Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»

Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

Ha compiuto 64 anni il 24 aprile, Mumia Abu-Jamal, e da 36 è in carcere, negli States. Popoff pubblica uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione a We Want Freedom, la sua autobiografia politica appena ripubblicata da Mimesis con il titolo Vogliamo la libertà. Una vita nel partito delle Pantere Nere a cura di Giacomo Marchetti, operaio, attivista politico, giornalista freelance e ricercatore indipendente. Mumia, attivista, giornalista radiofonico e, per molti anni, responsabile dell’Informazione per la sezione di Philadelphia delle Black Panther era considerato la “voce dei senza voce”. La sua denuncia degli abusi in divisa attira le pesanti attenzione di FBI e COINTELPRO come “un soggetto da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale”. Il 9 dicembre 1981 venne incarcerato a seguito di una sparatoria che lasciò a terra il poliziotto Daniel Faulkner. Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale: da Noam Chomsky a Colin Firth, da Angela Davis ai Rage Against the Machine. Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte, che gli è stata commutata in ergastolo soltanto nel 2008. Dal braccio della morte, dalla cella di isolamento, ovunque si trovasse, Abu-Jamal non ha mai smesso di far sentire la propria voce tramite i suoi diari e i suoi scritti politici. Il libro incrocia biografia personale e collettiva, memoria privata e storica, per ricostruire il cammino del popolo afro-americano dalla schiavitù a oggi e per raccontare la nascita del Partito delle Pantere Nere e delle lotte contro la discriminazione razziale.

La mia vita politica iniziò con il BPP.

Quando una sorella meno giovane, di nome Audrea mi dette una copia del “Black Panther”, nella primavera del 1968, ne rimasi colpito. Era come se i miei sogni si fossero rivelati realtà.

Lessi e rilessi la copia, voltando ogni pagina come se fossero le pagine sottili di un libro sacro. I miei occhi bevvero le immagini di giovani neri, uomini e donne, coi loro corpi slanciati vestiti di pelle nera, sul petto bottoni con parole di ribellione, resistenza e rivoluzione.

Non credevo ai miei occhi nel vedere foto di neri armati che proclamavano la loro decisione di lottare per la rivoluzione nera. Passarono altri mesi prima che aderissi formalmente al BPP, ma in verità mi unii a loro quando lessi il giornale per la prima volta.

Mi unii col cuore.

Avevo quattordici anni.

Robin’s, una libreria di periferia schiacciata tra un ristorante e un negozio di abiti a poco prezzo, divenne la mia Mecca, perché lì, ogni settimana, arrivava puntuale il “libro sacro”, come una manna dal cielo rivoluzionario, il “Black Panther”!

Ne compravo una copia e poi cercavo libri sugli scaffali: libri neri, radicali, libri di tutti i tipi. Il cassiere ogni tanto ringhiava: “Questa non è una biblioteca, ragazzo! Compri qualcosa o che?”. Io lo ignoravo e continuavo a leggere.

Trovai le opere di Frantz Fanon, di Malcolm X, di Kwame Nkrumah, la poesia di Langston Hughes, la prosa di Richard Wright e il magnifico esempio di Paul Robeson. E trovai anche molti giovani, gran parte dei quali più grandi di me, che sarebbero stati tra i primi a unirsi all’organizzazione che mi entusiasmava.

È significativo il fatto che la prima “sede” del BPP a Philadelphia non fosse un appartamento o una cantina, ma una libreria, dove si scambiavano idee e si incontrarono le nostre menti.

Mi sorprende che oggi ci siano così poche opportunità per i giovani ribelli, e i giovani sono ribelli innati, per incontrarsi, parlare, pensare, scambiare esperienze. Le stesse librerie, molte delle quali fanno parte di grandi reti commerciali, sono luoghi per comprare, non per incontrarsi.

Internet, per quanto diffuso e pervasivo, diminuisce il contatto umano, anziché incrementarlo. Non sai ma davvero con chi stai comunicando. Ed è anche intrecciato con spie dello Stato onnipresente, alla ricerca di ogni traccia di ribellione, come dimostra Echelon. Questa paranoia ufficiale è in un certo senso il riflesso del cambiamento culturale sopravvenuto.

