si era fermata a marzo con la mostra di Banksy

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Sghembi di tutto il mondo, vi racconto Claudio Lolli

Rabbia, malinconia, affabulazione: Claudio Lolli raccontato alla radio da un altro poeta: Marco Rovelli

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Scuola. Riprendersi le città è un gioco da ragazzi

Scuola. Bambini e maestri inventano o riscoprono i giochi a mezza distanza [Massimo Lauria e Checchino Antonini per Rsi]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Giuseppe Ciarallo, un’invettiva civile

“Crescendo”, un testo di Giuseppe Ciarallo letto da Alberto Patrucco e montato da Bruno Malasomma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Bresci, una storia lunga 120 anni

“Il fatto” di Umberto I ucciso dall’anarchico Bresci, il 29 luglio 1900

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.