5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniGig economy vista dall'Inps, com'è grigia "l'economia dei lavoretti"

Gig economy vista dall’Inps, com’è grigia “l’economia dei lavoretti”

600 mila “Gig” lavoratori, le aziende dicono di svolgere servizi informatici ma consegnano merci. Ed evadono l’Inps

Per 137 mila persone la nuova economia è il primo lavoro ma il 44 per cento delle aziende non ha posizioni aperte nella previdenza italiana.

 

Amazon, Airbnb, Deliveroo, Blablacar e tutte le altre. 22 società non hanno lavoratori secondo i dati Inps, 17 aziende hanno solo dipendenti privati per 662 rapporti di lavoro. Infine 11 aziende hanno sia collaboratori che dipendenti, con i primi a farla da padrone con 1841 rapporti di lavoro rispetti ai 288 contratti subordinati. L’Inps ne ha elencate 50 di società e le ha suddivise in tre categorie: lavoro on demand attraverso app, crowdwork e asset rental. Sono le aziende della gig economy, che entrano per la prima volta nel rapporto annuale dell’Istituto nazionale di previdenza socialepresentato oggi nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio. 

Ci sono problemi di definizione perché non esiste una gestione previdenziale dedicata ai lavoratori della Gig economy – scrive l’istituto guidato da Tito Boeri – come non esiste una forma di pagamento che circoscriva il perimetro della “economia dei lavoretti”. Secondo lo studio, il 44 per cento delle società non ha posizione negli archivi Inps per il 2017.

Si tratta di un dato atteso perché molte piattaforme operano a livello internazionale, senza lavoratori locali, oppure con una larga fetta di lavoratori impiegata a prestazione autonoma occasionale, che sotto i 5000 euro non prevede iscrizione alla gestione separata dell’Inps. Dall’indagine campionaria risulta invece la presenza di alcune aziende con numerosi dipendenti. Un dato in controtendenza che il rapporto annuale presentato a Montecitorio tenta di spiegare. Può trattarsi di aziende inserite nella gig economy che hanno deciso di assumere, oppure di aziende erroneamente inquadrate nel settore. Questo mostra una difficoltà nel definire il fenomeno fra gli addetti ai lavori, fatto di zone “di confine” come il lavoro domestico che viene richiesto tramite piattaforma. Un dato interessante è che sulle 28 aziende con lavoratori che risultano all’Inps, ben 16 operano nella produzione di software e servizi informatici. Significa che se una società consegna cibo a domicilio attraverso piattaforma si registra come società d’informatica.

La fotografia dei lavoratori racconta che i collaboratori sono quasi tutti maschi, l’86 per cento, mentre fra i dipendenti il 56 per cento è donna. Tra i collaboratori solo poco più della metà ha esperienze precedenti di lavoro mentre tra i lavoratori dipendenti il dato sale all’86 per cento. L’indagine condotta da Inps, che fa seguito a una precedente sulla gig economy in Italia condotta da Fondazione Debenedetti, è stata realizzata attraverso questionari e sondaggi online. 15.011 i rispondenti poi limati 14.857 dopo pulizia dei numeri per riportare i dati di riferimento alla popolazione in età lavorativa fra i 18 e 64 anni.
Su questa fascia lo 0,47 per cento ha indicato il settore “gig” come unico lavoro nella settimana di riferimento. Sono 175.555 lavoratori, cifra che se viene tarata in base al fatto che non tutta la popolazione in età lavorativa è fatta di internauti e frequentatori abituali della rete, quindi non intercettabili dalla survey di Inps, porta la stima dei lavoratori solo “gig” a 137.284, lo 0,37 per cento del totale. “Un’incidenza già significativa – scrive l’Inps – rispetto al fatto che in Italia le tecnologie digitali seppur diffuse non sono sviluppate come nei Paesi anglosassoni”. Si aggiunga che un altro 1,18 per cento della popolazione attiva lo fa come secondo lavoro, lo 0,38 per cento lo usa come “ammortizzatore” in una fase di inattività o disoccupazione. La somma di tutte le voci porta i lavoratori gig a 589.040. (Francesco Floris)

© Copyright Redattore Sociale

Articolo precedenteItalian Pride
Articolo successivoJaneczek, lo Strega dopo il Bagutta

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi