Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

venerdì 24 Luglio 2020 Francesco Ruggeri
I dubbi dell'Associazione nazionale Figli Adottivi e Genitori Naturali a proposito del bambino lasciato in una culla termica a Bari
Piacenza, caserma chiusa per spaccio, estorsione e tortura
giovedì 23 Luglio 2020 Checchino Antonini
Sei carabinieri arrestati e una caserma messa sotto sequestro. Reati contestati spaccio, estorsione e tortura. I precedenti
martedì 21 Luglio 2020 Redazione
E pure in Piazza Alimonda, se ci pensi, puoi capire tutto con l’odio. Non solo i due spari, anche il sasso, le menzogne successive, il processo negato
Così lo Zio Sam adesca ragazzini su Twitch
sabato 18 Luglio 2020 Redazione
Il Pentagono sta usando il gioco online per reclutare adolescenti. Soldati-giocatori passano ore su Twitch con bambini fino a 13 anni (Jordan Uhl)
mercoledì 15 Luglio 2020 Checchino Antonini
I rischi del decreto semplificazioni per la legalità e la democrazia, l'indifferenza della politica. Parla il coordinatore di Avviso Pubblico, rete degli enti locali antimafia
Fare a meno della polizia?
domenica 12 Luglio 2020 Redazione
Dovremmo farla finita con la polizia? E' possibile? C'è chi lo sta sperimentando. Ultima puntata del nostro dossier dalla Francia (Julien Salingue)

in fondo a sinistra

Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri
2 giugno, non sia un paese per repubblichini
lunedì 1 Giugno 2020 Checchino Antonini
Non lasciamo il 2 giugno alla destra. Appello per manifestazione a Roma, il 2 giugno dalle 10 alle 13 in Piazzale Tiburtino 
Francia, prove di unità della sinistra politica, sociale e sindacale
mercoledì 27 Maggio 2020 Giulio AF Buratti
Francia, sindacati, partiti e associazioni ragionano di un blocco sociale alternativo mentre Macron e i padroni preparano l'attacco

cronache sociali

Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)
Roma fa scuola sotto il cielo
mercoledì 10 Giugno 2020 Redazione
Roma, ecco alcune iniziative sperimentali di didattica all'aperto e autorganizzate
8 giugno: tutti nei luoghi della didattica negata
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Apriti, Scuola! Docenti, genitori e studenti in scuole, piazze, parchi per chiedere il ritorno in classe in una scuola aperta e più ricca

consumare stanca

Macedonia di microplastica
mercoledì 17 Giugno 2020 Marina Zenobio
Pubblicata la prima ricerca che quantifica l'esposizione a microplastiche  nella popolazione generale mediante l'ingestione di alcuni frutti e verdure
Morti di covid, anzi no: morti di pareggio di bilancio
domenica 7 Giugno 2020 Redazione
L'ossessione del riequilibrio finanziario ha smantellato il servizio sanitario pubblico e i risultati li stiamo vedendo (Marco Bersani)
Tutte le magagne di Immuni
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Ho deciso di installare la app per il tracciamento dei possibili positivi al covid ma... C'è un ma... (Mauro Baldassarri)

padrini & padroni

Faccette nere, gilet arancioni, mascherine tricolori
martedì 2 Giugno 2020 Redazione
Non solo Lega e Fdi, c’è chi marcia su Roma in nome del popolo e col gilet arancione. E le curve fasciste a Roma sabato 6  (Saverio Ferrari*)
La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Wuhan, il laboratorio di alta sicurezza (P4) dell'Istituto di virologia è stato progettato dalla Francia su cui dal 2017 non ha più alcun controllo  (Karl Laske e Jacques Massey)
La leggenda dei Recovery Fund spiegata bene
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Pochi soldi e a caro prezzo, ecco cosa si cela dietro le narrazioni trionfali sul Recovery Fund  (Marco Bersani)

malapolizia

Le congratulazioni dell’Arma a chi pestò Stefano Cucchi
martedì 14 Luglio 2020 Checchino Antonini
Lettere di plauso agli autori del violentissimo arresto di Cucchi. Così settori dei carabinieri di Roma prepararono il depistaggio. Il punto sul processo
Francia, perché la polizia è razzista
giovedì 25 Giugno 2020 Redazione
Francia, seconda puntata del dossier sulla polizia più violenta d'Europa. E anche molto, molto razzista (Denis Godard)
Francia, perché la polizia è strutturalmente violenta
martedì 23 Giugno 2020 Checchino Antonini
Dossier Francia, 1. Perché la polizia da quelle parti è diventata la più violenta dell'Unione europea (Roseline Vachetta)

quotidiano movimento

Una manifestante black al posto del mercante di schiavi
mercoledì 15 Luglio 2020 Checchino Antonini
Bristol, una nuova statua al posto di Colston buttato al fiume dai manifestanti di Black Lives Matter. Raffigura una manifestante afrodiscendente
«Presidente, per una strage non basta un requiem»
sabato 27 Giugno 2020 Checchino Antonini
Veglia a Bergamo per l'arrivo di Mattarella: «Vogliamo dirgli che la strage si poteva e si doveva evitare», dice Eliana Como da ieri in sciopero della fame
#TasaCovid più movimento, la vera ricetta contro la crisi
domenica 21 Giugno 2020 Giulio AF Buratti
Tassare le grandi ricchezze e collegare riflessioni, appelli, campagne, per affrontare la crisi del covid

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

“Quella merda scende come se fosse fatta di wafer”
martedì 23 Giugno 2020 Redazione
Come sono cominciate a cadere le statue in Gran Bretagna a cominciare da quella dello schiavista Colston a Bristol (Anna Russell)
La baia dei porcellini. Il fallito golpe Usa contro Maduro
venerdì 15 Maggio 2020 Redazione
Jon Lee Anderson ricostruisce il tentativo farsesco contro il governo del Venezuela. L'ambiguità di Trump e l'incapacità di Guaidò
AIDS in Africa. Morti di un virus “minore”
giovedì 14 Maggio 2020 Marina Zenobio
In Africa l'interruzione dei servizi sanitari di lotta all'AIDS, dovuta alle misure contro il Covid-19, sta mettendo a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone

culture

Bresci, una storia lunga 120 anni

“Il fatto” di Umberto I ucciso dall’anarchico Bresci, il 29 luglio 1900

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Nervi 2020. Genova danza in Paradiso

Che cosa succederà al Festival internazionale del Balletto e della musica – Nervi 2020

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Pesci d’acquario (stato di polizia)

Pesci d’acquario / tuffati nel gorgo / galleggiamo appena / tra anfratti e balocchi /

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Rifondiamo Montanelli!

Il dibattito su Montanelli mi ha rotto i coglioni: la sua statua dovrebbe essere semplicemente fusa per riutilizzarne il bronzo

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La lotta di classe in bicicletta

La bicicletta come veicolo di protesta ma anche arma per la polizia, ecologico ma strumento della colonizzazione (Jody Rosen)  

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Perché Instagram ci vuole mettere in mutande

Su Instagram, il bonus segreto della nudità: lo spogliarello per guadagnare likes. Un’inchiesta di Mediapart

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.