Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

giovedì 14 Novembre 2019 Checchino Antonini
Omicidio Cucchi, 12 anni ai due carabinieri per il pestaggio mortale di Stefano Cucchi. 3 anni e otto mesi al maresciallo Mandolini
Bolivia, come l’estrema destra ha sfruttato una rivolta popolare
martedì 12 Novembre 2019 Redazione
La rivolta del popolo boliviano e delle sue organizzazioni è il motivo che in ultima istanza ha causato la caduta di Morales
martedì 12 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
La Corte di Giustizia europea: «Gli alimenti originari dei territori occupati da Israele devono recare l'indicazione di tale provenienza». Cresce la campagna Bds contro l'apartheid
Non è reato occupare la terra, assolti i contadini di Mondeggi
domenica 10 Novembre 2019 Checchino Antonini
Assolti i presidianti di Mondeggi dalle accuse di occupazione, furto di acqua ed elettricità e di aver leso l'immagine della Città metropolitana di Firenze
giovedì 7 Novembre 2019 Redazione
Il Tar annulla la delibera di un comune che aveva scelto di restare fuori dal gestore unico finché non fosse stato rispettato il referendum
La sinistra invisibile e l’unità delle lotte
sabato 2 Novembre 2019 Redazione
Contro il governo padronale e le destre reazionarie. Costruire un cantiere unitario delle sinistre di classe

in fondo a sinistra

«Non regaliamo la rabbia popolare a Salvini»
mercoledì 4 Settembre 2019 Checchino Antonini
Il suo nome risuona a sproposito a ogni crisi parlamentare. Intervista a Franco Turigliatto, di Sinistra Anticapitalista: la sinistra al tempo del governo giallo-rosa
Nessun potere, se non quello dal basso, sconfiggerà Salvini
mercoledì 21 Agosto 2019 Redazione
Non ci sono vie di fuga che non passino attraverso la creazione di una forte soggettività di sinistra, unitaria ma che non faccia sconti
Contro Salvini il Pd non è un porto sicuro
venerdì 9 Agosto 2019 Redazione
L'ora delle scelte irrevocabili di Salvini è scoccata. Nella crisi tenere insieme la battaglia democratica e quella sociale

cronache sociali

Alba, la cultura in periferia, su un furgoncino rosso
venerdì 15 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
Alba, al Cinema Vecchio si festeggia il progetto Cultura in movimento. Per un’educazione sociale, popolare, comunitaria
Chiudere la stagione delle gabbie per migranti
giovedì 7 Novembre 2019 Redazione
"Mai più. La vergogna italiana dei lager per immigrati": un assaggio del nuovo libro di Left
Roma, 12mila firme per internalizzare gli operatori Oepa
sabato 26 Ottobre 2019 Francesco Ruggeri
Le lotte dei 3mila Operatori Educativi (Oepa), che assistono i bambini nel sostegno scolastico, e dei lavoratori Farmacap, Multiservizi, Zetema e Ama

consumare stanca

Clima, quanta CO2 con l’obsolescenza programmata!
sabato 12 Ottobre 2019 Redazione
L'obsolescenza programmata produce 48 milioni di tonnellate di CO2, lo dice un rapporto dell'European Environmental Bureau
Scrive Carola: Fortezza Europa e catastrofe climatica
giovedì 19 Settembre 2019 Redazione
Un articolo di Carola Rackete, capitana della Sea Watch. L'apartheid climatico porterà solo ad altre tragedie nel Mediterraneo
Olio di palma e cacao della Nutella: gli impegni millimetrici di Ferrero
sabato 24 Agosto 2019 Redazione
Ferrero dice di sostenere un'agricoltura sostenibile ma non rinuncia all'olio di palma e  il suo cacao è causa di deforestazione e sfruttamento minorile

padrini & padroni

Ribrucia la pizzeria di Giovanni Impastato
martedì 12 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
Acerbo (Prc): «E' l'ennesima dimostrazione di quanto ancora il cognome Impastato sia ingombrante nella storia di questo Paese»
Rojava, l’invasione continua. Manifestazione nazionale a Roma
lunedì 21 Ottobre 2019 Checchino Antonini
La Turchia se ne frega del cessate il fuoco. Le infografiche su chi vende le armi a Erdogan. 1 novembre tutti a Roma a fianco del popolo curdo
Così Facebook censura i movimenti e appoggia Erdogan e Trump
giovedì 17 Ottobre 2019 Checchino Antonini
Facebook chiude le pagine dei siti che appoggiano la causa curda, così come ha oscurato i siti francesi durante il G7 e lucra sulle fake news di Trump

