domenica 18 novembre 2018

Liberata Cristina Cattafesta. Era stata sequestrata da Erdogan

Liberata Cristina Cattafesta. Era stata sequestrata da Erdogan

Cattafesta, rientrata a Milano l’attivista italiana sequestrata dalla polizia di Erdogan mentre era impegnata come osservatrice delle elezioni, invitata dall’Hdp

«Cristina è finalmente rientrata in Italia oggi, dopo 12 giorni di detenzione presso il centro di espulsione di Gaziantep, in Turchia», comunica il Cisda, Coordinamento Italiano di Sostegno alle Donne Afghane (nato nel 1999 su iniziativa di una serie di associazioni e realtà italiane che da anni lavorano sui temi dei diritti delle donne, contro i fondamentalismi e le guerre). Cattafesta ne è presidente ed era in Turchia su invito di Hdp, il partito della sinistra e delle minoranze promosso dai Kurdi, ringraziando l’avvocata Ballerini, l’Ambasciata Italiana in Turchia, la Farnesina, i Parlamentari europei e italiani, le Autorità locali e regionali, in particolare il Sindaco di Milano e la Regione Lombardia che si sono attivati. «Ci teniamo a ringraziare anche tutte le associazioni, organizzazioni e singoli che ci hanno sostenute a diverso titolo».

Cattafesta è ripartita dall’aeroporto Ataturk di Istanbul con un volo della Turkish Airlines diretto a Milano Malpensa, come conferma all’ANSA il suo avvocato locale. La 62enne attivista milanese, era stata fermata 12 giorni fa a Batman, in Kurdistan, nel sud-est della Turchia, dove era giunta come osservatrice elettorale per l’Hdp. Da lì era poi stata trasferita al centro di identificazione per stranieri di Gaziantep, dove veniva trattenuta in attesa del provvedimento di espulsione, attuato oggi. Il trasferimento era avvenuto dopo che erano cadute nei suoi confronti le accuse di propaganda terroristica a favore del Pkk curdo.

Cristina aveva fatto ingresso nel paese giovedì 21 giugno, insieme a una delegazione di sei persone del Cisda per svolgere il ruolo di Osservatrice Internazionale indipendente durante le elezioni politiche e presidenziali turche. La richiesta di svolgere questo ruolo proveniva da alcune organizzazioni della società civile e dall’HDP (Partito Democratico dei Popoli), «che consideravano fondamentale il monitoraggio di un processo elettorale decisivo per il futuro del paese. Ha deciso di accettare, pur conoscendo la complessità della situazione e gli eventuali rischi correlati», spiega proprio il Cisda. La delegazione è stata assegnata ai seggi della provincia di Batman, nella Turchia sud-orientale. Domenica 24 giugno, dopo aver verificato un seggio di Hasankeyf, intorno a mezzogiorno è stata arrestata nel distretto di Gercuş, per strada, da poliziotti in borghese che si sono rivolti direttamente a lei.

La mattina stessa aveva già subito due controlli: uno insieme agli altri membri della delegazione poco distante dall’albergo e l’altro presso il primo seggio da lei visitato, da sola con l’interprete.

«La sera è arrivata la notizia che Cristina sarà trattenuta una notte presso l’ufficio della Procura della Repubblica con l’accusa di propaganda per un’organizzazione a scopo terroristico in quanto, sulla sua pagina facebook sono presenti delle foto che la ritraggono con alle spalle una bandiera del PKK – ricordano le sue compagne – foto scattate durante una manifestazione a Milano in difesa di Afrin, cittadina siriana assediata dall’esercito turco, in cui Cristina voleva dimostrare solidarietà a tutti quei civili massacrati, a quegli attivisti che combattono per la loro terra e per una società più giusta. Quel giorno in cui si è battuta, come sempre, contro le ingiustizie, da quelle nel suo quartiere di Milano, all’Afghanistan, all’Algeria, alle donne maltrattate…Infatti, l’indomani, è stata prosciolta da ogni accusa e liberata; per pochi minuti. Ai giudici ha detto che non è un crimine pubblicare foto su facebook, dimostrando il suo carattere forte e sottolineando che la libertà di espressione è fondamentale, e dovrebbe esserlo in uno stato democratico che si rispetti.

