Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

domenica 24 Maggio 2020 Redazione
Quali sono gli effetti del confinamento sociale sui legami sociali? Nuova situazione, nuovi ambiti di solidarietà? (Manon Boltansky)
Che cosa ne sarà del Noi/ 4 scenari per il mondo che verrà
domenica 24 Maggio 2020 Redazione
I quattro scenari del "prossimo mondo". Tra restaurazione neoliberale, balzi autoritari e tentativi eco-socialisti (Fabien Escalona e Romaric Godin) 
sabato 23 Maggio 2020 Redazione
In diversi paesi grandi mobilitazioni per aggirare controlli di polizia che non c'entrano con la necessaria cura del coronavirus (Raùl Zibechi)
Genova, una carovana di antifascisti si riprende la piazza
sabato 23 Maggio 2020 Checchino Antonini
A un anno dalla violenza della polizia a protezione di un comizio di Casapound, presidio in Piazza Corvetto. Il punto sulle indagini
mercoledì 20 Maggio 2020 Redazione
Due economisti francesi: annullare i debiti in pancia alla Bce per finanziare la transizione ecologica (Martin Orange)
Torino: dal cibo alle rivendicazioni
martedì 19 Maggio 2020 Redazione
La solidarietà di quartiere non può sopperire alle mancanze dello Stato: servono risposte dall’amministrazione (Del Bello, Periccioli e Vasile)

in fondo a sinistra

Spagna, perché gli anticapitalisti lasciano Podemos
giovedì 14 Maggio 2020 Checchino Antonini
Podemos non è più quello che aspiravamo a costruire: Anticapitalistas lascia il partito di Iglesias incastrato nel governo col Psoe
Contro il “coronaottimismo”
mercoledì 22 Aprile 2020 Marina Zenobio
I colpiti dal “coronaottimismo” sembrano dare per scontato che, per una qualche fatalità, dopo il Covid-19 le nostri relazioni sociali miglioreranno e che i governi rinunceranno ai loro postulati neoliberisti
Che cosa ne sarà del Noi/ Walden Bello: ora basta con la globalizzazione
mercoledì 22 Aprile 2020 Redazione
Intervista di Mediapart a Walden Bello: " La sinistra ha bisogno di armarsi per occuparsi della globalizzazione demoniaca" (Ludovic Lamant)

cronache sociali

La didattica a distanza s’è perso il 36% degli alunni disabili
sabato 9 Maggio 2020 Redazione
Didattica a distanza e disabilità, il 36% degli alunni è “sparito”. I dati della ricerca (Chiara Ludovisi/Redattore sociale)
Virus e bambini: cinque domande impertinenti
venerdì 8 Maggio 2020 Redazione
Con la pandemia, abbiamo compreso il diritto alla salute. Quando comprenderemo anche il diritto all'istruzione e alla socialità dei bambini? (Marco Bersani)
Che cosa ne sarà del Noi/ «Il futuro inizi da ora»
sabato 18 Aprile 2020 Redazione
Non è il tempo dell'attesa, spiega la portavoce del Forum del Terzo settore del Lazio: Francesca Danese

consumare stanca

Il coronavirus non va al mare. Buone notizie da Parigi, cattive da Roma
venerdì 22 Maggio 2020 Checchino Antonini
Gli studiosi francesi: nessuna traccia di covid nel mare e nei molluschi. Legambiente: in Italia rischio di privatizzazione delle spiagge libere
Il test anti-Covid degli hippy californiani
giovedì 21 Maggio 2020 Redazione
Bolinas, una piccola enclave hippie a nord di San Francisco, ha svolto uno dei più avanzati test di coronavirus in America (Nathan Heller)
Covid, perché non è un virus sintetico
venerdì 8 Maggio 2020 Redazione
Intervista con due virologi francesi: "Possiamo escludere la creazione di un virus sintetico" (Caroline Coq-Chodorge)

padrini & padroni

La borsa dopo le vite. Benetton all’attacco del governo
venerdì 22 Maggio 2020 Ercole Olmi
Atlantia congela gli investimenti e manda gli avvocati. La strage di Ponte Morandi non è abbastanza per rinunciare alla concessione
Strage Bologna, «la “primula nera” era alla stazione»
venerdì 22 Maggio 2020 Checchino Antonini
Strage di Bologna, l'ex moglie di Paolo Bellini lo riconosce nel video girato alla stazione
Ikea, la spiona che venne dal freddo
mercoledì 20 Maggio 2020 Checchino Antonini
Così Ikea spiava i lavoratori in Francia. Rinvio a giudizio per dirigenti della multinazionale svedese e poliziotti corrotti

malapolizia

La pandemia ha mostrato quanto fa schifo il carcere
sabato 23 Maggio 2020 Checchino Antonini
Rapporto Antigone: la pandemia sia l’opportunità per non tornare al sovraffollamento. Serve verità e giustizia per le morti nella rivolta
Francia, la polizia uccide ancora. Una città si ribella
sabato 23 Maggio 2020 Redazione
Ad Argenteuil, non convince la versione ufficiale sulla morte di un ragazzo morto dopo aver incrociato la Bac, Brigata anti-criminalità (Audrey Pronesti)
Paesi baschi, la polizia contro il diritto di cronaca
domenica 17 Maggio 2020 Redazione
Euskadi, il governo "rosso" di Madrid non allenta la tensione. Ley mordaza in azione contro una radio di movimento

quotidiano movimento

Pubblica, gratuita e universale: così sia la sanità
mercoledì 20 Maggio 2020 Marina Zenobio
Manifestazioni in simultanea in sei Asl di Roma. Il Coordinamento Cittadino Sanità chiede risposte e fa proposte sul futuro dell'assistenza sanitaria pubblica
Francia, la società ripoliticizzata farà tremare l’Eliseo
domenica 17 Maggio 2020 Redazione
I cambiamenti politici della società francese dopo due anni di grandi movimenti sociali e due mesi di confinamento (François Bonnet)
Da delitto a diritto: la giustizia libera il solidale Cédric Herrou
giovedì 14 Maggio 2020 Checchino Antonini
Aiuto ai migranti: la giustizia libera finalmente Cédric Herrou, il contadino simbolo della solidarietà con i migranti al confine con l'Italia

in genere

1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...
Covid19 e femminicidi: stare a casa non è sicuro per tutte
martedì 21 Aprile 2020 Marina Zenobio
Due femminicidi in meno di un mese. Aumenta il la richiesta di aiuto da parte di donne costrette a vivere con uomini maltrattanti per l'emergenza Covid19. La denuncia di D.i.Re
Chiuse in casa col maritovirus
martedì 7 Aprile 2020 Redazione
Covid-19. Metà dell'umanità è confinata e ovunque cresce la violenza di genere.  Ma il governo Conte se n'è accorto solo dopo parecchie settimane 

mondi

La baia dei porcellini. Il fallito golpe Usa contro Maduro
venerdì 15 Maggio 2020 Redazione
Jon Lee Anderson ricostruisce il tentativo farsesco contro il governo del Venezuela. L'ambiguità di Trump e l'incapacità di Guaidò
AIDS in Africa. Morti di un virus “minore”
giovedì 14 Maggio 2020 Marina Zenobio
In Africa l'interruzione dei servizi sanitari di lotta all'AIDS, dovuta alle misure contro il Covid-19, sta mettendo a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone
Colombia, stracci rossi da sos per la povertà a simboli di protesta
mercoledì 13 Maggio 2020 Redazione
In Colombia, gli stracci rossi alle finestre avvertono la presenza di famiglie in povertà. Reportage sul covid nelle cittadelle del lavoro informale (da Bogotà, Pascale Mariani)

culture

Piketty: La disuguaglianza è un’ideologia

Piketty: La disparità di proprietà crea un’enorme disuguaglianza di opportunità nella vita

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Necrologi, vite che non sono – ancora – la tua

Perché sono tornati popolari i necrologi sui giornali nell’era del coronavirus (Casey Cep)

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Salta il festival? E allora chiacchiero con i fumettisti

L’ideatore dello Smack! di Genova intervista Marco Santucci, «nato per disegnare fumetti» (Enrico Testino)

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Salvarsi la vita con la poesia

Salvarsi la vita con la poesia

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

1977-2020. Giorgiana Masi, non dimentichiamo!

43 anni fa, a Roma, durante una manifestazione la polizia di Cossiga sparava e uccideva la studentessa diciannovenne Giorgiana Masi

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.