21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
Homecronache socialiGli italiani sono respingenti. Come Salvini

Gli italiani sono respingenti. Come Salvini

Alto gradimento per il blocco dei porti deciso da Salvini, un sondaggio Swg: il 64% degli italiani è favorevole a blindare le coste

Lo stop allo sbarco degli oltre seicento naufraghi della nave Aquarius è condiviso dal 63% degli italiani: si evince da un sondaggio di Swg, secondo cui schierati sulla linea Di Maio-Salvini sono gli elettori di Forza Italia (82%), Lega (94%) e M5S (78%), ma anche un quarto dei supporter del Pd. Secondo il sondaggio, il 64% degli italiani è favorevole a un blocco navale delle nostre coste. Ne sono convinti gli elettori di Lega (93%), Fi (86%)e, con qualche dubbio in più, quelli dei M5S (75%). L’ipotesi del blocco navale miete consensi anche tra le persone che non si collocano in alcun schieramento politico (61%) e tra gli elettori del Pd (33%). Buona parte dell’opinione pubblica ritiene che, se non si riesce a fermare i migranti prima dell’arrivo sulle nostre coste, si debba realizzare un sistema di rimpatrio immediato nei paesi di provenienza. L’ipotesi di accogliere i naufraghi e di smistare le persone negli altri paesi europei convince solo poco più di un terzo dell’opinione pubblica(36%).

In questi anni la relazione tra italiani e immigrati ha subito una netta inversione di tendenza. Nel 2003 la maggioranza degli italiani (64%) considerava i migranti come una risorsa per l’Italia, persone che avrebbero potuto apportare energie fresche sia dal punto di vista demografico sia da quello della forza lavoro. Oggi il quadro emerge nettamente cambiato, e la curva del consenso verso il ruolo positivo e produttivo dei flussi migratori è stata da allora in costante calo. Nel 2013 la quota di italiani che ritenevano gli immigrati una risorsa era scesa al 50%. Da quel momento, si evince dal sondaggio Swg, l’avversione ai migranti ha subito una netta accelerazione: l’anno scorso la quota che giudicava i migranti una risorsa per il nostro Paese è calata al 35%. Quest’anno è crollata al 28%. In crescita, invece, la relazione tra immigrazione e insicurezza. Il 50% degli italiani ritiene che i flussi migratori alimentano la criminalità e l’insicurezza delle città e dei piccoli centri. Ad avvertire maggiormente la relazione tra immigrazione e insicurezza sono i residenti del Nord. Il sondaggio è stato eseguito con metodo CATI-CAMI-CAWI tra il 13 ed il 18 giugno su un campione nazionale di 1.500 soggetti maggiorenni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati