mercoledì 22 Maggio 2019

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

domenica 19 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Mimmo Lucano: «Voto La Sinistra e sostengo Eleonora Forenza che a Riace e ai migranti è stata tanto vicina», ha detto l'ex sindaco di Riace candidato al Nobel
Napoli, la manganellata del celerino al suo ispettore
sabato 18 Maggio 2019 Ercole Olmi
Salvini, proteste e scontri a Napoli: poliziotto ferito. Ma la manganellata gliel'ha data un altro celerino
sabato 18 Maggio 2019 Checchino Antonini
Caso Cucchi, al processo per l'omicidio i primi testi della difesa. Casamassima sarà parte civile all'eventuale processo sui depistaggi
Genova, camalli contro le navi delle armi
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
Il boicottaggio dei camalli genovesi contro il cargo saudita Bahri Yanbu, niente carichi d’armi per lo Yemen
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
L'attacco violento del ministero dell'Istruzione a una docente sospesa per 15 gg con stipendio dimezzato. Non si può sospendere la libertà di insegnamento
Hope Fest, un concerto per l’Europa
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
Genova, Leeroy Thornhill (ex Prodigy)e Africa Unite il 19 maggio in concerto per portare al voto gli elettori e chiedere ai candidati un impegno chiaro sul futuro dell’Europa.

in fondo a sinistra

Meglio tutta l’erba che il fascio. Una candidata stupefacente a Lecce
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
La parabola di Salvini, dai selfie con lo spacciatore internazionale di coca alla crociata contro i cannabis shop, vista da una candidata di sinistra a Lecce 
Sinistra, consultazione su nome e simbolo per le europee
lunedì 1 Aprile 2019 Giulio AF Buratti
Europee,  alle 14 del 1° aprile scatta la consultazione on line sul simbolo e sul nome della lista della sinistra di alternativa per le elezioni del 26 maggio 
Europee, la tav fa il vuoto intorno a Zingaretti
giovedì 7 Marzo 2019 Giulio AF Buratti
Europee, la tav fa allontanare Civati, verdi, Bonino e Pizzarotti. Prc: «Siamo a buon punto nella definizione della coalizione antiliberista» 

cronache sociali

La lettera che Salvini non riceverà mai
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
La lettera che conservava un ufficiale italiano di marina morto nella II guerra mondiale. Una donna lo ringraziava per aver salvato la vita a dei naufraghi 
Case popolari di Roma, i falsi miti dei razzisti
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
Roma e le case popolari: i tre luoghi comuni da sfatare: gli stranieri sono “favoriti”, gli alloggi non bastano,  l'emergenza abitativa
L’Aquila, il boato dentro. La cronaca della fine del mondo…
sabato 6 Aprile 2019 Checchino Antonini
... e dei primi giorni dopo il terremoto delle 3.32 del 6 aprile di dieci anni fa. Gli articoli dell'epoca di uno degli inviati di Liberazione

consumare stanca

Europee, non votiamo per chi ha impoverito i contadini
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
Europee, una risposta di sinistra all'ex ministro dell'Agricoltura del Pd, De Castro, teorico della liberalizzazione dei mercati
Napoli, Paolo Maddalena guiderà l’audit sul debito
venerdì 10 Maggio 2019 Francesco Ruggeri
Napoli, parte l'iter per la Consulta pubblica di audit sulle risorse e sul debito. Come la trappola del debito ha ingabbiato i Comuni
Tanuro: «Per ridurre il Co2 bisogna eliminare del tutto il capitalismo»
venerdì 29 Marzo 2019 Redazione
Tanuro: «Noi non difendiamo la natura. Siamo la natura che si difende». Le ragioni di una transizione ecosocialista 

padrini & padroni

Assolto con formula piena Aldo Milani, crolla il teorema contro il SiCobas
lunedì 13 Maggio 2019 Checchino Antonini
Sbattuto in prima pagina per una presunta estorsione ma è innocente. Assolto Aldo Milani, leader del SiCobas
Napoli, flashmob contro la “bastardata di Pizzofalcone”
sabato 11 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Napoli, continua la mobilitazione contro il progetto voluto da De Magistris per ospitare la prima scuola di guerra europea nel centro della città
Acerbo: «Mussolini è il cognome di un assassino»
lunedì 6 Maggio 2019 Redazione
«Mussolini è il cognome di un assassino. Il pronipote chieda almeno scusa per i crimini del bisnonno»

malapolizia

No Tav, non è punibile la reazione agli abusi in divisa
giovedì 16 Maggio 2019 Checchino Antonini
No Tav, assolti in quattro per avere reagito ad «atto arbitrario di un pubblico ufficiale». Le difese: «E' la prima volta in tanti anni»
Omicidio alla caserma della Folgore, da riesumare la salma di Scieri
sabato 11 Maggio 2019 Checchino Antonini
Nuova svolta per il caso Scieri, il più famoso caso di nonnismo. La nuova autopsia per capire se un soccorso immediato lo avrebbe potuto salvare
Cucchi, prescrizione per i medici. La sconfitta della giustizia
lunedì 6 Maggio 2019 Checchino Antonini
Cucchi, non doversi procedere per prescrizione del reato. In cavalleria la sciatteria e la negligenza dei cinque medici del Pertini

quotidiano movimento

Mimmo Lucano non si tocca!
sabato 11 Maggio 2019 Marina Zenobio
Forza Nuova lancia minacce contro Mimmo Lucano e vuole impedire un suo intervento a La Sapienza
«Mio fratello Peppino era comunista, che c’entrano gli alleati dei fascisti?»
venerdì 10 Maggio 2019 Checchino Antonini
Perché Giovanni Impastato ha cacciato i pentastellati dal corteo in memoria di suo fratello Peppino, militante di Dp ucciso dalla mafia
Un ragazzo torna a casa. Storia di un guerrigliero anarchico
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
La storia di Ezio Ziglioli, fuoriuscito italiano a Parigi che si unì alla resistenza antifranchista dopo la Liberazione dal nazismo

in genere

Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro

mondi

Stato spagnolo, il voto “utile” ha rubato un milione di voti a Unidas Podemos
mercoledì 1 Maggio 2019 Redazione
Spagna. Luci e ombre di una vittoria socialista, le dimensioni della sconfitta di UP, i guai delle destre e i nazionalismi di sinistra
Il testamento di Orso: «Non abbandonate la speranza. Mai!»
lunedì 18 Marzo 2019 Ercole Olmi
Il testamento di Lorenzo Orsetti, Orso per i suoi amici, Tekoşer (lottatore) per chi combatteva con lui, con le milizie dell'Ypg contro l'Isis
Quando il gioco di ruolo si fa nazi
sabato 23 Febbraio 2019 Sergio Braga
Giochi di ruolo, un maestro ne inventa uno in cui un alunno dalla pelle nera è discriminato. Gli sembra una bella idea. Invece è sbagliato. Ecco perché.

culture

Enfant terrible senza limiti, e il teatro sembra un circo

Al Teatro sociale di Camogli le acrobazie di Mob à Sisyphe per Huitieme jour, Cirque d’enfant terrible 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Letteratura d’evasione al Salone del Libro, così scrivono i detenuti

Salone del Libro. Al Lingotto la cerimonia di premiazione del Premio Goliarda Sapienza-Racconti dal carcere

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.