12 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
12 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaCarabinieri accusati di stupro, chiesto il processo

Carabinieri accusati di stupro, chiesto il processo

Carabinieri accusati di stupro, chiesto il rinvio a giudizio. Ora la decisione spetta al Gup

di Francesco Ruggeri

Meno di una settimana fa sono stati destituiti dall’Arma dei carabinieri al termine di un’indagine disciplinare che aveva già portato alla loro sospensione e a metà stipendio. Oggi la richiesta di rinvio a giudizio da parte del sostituto procuratore di Firenze Ornella Galeotti: sarà ora il gup a decidere se Marco Camuffo e Pietro Costa dovranno affrontare un processo per l’accusa di aver violentato due studentesse americane, di 20 e 21 anni, a Firenze la notte del 7 settembre scorso dopo averle riaccompagnate a casa con l’auto con cui prestavano servizio per il nucleo radiomobile dei carabinieri di Firenze. A far scattare l’inchiesta nei confronti dei due carabinieri destituiti fu la denuncia delle giovani Usa che si rivolsero alla polizia. Le ragazze raccontarono di aver incontrato in un locale di piazzale Michelangelo i due militari che poi si offrirono di portale a casa a bordo della gazzella. All’arrivo i carabinieri entrarono con loro nel palazzo dove poi, per scale e nell’ascensore, le avrebbero costrette a subire rapporti secondo l’accusa. All’opposto i due militari hanno sempre negato di averle violentate. «La richiesta di rinvio a giudizio la davo per scontata – afferma Gabriele Zanobini, legale di una delle giovani Usa – ma devo dire che sono molto contento per la celerità con cui è stata presa, i pm hanno anticipato la recente raccomandazione del Csm che invita a velocizzare i procedimenti che riguardano la violenza sulle donne».

Sulla vicenda è in corso anche un procedimento presso il tribunale militare, di fronte al quale dovrà tenersi l’udienza preliminare per i reati concorso in violata consegna e in peculato militare. L’udienza davanti al gup militare è fissata per il 30 maggio, ma sarà quasi certamente rinviata al 27 giugno per impegni di uno dei legali. Non è escluso che in quella data si decida di unificare i due procedimenti in corso, portando a Firenze la parte militare, aggregandola a quella penale: «Chiederò al giudice militare di riqualificare il reato di peculato militare in peculato d’uso, e se acconsentirà sarà trasferito tutto a Firenze – spiega l’avvocato Giorgio Carta, difensore di Pietro Costa – in base alla norma secondo la quale se il reato contestato più grave è penale la parte militare deve essere unificata».

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri