martedì 16 ottobre 2018

Hollywood ha ancora problemi con i diversi

Hollywood ha ancora problemi con i diversi

Industria del cinema Usa, ecco i dati che mostrano che Hollywood ha ancora un problema con la diversità
di Marcela Vargas – Mexico.com

Uno studio sull’inclusione nel cinema americano rivela quanto poco sia cambiato Hollywood negli ultimi dieci anni: solo il 31,8% dei personaggi con il dialogo nei film sono donne. Su un totale di 1.100 film analizzati, il numero dei direttori bianchi sale al 91,7%, seguito da 5,2% di afroamericani e dai registi asiatici (3,1%)

L’Iniziativa per l’inserimento della Facoltà di Comunicazione e Giornalismo presso l’University of Southern California USC Annenberg ha pubblicato uno studio che mostra la disuguaglianza di genere, etnia e la disabilità in più di mille film hollywoodiani prodotte negli ultimi dieci anni.

In questo periodo, Hollywood ha visto crescere la lotta di diversi gruppi sociali per la loro inclusione nel cinema con una maggiore diffusione in tutto il mondo. Lo studio universitario mostra che, nonostante la percezione popolare, poco è cambiato nell’industria cinematografica americana. Per sviluppare questo studio, l'”Iniziativa per l’inclusione” ha analizzato ogni personaggio all’interno di 1.100 film pubblicati tra il 2007 e il 2017: i cento più popolari ogni anno. Cioè, quasi 49mila personaggi sono stati disaggregati per studiare la rappresentazione di genere, etnia, capacità corporee e altre variabili contestuali. Lo studio ha anche affrontato i ruoli dietro le quinte nei film analizzati, contando la presenza di registi, compositori, scrittori e produttori.

Solo il 31,8% dei personaggi sono donne

Le conclusioni di questa ricerca non sono incoraggianti: le percentuali di rappresentazione dello schermo sono minime. Nel caso delle donne, solo il 31,8% degli attori in questi film appartiene al genere femminile. Cioè, c’è una donna che parla sullo schermo per ogni 2,3 uomini. Inoltre, solo il 33% dei film studiati nel 2017 ha una protagonista femminile. Qualcosa che contrasta con i dati demografici della popolazione statunitense, composta per il 50,8% da donne.

D’altra parte, nel campionario dei film usciti nel 2017, sono stati inclusi in totale 4.444 personaggi con dialoghi. Di questi, il 70,7% era bianco, il 12,1% nero e il 6,2% ispanico. Si è inoltre riscontrato che il 4,8% era asiatico, il 3,9% misto e l’1,7% di origine mediorientale. Meno dell’1% erano nativi americani.

La comunità LGBT  non è stata particolarmente rappresentata nei film più popolari del cinema di Hollywood. Anche se film come Moonlight (2016) o Chiamami con il tuo nome (2017) danno l’impressione di maggiore rappresentatività, nel 2017 il 99% dei personaggi di Hollywood dialoghi erano eterosessuali e cisgender. Nel frattempo, 81 dei 100 film non apparivano personaggi LGBTI in alcuna scena.

Il cinema di Hollywood non è riuscito a rappresentare neanche le persone con disabilità: solo il 2,5% degli attori nel 2017 aveva una disabilità mentale (26,8%), di comunicazione (30,4%) ) o fisica (61,6%). Il 73% di tutti i personaggi con disabilità era bianco.

Le cose peggiorano dietro le telecamere. Sebbene figure come Patty Jenkins, Ava Duvernay o Greta Gerwig diano maggiore visibilità ai registi di Hollywood, è più un’illusione ottica che una realtà. Lo studio del centro di Annenberg indica che nel totale di 1.100 film – con i loro rispettivi 1.223 registi – la percentuale di donne nel management è ridotta al 4,3%, anche inferiore all’1,3% nel caso delle composizioni musicali. Nel caso dei direttori bianchi, sale al 91,7%, seguito da registi neri (5,2%) e asiatici (3,1%).

Possibili soluzioni?

Secondo l’Iniziativa per l’inclusione Annenberg della USC, ci sono modi per cambiare questo scenario di esclusione. Ad esempio: se vuoi raggiungere l’uguaglianza di genere, puoi aggiungere cinque donne all’anno a ogni copione (in termini di personaggi parlanti, attori). In questo modo, nel 2020 ci sarebbe la parità. L’iniziativa propone anche alcune linee di azione, come le quote di inclusione per film, l’attivismo degli investitori degli studi o elenchi inclusivi per prendere in considerazione professionisti di ogni ramo, tra gli altri. Puoi consultare il rapporto, interamente in inglese, su questa stessa pagina o tramite questo link.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.