La sua pratica è stata poi repentinamente trasferita al Dipartimento per l’Immigrazione del Commissariato di Polizia di Batman, perché potesse decidere sulla sua espulsione; questo, a sua volta, ha rimandato la decisione ad Ankara. Alla fine è arrivato l’ordine di trasferimento presso il centro di espulsione di Gaziantep, un luogo in cui la permanenza non è definita: il tempo massimo registrato per uno straniero è di 440 giorni, quello medio tra i 30 e i 60.

Prima dello spostamento, chi era con lei ha potuto incontrarla per pochi minuti nella stanza in cui era trattenuta e ottenuto informazioni sulla sua detenzione: ha dormito su una sedia, le è stata consentita una sola chiamata, non le è stato permesso lavarsi né cambiarsi, non è riuscita a mangiare per la tensione. Non voleva mangiare, Cristina, voleva essere libera, e lo ha detto chiaramente alla sua guardia».

Solo una settimana dopo il suo arrivo a Gaziantep Cattafesta ha potuto avere contatti con l’Italia, «accusata di un crimine che non ha mai commesso, da un governo che assume una deriva sempre più dittatoriale, giorno dopo giorno, come dimostra anche lo svolgimento di queste elezioni.

Il presidente ha scoraggiato l’accesso al voto nelle provincie a maggioranza curda, e dove l’opposizione avrebbe quindi vinto, per esempio accorpando i seggi di cinque villaggi in una scuola a 15, se non 30, chilometri di distanza. Una regione in cui il presidente non contrasta l’accesso dei militari ai seggi, nonostante la legge indichi che debbano stare all’esterno, a proteggere i seggi elettorali, non a intimidire gli elettori. In cui, Erdogan, non tutela l’accesso al voto di anziani e di disabili, privi di accompagnamento», denunciano ancora le militanti del coordinamento con sede a Milano che promuove azioni politico-sociali, a livello nazionale e internazionale sulle condizioni delle donne afgane; raccoglie fondi, sostiene progetti a favore delle donne e dei bambini negli orfanotrofi in Pakistan e in Afghanistan; organizza momenti pubblici e realizza materiali informativi.

Ancora le compagne di Cattafesta ricordano «anche ciò che è accaduto la sera delle elezioni quando, intorno alle 22, è giunta la conferma del superamento della soglia di sbarramento da parte dell’HDP che ha dato il via ai propri festeggiamenti. Lo spazio predisposto straripava di persone che insieme cantavano canzoni curde, ridevano, urlavano e fotografavano un pezzo di storia che gli appartiene. Non è trascorsa nemmeno mezzora e il lancio dei gas lacrimogeni da parte della polizia disperde la folla che comincia a correre, con gli occhi pieni di lacrime e le vie respiratorie in fiamme. Su viale Ataturk, la polizia ha caricato violentemente con gli idranti gli elettori del partito che camminavano, festeggiando, tra urla e risa. Tanto a lungo che la notte, ore più tardi, le case erano ancora pervase dall’odore pungente delle armi chimiche. Forse sì, Cristina, in realtà una colpa ce l’ha: da sempre sceglie con fermezza da che parte stare, non riesce a stare in silenzio davanti alle ingiustizie e vuole guardare quello che vede con i suoi occhi. È passibile, quindi, di accusa per coraggio, umanità, passione… Ed è punita perché la sua presenza, in Turchia, è scomoda. Perché, nei suoi occhi, risiede la testimonianza delle continue violazioni dei diritti umani che il governo turco sta perpetrando su una parte del suo territorio, abitata da minoranze etniche discriminate, vittime di violenze ed abusi, emarginate dai discorsi in chiave ultra nazionalista del presidente.

“Il tuo impegno è quello di raccontare tutto questo e, noi, non lasceremo passare inosservato neanche questo episodio, anche se la nostra missione è diventata, poi, quella di riportarti a casa, libera”. Con te».

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.