L’età della ribellione è diventata l’età della conservazione; Huey il ribelle è diventato Huggy Bear, il personaggio della cultura popolare bianca aziendale.

Eppure. Eppure… vi sono cicli storici.

Nessun impero può prevedere la sua caduta nell’abisso del tempo. Non lo fece l’impero romano. Sull’impero britannico un tempo “il sole non tramontava mai”. Ora è tramontato. O no? Ho letto di recente un libro sui seicento anni dell’impero ottomano. Al suo apogeo era il più potente impero della terra; aveva conquistato il bastione orientale dell’impero romano, la capitale bizantina di Costantinopoli, ribattezzandola Istanbul, eppure cadde in un vortice di pazzia familiare, di uomini che massacrarono le proprie famiglie, e divenne, alla fine, irrilevante.

La lezione della storia è ineludibile: gli imperi nascono, gli imperi cadono.

Il Mahatma Gandhi scrisse:

Un singolo individuo può sfidare l’intero potere di un impero ingiusto per salvare il proprio onore, la sua religione, la sua anima e gettare le fondamenta per la caduta di tale impero o per la sua rigenerazione.

Il BPP è stato un progetto profondamente antimperiale, un effetto della grande ambivalenza che sta nel cuore dei neri e che deriva dalla loro esperienza di afro-americani. È il riflesso di una coscienza che ha agito per molte generazioni nella vita delle comunità nere. Date le loro radici comuni, che si rifanno tutte al commercio di schiavi, stupirebbe se le comunità nere in America, anche con tracce di lingua spagnola, olandese, portoghese o inglese, non fossero solidali tra loro.

Come negli anni Trenta la stampa parlava delle vite e delle lotte degli afro-cubani, allora chiamati la raza de color, così i giornali neri scrivevano della vita e delle conquiste di uomini come Antonio Maceo, il famoso generale mulatto che combatté nella guerra di indipendenza cubana contro  la Spagna, e traducevano e pubblicavano l’opera del grande poeta Nicholas Guillen. Influenti personaggi afro-americani, come Mary McLeod Bethune e Langston Hughes, visitarono Cuba per vedere come vivevano i neri sotto un regime diverso.

Questo internazionalismo raggiunse forse il suo punto più alto nel BPP, con l’istituzione di un’ambasciata virtuale ad Algeri.

Il BPP non creò solidarietà internazionalista, ma fece del suo meglio per estenderla e la sua resistenza emerse quando l’impero era impegnato in una guerra esterna contro il Vietnam. Anche questo aveva dei precedenti storici. Durante la Seconda guerra mondiale, i neri americani iniziarono quella che fu chiamata la “campagna della Doppia V”, vale a dire la vittoria su due fronti: all’estero e all’interno, usando il linguaggio della guerra per indicare le battaglie dei neri dentro l’impero.

Il BPP si spinse oltre, confortato dalle lotte antiimperialiste e anticoloniali all’estero. Ma la spinta principale, pur arricchita e incoraggiata da eventi esterni, venne dalle esperienze di vita dei neri americani in una terra dove si sentivano eternamente stranieri.

E quel profondo senso di alienazione continua a vivere oggi nei cuori di milioni di neri, in ogni ghetto d’America e altrove. La repressione dello Stato lo ha modificato, spingendone una parte in clandestinità.

Ma, come diceva Freud a proposito di altre repressioni, ciò che viene represso presto o tardi si esprimerà.

Il BPP può essere storia, ma le forze dalle quali nacque non lo sono.

Aspettano il momento per risorgere.