malapolizia

Processo Cucchi: difese ammettono pestaggio ma chiedono assoluzione
martedì 12 Novembre 2019 Checchino Antonini
Processi Cucchi. I difensori dei cc imputati minimizzano le botte. Al processo sui depistaggi, si astiene il giudice: è un carabiniere in congedo
La famiglia Cucchi: «Testimoni eccellenti al processo per i depistaggi»
giovedì 31 Ottobre 2019 Ercole Olmi
Fabio Anselmo, legale dei Cucchi, presenterà una lista di trenta testi, tra cui La Russa e il generale Tomasone
Perché siamo tutti Stefano e Ilaria. Dieci anni di lotta per verità e giustizia
martedì 22 Ottobre 2019 Checchino Antonini
Dieci anni fa moriva Stefano Cucchi per le conseguenze del pestaggio da parte di alcuni carabinieri. Dieci anni di depistaggi e lotte per verità e giustizia

quotidiano movimento

La solidarietà e le lotte sono indivisibili. Tutti in piazza il 9 novembre
mercoledì 6 Novembre 2019 Checchino Antonini
Le ragioni di chi scenderà in piazza il 9 novembre per l'abolizione delle leggi Minniti-Orlando-Salvini
«Stiamo bloccando un volo della Turkish… no alla guerra in Rojava»
giovedì 17 Ottobre 2019 Checchino Antonini
Azione dei centri sociali a Bologna contro la compagnia aerea turca. A Roma, un dossier di Unponteper e le richieste al governo giallorosa 
Agnoletto: M5S complice di De Gennaro
lunedì 22 Luglio 2019 Checchino Antonini
Genova 20 luglio, con Carlo nel cuore. Centinaia in piazza Alimonda. La solita provocazione di un sindacatino di polizia. Il ricordo di ZeroCalcare

in genere

Lucha y Siesta, non sgomberate quella Casa
sabato 31 Agosto 2019 Marina Zenobio
Arrivata alla Casa rifugio di Cinecittà una comunicazione di sgombero per il 15 settembre. Non si sa che fine faranno i bambini e le donne vittime di violenza ospitate
Ddl Pillon rimandato a settembre, ma la piazza delle donne sarà ancora lì
venerdì 26 Luglio 2019 Redazione
Colloquio con Teresa Gennari del Centro Antiviolenza Donna L.I.S.A. durate la protesta anti-Pillon di martedì scorso in Piazza Montecitorio
Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.

mondi

C’era una volta (e c’è ancora) il giardino di casa Usa
sabato 16 Novembre 2019 Maurizio Zuccari
Guaidò torna in piazza in Venezuela, Morales fugge in Messico. C’era una volta l’Altra America, il giardino di casa Usa, e c'è ancora
La marcia più grande di tutte tiene il Cile all’avanguardia
sabato 2 Novembre 2019 Checchino Antonini
Un’altra massiccia “autoconvocatoria” ha invaso Plaza Italia a Santiago. #LaMarchaMàsGrande non si ferma. Nuovi casi di tortura
Sepulveda: i viali del Cile pieni di vita degna
giovedì 31 Ottobre 2019 Checchino Antonini
Un articolo di Luis Sepulveda sulla rivolta popolare in Cile: «Il primo passo del cambiamento è porre fine all'odiosa costituzione scritta dalla dittatura»

culture

Una risata ci disseppellirà! Riecco Zona Letteraria

In anteprima l’editoriale del nuovo numero della rivista Zona Letteraria dedicato alla satira [Giuseppe Ciarallo]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La polvere della nostra corsa ci nasconde il passato

I costruttori di imperi. Lo Schmürz, testo di Boris Vian apre la nuova stagione dello storico teatro della Tosse di Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Moderni sciamani e città invisibili, il cartellone del Nazionale di Genova

La nuova stagione del Teatro nazionale di Genova che ha aperto con due sorprendenti prime nazionali

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Il Nordest disperante di Rossetto

Effetto Domino, il nuovo film di Alessandro Rossetto. La fine del mito dell’operosità familiare del Veneto

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Carthago, il mito al Colosseo

Ai Fori la mostra sull’eterna rivale di Roma. La storia rivista ai tempi del politicamente corretto

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.