martedì 22 gennaio 2019

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

martedì 22 gennaio 2019 Francesca Zaccari
144 migranti riportati in Libia nei centri di detenzione dove, per mesi, hanno subito violenze.  Per le Ong quello che è avvenuto è contro i trattati internazionali
Oxfam: ricchi sempre più ricchi, povertà in aumento
lunedì 21 gennaio 2019 Redazione
“Bene pubblico o ricchezza privata?”, il nuovo rapporto Oxfam alla vigilia del forum economico mondiale di Davos
lunedì 21 gennaio 2019 Ercole Olmi
La morte di Arafet Arfaoui sconvolge i familiari di altre vittime di malapolizia ma da Salvini solo frasi choc. Acad segue il caso da vicino. Oggi l'autopsia
Gilet gialli, act X: Liberté, Egalité, Flash Ball. Le jaune est toujours là!
sabato 19 gennaio 2019 Checchino Antonini
Francia, il giallo è sempre là. Il decimo atto vede ancora 84mila manifestanti. Molti gridavano Liberté, Egalité, Flash Ball. Le cifre della repressione
sabato 19 gennaio 2019 Redazione
La grande risposta del 10 novembre e l’alleanza “indivisibile”. Metodologie per coalizioni durature
Cgil, parla l’opposizione: «Davvero credete al Landini movimentista?»
giovedì 17 gennaio 2019 Francesco Ruggeri
Eliana Como: «in Riconquistiamo tutto siamo per una Cgil più radicale, Colla moderato e Landini continuità con Camusso»

in fondo a sinistra

Europee, che farà Pap? Com’è andata la consultazione on line
lunedì 14 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Pap: Carofalo e Cremaschi eletti portavoce. Il 73% vuole andare alle europee ma da soli (55%). Hanno votato in 1600, per lo statuto furono più di 4mila
Europee, doccia fredda sul Pd: verdi e Pizzarotti correranno da soli
sabato 12 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
#OndaverdeEcivica: verdi e sindaci in campo per le Europee nella speranza di emulare i tedeschi e intercettare delusi del Pd e di M5S
Cgil, il derby Landini-Colla spiegato (forse) bene
lunedì 7 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Congresso Cgil, ancora aperta la gara per il posto di segretario generale. Nella sinistra sindacale c'è chi sta con Landini, chi sceglie Colla e chi resta alternativo

cronache sociali

Roma, il malgoverno e la strage di senza dimora
mercoledì 16 gennaio 2019 Redazione
Senza dimora, 11 morti a Roma, sono le vittime dell’emergenza freddo da novembre a oggi Diodati (Croce Rossa): “Servono strutture di accoglienza”. Sant’Egidio: “Ci vuole un piano che duri tutto l’anno”. Roma Capitale mette a disposizione 1600 posti per l’emergenza notturna ma la stima è di 10 mila persone in strada ROMA – Aveva ...
Casale Alba 1, arriva la pizza Della Casa. Cotta senza trasparenza
mercoledì 16 gennaio 2019 Francesco Ruggeri
IV Municipio di Roma, non si ferma il progetto della giunta pentastellata per tramutare in pizzeria un casale storico dentro un parco urbano
Malta autorizza lo sbarco: «C’est fini», la gioia sulla Sea Watch
giovedì 10 gennaio 2019 Redazione
Malta autorizza lo sbarco di Sea Watch e Sea Eye. Migranti accolti in 8 paesi

consumare stanca

Privatizzare farmacie? Fatto. Il pacco di Raggi ai romani
sabato 5 gennaio 2019 Francesca Zaccari
Roma, non era nel programma elettorale ma Raggi punta a privatizzare le partecipate. Ennesimo voltafaccia a cinquestelle
Hilary, Clerici, Albano, Romina, Isoardi, Padre Pio. E noi
domenica 23 dicembre 2018 Checchino Antonini
Perché i nostri vicini di casa, la gente in fila alla posta o nei centri commerciali ci sembrano marziani? Dove nasce il senso comune?
A Piacenza tornano i Vignaioli Indipendenti 
venerdì 23 novembre 2018 Ludovica Schiaroli
Sabato 24 e domenica 25 Mercato dei Vini a Piacenza Expo: oltre 600 vignaioli racconteranno il loro vino.