Focus

domenica 24 Marzo 2019 Redazione
Mettere fine ai cambiamenti climatici richiede mettere fine al capitalismo. Abbiamo il fegato per farlo?
Torino, vietato pedalare. Polizia contro critical mass
venerdì 22 Marzo 2019 Checchino Antonini
Torino, 4 denunce durante una critical mass "contro città sempre più inquinate". La città è ormai  un laboratorio di repressione
giovedì 21 Marzo 2019 Francesco Ruggeri
Viaggio di Legambiente nell’Italia delle buone e cattive acque, alla vigilia della giornata mondiale dell’acqua 
Stadio della Roma, arrestato il presidente pentastellato del Campidoglio
mercoledì 20 Marzo 2019 Checchino Antonini
Stadio della Roma, arrestato per tangenti Marcello De Vito, pentastellato antemarcia, presidente dell'assemblea capitolina
martedì 19 Marzo 2019 Francesco Ruggeri
Il Cadtm, comitato per l'annullamento del debito illegittimo, contro la flat tax: è il contrario della progressività fiscale che prescrive la Costituzione
Il testamento di Orso: «Non abbandonate la speranza. Mai!»
lunedì 18 Marzo 2019 Ercole Olmi
Il testamento di Lorenzo Orsetti, Orso per i suoi amici, Tekoşer (lottatore) per chi combatteva con lui, con le milizie dell'Ypg contro l'Isis

in fondo a sinistra

Europee, la tav fa il vuoto intorno a Zingaretti
giovedì 7 Marzo 2019 Giulio AF Buratti
Europee, la tav fa allontanare Civati, verdi, Bonino e Pizzarotti. Prc: «Siamo a buon punto nella definizione della coalizione antiliberista» 
Europee, PaP non ci sarà e il Prc rilancia l’appello
mercoledì 6 Marzo 2019 Giulio AF Buratti
Pap: «Non ci sono le condizioni per costruire questa coalizione». Rifo: «Mettiamo a disposizione i simboli della Sinistra Europea»
Zingaretti capostazione del Tav
martedì 5 Marzo 2019 Giulio AF Buratti
Primarie, the day after: Zingaretti vola a Torino da Chiamparino per chiedere lo sblocco dei cantieri Tav

cronache sociali

Come battersi contro il regionalismo differenziato
martedì 12 Marzo 2019 Redazione
Contro il regionalismo differenziato per un rafforzamento delle autonomie in senso antiliberista
Morandi Obiettivo Memoria
lunedì 11 Marzo 2019 Ludovica Schiaroli
Nasce a Genova il memoriale virtuale per raccogliere le testimonianze riguardanti il ponte Morandi per non dimenticare il 14 agosto 2018.
Roma, morto un altro senzatetto ma non chiamatela emergenza freddo
giovedì 28 Febbraio 2019 Francesca Zaccari
Carbonizzato in una baracca un uomo invisibile, senza dimora e senza documenti. E' il 13mo in poche settimane. Eppure il freddo non è una novità

consumare stanca

Genova Wine Festival
venerdì 22 Febbraio 2019 Ludovica Schiaroli
50 produttori da tutta Italia per raccontare ciò che che si beve oggi in Liguria secondo Papille Clandestine e Intravino. 
WhatsApp: nei gruppi solo se li autorizza l’utente
venerdì 15 Febbraio 2019 Francesco Ruggeri
WhatsApp sta testando una funzione che consentirà agli utenti di essere inseriti in un gruppo solo se lo autorizzano gli stessi utenti I gruppi delle chat possono essere a volte una perdita di tempo o un invasione dei propri spazi. WhatsApp sta testando una funzione che consentirà agli utenti di essere inseriti in un gruppo ...
La cannabis non è dannosa, e ora chi glielo dice a Salvini e Fontana?
sabato 2 Febbraio 2019 Checchino Antonini
Droghe. L'OMS chiede di riclassificare la Cannabis, depennandola dall'elenco delle sostanze dannose per la salute e ne raccomanda l'uso terapuetico

padrini & padroni

Il senso del governo per il lavoro: poche idee ma ben confuse
sabato 16 Marzo 2019 Redazione
Generico e insidioso, un sindacalista non confederale legge il testo della legge delega per la semplificazione e il riassetto in materia di lavoro
Forenza: «Ecco perché Tajani si deve dimettere»
giovedì 14 Marzo 2019 Checchino Antonini
Tajani choc: «Anche Mussolini ha fatto cose buone». Forenza: «E' il presidente dell'Europarlamento, non può scordare nemmeno un secondo di vent'anni di atrocità»
Cassazione: alla ‘ndrangheta piace Tav
giovedì 7 Marzo 2019 Francesco Ruggeri
La 'ndrangheta era interessata a lavori di costruzione del Tav Torino-Lione in Valle di Susa. La sentenza della Cassazione

