mercoledì 26 settembre 2018

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

lunedì 24 settembre 2018 Checchino Antonini
Migranti, approvato il dl Salvini. Via la protezione umanitaria, più detenzione, integrazione zero. Ecco tutti i nodi critici
Amref: raccontare l’Africa in modo diverso
domenica 23 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Amref presenta "Non aiutateci per carità", la nuova campagna per una corretta e rispettosa narrazione dell'Africa
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Lettera aperta a Mentana, Formigli e a tutti gli altri giornalisti che hanno sdoganato Casa Pound dopo il raid di Bari
Torino, l’hotel dei calciatori licenzia la delegata sindacale
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Torino, il Golden Palace licenzia la storica delegata sindacale. Il presidio di solidarietà nell'indifferenza dei clienti vip, ad esempio gli strapagati calciatori del Napoli
giovedì 20 settembre 2018 Redazione
Varoufakis al Guardian: Il nostro nuovo movimento internazionale combatterà la crescita del fascismo e dei globalisti
Hambach, lo sgombero violento della foresta uccide un blogger
mercoledì 19 settembre 2018 Redazione
Il suo nome era Steffen. Ad Hambach, un blogger attivista ha fatto una caduta mortale durante un'operazione di polizia
giovedì 23 agosto 2018 Redazione
Pap: da Eleonora Forenza una risposta, lunga ma non esaustiva, ai tanti commenti su un post su Potere al Popolo Care compagne e cari compagni, ovviamente ne riparleremo al campeggio, in toni che mi auguro più festosi e costruttivi di alcuni dei commenti che ho letto. Credo però che alcune questioni sollevate meritino una risposta ...

in fondo a sinistra

Sahra “la Rossa” a Fassina: «Fatelo anche in Italia»
sabato 8 settembre 2018 Redazione
Il messaggio spedito da Sahra Wagenknecht ai fondatori di Patria e costituzione, i sovranisti "di sinistra" come Fassina e D'Attorre
Effetto Melenchon sulla Linke, nasce Aufstehen
domenica 5 agosto 2018 Giulio AF Buratti
Linke, Sahra Wagenknecht, della minoranza "nazionalista di sinistra", annuncia un nuovo movimento: Aufstehen, Alziamoci
Silenzi che uccidono: la sinistra e il Nicaragua
sabato 28 luglio 2018 Redazione
Nicaragua, l'assordante silenzio di politici e intellettuali della sinistra è uno smarrimento etico che annuncia i peggiori risultati politici

cronache sociali

Milano, Salvini mette sessanta famiglie in mezzo alla strada
martedì 4 settembre 2018 Redazione
Milano, la circolare Salvini sugli sgomberi colpisce 60 famiglie. Terzo sgombero in tre anni per “Aldo dice 26x1” 
Dopo Grillo e Grasso, il Cnca: Mujica e l’Italia
domenica 2 settembre 2018 Checchino Antonini
Il CNCA avvia collaborazione
 con Pepe Mujica: “Stessa visione della vita 
che privilegia le relazioni umane e la necessità di un’economia sobria” Dopo l’endorsement per Grasso alle politiche e l’incontro con Grillo di venerdì scorso a Milano, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) annuncia l’avvio di una collaborazione con Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, e il ...
Genova, funerale alla pacatezza
venerdì 24 agosto 2018 Mauro Baldassarri
Tutti avremmo dovuto partecipare al funerale di Genova, ma senza moderazione, senza pacatezza, senza calma. Incazzati neri da Genova, Mauro Baldassarri* Il 18 agosto 2018 abbiamo reso l’ultimo omaggio a una quarantina di caduti nella tragedia del viadotto Morandi, a Genova. La parola “caduti” non è usata a cuor leggero, né a sproposito. Perché non ...

consumare stanca

Che carcere sarebbe senza proibizionismo?
martedì 26 giugno 2018 Ercole Olmi
Carcere e proibizionismo: le simulazioni su come la Fini-Giovanardi riempie le galere mentre cresce il Pil delle narcomafie. Presentato il Nono Libro Bianco
Cannabis, quei falsi miti del proibizionismo
martedì 26 giugno 2018 Redazione
Cannabis, i miti e i fatti della legalizzazione. Un'anticipazione del Nono Libro Bianco sulle Droghe 
L’ingannevole rosa del salmone d’allevamento
venerdì 25 maggio 2018 Redazione
Esiste un campionario di tonalità di rosa per il salmone di allevamento, distribuito dalla multinazionale olandese DSM

padrini & padroni

Pedofilia clericale. Stupri, abusi e impunità
sabato 18 agosto 2018 Marina Zenobio
Contro l’impunità della pedofilia un Gran Giurì della Pennsylvania propone di prolungare la prescrizione dei delitti e dare più tempo alle vittime per presentare le denunce
Ponte Morandi, così le privatizzazioni fanno strage
giovedì 16 agosto 2018 Redazione
Il crollo del Ponte Morandi di Genova: disastro inevitabile o tragedia del capitalismo?
Legge Mancino, Fontana teme d’essere incriminato
venerdì 3 agosto 2018 Checchino Antonini
Legge Mancino, Fontana, il ministro della famiglia bianca-etero-bigotta vorrebbe abolirla. Salvini pure poi frena

malapolizia

Un questore, una taser e un ragazzo ucciso dalla polizia
venerdì 14 settembre 2018 Checchino Antonini
«Ci fosse stato il taser, Federico Aldrovandi sarebbe ancora vivo», dice il questore di Reggio Emilia. Ma la taser è uno strumento di tortura che semina morti
Sgomberi e taser, ecco la circolare di Salvini
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Il Viminale: «Tempestività negli sgomberi» e via con le pistole taser. E' il pacchetto sicurezza di Salvini che debutta in società
Uomini (in divisa) che odiano sui social
sabato 1 settembre 2018 Ercole Olmi
Il caso del poliziotto hater di Rovigo non è unico nel suo genere. E' la stessa sottocultura che applaude gli autori di abusi e censura i film su Cucchi

quotidiano movimento

Sans Papier e Radio Sonar nel mirino di Salvini e Raggi
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Roma, nel palazzo di via Carlo Felice tra gli occupanti che aspettano lo sgombero
Il debito di Napoli non è ingiusto, è illegittimo
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Napoli, la lotta contro il debito illegittimo per liberare risorse per la collettività  
Roma, allo stremo i rifugiati di Scorticabove
mercoledì 5 settembre 2018 Redazione
I rifugiati di Scorticabove ancora in strada. "Non ce la facciamo più". Il progetto di cohousing in un luogo confiscato alle mafie

in genere

Argentina: il senato rigetta la legge sull’aborto
giovedì 9 agosto 2018 Marina Zenobio
Nonostante il testo fosse stato approvato dalla Camera dei Deputati, la legge sull’aborto non ha superato il vaglio del Senato per sette voti contrari e due astensioni
Casa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”
giovedì 26 luglio 2018 Marina Zenobio
E’ l’esito di un logorante braccio di ferro tra la Casa, storico spazio femminista romano, e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle
Repubblicanesimo e femminismo
sabato 16 giugno 2018 Redazione
Un'analisi sul femminismo che, radicalizzando la critica marxiana, svela l’esistenza di un lavoro che è la base di tutte le altre forme di lavoro, perché è il lavoro che produce la forza lavoro

mondi

Mediterraneo, partono in pochi, muoiono in tanti
lunedì 3 settembre 2018 Redazione
Migranti, rotta del Mediterraneo: meno partenze ma più morti. In emergenza i centri di accoglienza nelle isole greche
Chemnitz blindata, nazi ancora in piazza
domenica 2 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Chemnitz, «Cuore invece di odio», è stato lo slogan della contro protesta, che in tedesco suona come un gioco di parole «Herz statt Hetze» L’ultradestra torna a manifestare a Chemnitz, e una settimana dopo la morte di un 35enne tedesco in una rissa con due migranti che ha scatenato una riposta violenta, le strade della ...
Brasile, Lula ineleggibile. Bolsonaro in testa
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Brasile, Lula dichiarato ineleggibile dal tribunale supremo elettorale. Estrema destra in testa, minacce ai candidati del Psol, il partito di Marielle Franco

culture

Lindsay Kemp non c’è più

Lindsay Kemp non c’è più, ma di lui ci restano sogni, immaginazioni e quell’espressione rapita da ultimo Pierrot

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Cortona, sguardi di donne

Cortona on the move, fino al 30 settembre appuntamento nella cittadina toscana per il festival della fotografia. Quest’anno tutto al femminile

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Claudio Lolli è vivo, e muore insieme a noi

E’ morto Claudio Lolli, cantautore e intellettuale. Aveva 68 anni. Per dirla con Nick Hornby, «sapeva come ti sentivi e lo cantava»

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Racconti d’estate 5. Moravia, Scherzi di ferragosto

Da Racconti romani (1954), Scherzi di ferragosto di Alberto Moravia. Echi di una Roma sparita che ancora resiste

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.