padrini & padroni

Da Salvini a Zingaretti: la santa alleanza per il Tav
sabato 12 gennaio 2019 Checchino Antonini
Torino, nemmeno questa volta sono stati in 40mila ma il grande affare del Tav mette insieme i poliziotti buoni e i poliziotti cattivi del liberismo
Salva Carige, quando la banca chiama qualsiasi governo accorre
martedì 8 gennaio 2019 Redazione
Il decreto Salva Carige. Il primo salva banche del governo del "cambiamento". Una montagna di soldi che potrebbero essere spesi meglio
Decreto Salvini, disobbedire è giusto
domenica 6 gennaio 2019 Antonio Moscato
A proposito dello scontro tra sindaci e Salvini. Riscoprire il dovere della disobbedienza

malapolizia

Il cestista: «Abbassa la pistola». L’agente: «Da noi è normale»
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
La denuncia del cestista Mike James, che gioca nel Milano, fermato pistola in pugno mentre passeggiava vicino casa
Cpr di Bari e Potenza, condizioni disumane e violenza poliziesca
sabato 15 dicembre 2018 Ercole Olmi
Tensione contro un rimpatrio nel Cpr di Palazzo S.Gervasio e a Bari rivolta contro la violenza della polizia e le condizioni di reclusione
Cucchi e Anselmo: basta compromessi sui diritti umani
sabato 15 dicembre 2018 Checchino Antonini
Ilaria Cucchi e Fabio Anselmo sul palco della Fiom all'indomani dell'ennesima udienza in cui una teste conferma che Stefano fu picchiato da chi l'arrestò

quotidiano movimento

Antirazzismo, gli Indivisibili fanno rete
lunedì 17 dicembre 2018 Checchino Antonini
Com'è andata l'assemblea nazionale di Roma convocata dal cartello, gli Indivisibili, che diede vita al corteo del 10 novembre contro il dl Salvini
Ci avranno #indivisibili, assemblea a Roma
sabato 15 dicembre 2018 Redazione
#indivisibili: assemblea nazionale il 16 dicembre a Roma. Dopo il corteo del 10 novembre contro la Legge Salvini e e il governo Lega-5Stelle
8 dicembre, contro le grandi opere, per la difesa del pianeta
mercoledì 28 novembre 2018 Redazione
Appello per l’8 Dicembre 2018: 9a Giornata Internazionale contro le Grandi Opere Inutili e Imposte e per la Difesa del Pianeta

in genere

Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro
Nudm, oggi a Verona contro le mozioni antiabortiste
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Sabato 13 ottobre mobilitazione a Verona contro le mozioni anti-abortiste. Non Una Di Meno lancia lo stato di agitazione permanente

mondi

Cuba più sola che mai
domenica 20 gennaio 2019 Antonio Moscato
Forza e debolezza di Cuba sessant’anni dopo la rivoluzione, la resistenza, la nuova Costituzione, il quadro latinoamericano La forza principale della rivoluzione cubana è stata, soprattutto nel primo decennio, la partecipazione appassionata e libera di una parte grandissima della popolazione alle discussioni sul futuro e sul presente. Ma il secondo fattore è stato l’atteggiamento degli ...
Gilet gialli, ottavo atto. Sfondato il portone di un ministero
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
Gilet gialli, ancora 50mila in piazza in tutta la Francia. Scontri e arresti soprattutto a Parigi. Identità e prospettive di un movimento
Ortega, Macrì, Bolsonaro: que pasa in LatinoAmerica
martedì 25 dicembre 2018 Redazione
Governi "progressisti” in America latina: Malgrado un bilancio negativo, dal basso qualcosa sta nascendo! 

culture

Genova, Circumnavigando alla diciottesima

Acrobati, funamboli, saltimbanchi. E Perfino santi a piedi nudi. Circumnavigando Festival a Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Erri De Luca: Prontuario per il brindisi di Capodanno

Gli auguri per il 2019 della redazione di Popoff, il Prontuario per il brindisi di Capodanno di Erri De Luca

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Danza, il festival dentro un altro festival

Genova, Michela Lucenti e Nour al Sharq Festival chiudono Resistere e Creare, rassegna di danza contemporanea al Teatro delle Tosse

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova, il rifugio della fabbrica

Visita al rifugio di Campi costruito durante la seconda guerra mondiale che poteva ospitare fino 4500 persone.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova in 15 oggetti +1

La storia di Genova e della Liguria in una mostra di design che recupera oggetti della tradizione con qualche sorpresa.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Solo vino naturale nel cuore della Roma pasoliniana

SO2 si afferma nella capitale fra i primi rappresentanti del “movimento” dei vini naturali a Roma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Quando la lotta di classe è un film, di guerra

Cinema militante. Recensione a “In Guerra” di Stephane Brizé, con Vincent Lindon e Melanie Rover [Leonardo Staita]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.