malapolizia

Cucchi, così iniziò il depistaggio dei carabinieri
mercoledì 20 Marzo 2019 Checchino Antonini
Cucchi, chiusa l'indagine sui depistaggi, rischiano il processo otto carabinieri. Ecco le motivazioni delle accuse
Due ex poliziotti arrestati l’assassinio di Marielle Franco
venerdì 15 Marzo 2019 Redazione
Alla vigilia del primo anniversario dell’assassinio di Marielle, arrestati due ex sbirri vicini di casa di Bolsonaro
Torino, la militarizzazione dopo lo sgombero dell’Asilo
martedì 12 Marzo 2019 Redazione
“Contro ogni forma di repressione e di militarizzazione del territorio”. Racconto dal Circolo Arci Fuoriluogo. Dopo i fatti di zona Aurora

quotidiano movimento

Ciao Tina!
mercoledì 20 Marzo 2019 Checchino Antonini
E' morta a 94 anni Tina Costa, partigiana e comunista. Venerdì la camera ardente. «Starò in piazza fino a quando avrò l'ultimo respiro»
Con Greta, in sciopero per il futuro 
martedì 12 Marzo 2019 Ludovica Schiaroli
Il 15 marzo sarà sciopero mondiale per il clima. Lanciato dalla quindicenne svedese Greta Thunberg centinaia anche in Italia scenderanno in piazza.
Vitaliano Della Sala, dopo 17, anni può tornare alla sua parrocchia
sabato 9 Febbraio 2019 Giulio AF Buratti
Sospeso a divinis nel 2002, ora don Vitaliano può tornare a S.Angelo a Scala. Merito di Bergoglio, ritengono sia lui che Agnoletto. Cosa fanno ora i leader del 2001

in genere

Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro
Nudm, oggi a Verona contro le mozioni antiabortiste
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Sabato 13 ottobre mobilitazione a Verona contro le mozioni anti-abortiste. Non Una Di Meno lancia lo stato di agitazione permanente

mondi

Quando il gioco di ruolo si fa nazi
sabato 23 Febbraio 2019 Sergio Braga
Giochi di ruolo, un maestro ne inventa uno in cui un alunno dalla pelle nera è discriminato. Gli sembra una bella idea. Invece è sbagliato. Ecco perché.
Labour, mini-scissione a destra contro Corbyn
lunedì 18 Febbraio 2019 Giulio AF Buratti
7 dei 260 deputati lasciano il Labour in polemica con la svolta di estrema sinistra di Corbyn. Enfasi sul presunto antisemitismo
Tutto quello che c’è da sapere sul Venezuela
venerdì 8 Febbraio 2019 Redazione
Venezuela, alcuni elementi per capire la posta in gioco e demistificare le fake news di chi tifa per un intervento Usa

culture

L’insonnia della ragione ammazza il Grillo

Insomnia tour al rush finale. Lo spettacolo (stanco) del Belpaese e dei travagli nel governo gialloverde

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

“Proletkult”, il romanzo senza rivoluzione

“Proletkult”, sul ring installato dai Wu Ming, Bogdanov prende a pugni Lenin e l’Ottobre

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Quando il calcio è la festa violenta del potere

Prima assoluta. Al Nazionale di Genova va in scena il Tango del calcio di rigore con la regia di Giorgio Gallione

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Non barrisce l’elefante romano

La storia della mancata insurrezione del Partito d’Azione a Roma “città aperta” nel saggio di Fabrocile presentato alla Casa della memoria

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

#TrotskyVersusNetflix, tweet-bombing contro la fiction tossica

La protesta internazionale contro Netflix e Putin, uniti nelle calunnie contro Trotsky

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Cuba, “il Gallo” parla ancora

Tradotto in spagnolo, e presentato a L’Avana, Capeza Arriba di Federico Traversa che con il Gallo ha condiviso un cammino di sette anni

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Foibe, uno storico contro le mistificazioni (anche di Mattarella)

Foibe: «Sono complice degli storici attaccati da Mattarella». Consigli di lettura da Antonio Moscato

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.