domenica 18 novembre 2018

Corbyn: nazionalizzare i social media

Corbyn: nazionalizzare i social media

Al posto di Facebook un social media pubblico. Come la Bbc. La proposta di Corbyn contro i “tech giants”

di Ingrid Lunden

Il modo migliore per contrastare l’effetto di Facebook nei discorsi politici e di altro tipo? Considera un piano per creare un’alternativa finanziata con denaro pubblico. Questo è stato il suggerimento proposto da Jeremy Corbyn, leader del partito laburista nel Regno Unito, che ha proposto la creazione di una “British Digital Corporation” (BDC) che sarebbe una organizzazione sorella della BBC (British Broadcasting Corporation, finanziato pubblicamente ), e lavorerebbe sia come think-tank per condurre la politica e la tecnologia digitale, sia come sede di servizi no-profit per competere con quelli a scopo di lucro, in alternativa a Facebook.

“Una BDC potrebbe utilizzare tutte le nostre migliori menti, l’ultima tecnologia e le risorse pubbliche esistenti per fornire informazioni e intrattenimento come i rivali Netflix e Amazon, ma anche per sfruttare i dati per il bene pubblico”, ha detto Corbyn in un discorso durante il festival televisivo di Edimburgo. “Una BDC potrebbe sviluppare nuove tecnologie per il processo decisionale online e commissionare i programmi da parte del pubblico e persino una piattaforma di social media pubblica con reale privacy e controllo pubblico sui dati che rendono Facebook e altri così ricchi”.

Il testo completo della sua conferenza può essere trovato qui.

La BBC oggi è in gran parte finanziata da qualcosa chiamata “licenza TV”, dove le persone che vivono nel Regno Unito pagano le tasse annuali per il “diritto” di ricevere canali terrestri. Corbyn ha suggerito che la BDC sarebbe gestita in modo simile: il governo dovrebbe introdurre un canone di licenza digitale, ha detto, per integrare il canone TV. Questo sarebbe pagato sia dagli ISP, fornitori di servizi Internet (che potrebbero trasferire il costo ai propri clienti), sia dai “giganti della tecnologia”, o forse una combinazione dei due. Le famiglie più povere pagherebbero una tariffa ridotta.

I commenti e le idee di Corbyn arrivano in un momento in cui siamo ancora al limite del ruolo che le piattaforme di social media ampiamente utilizzate come Facebook hanno giocato – se non attivamente, passivamente, come piattaforme di social media altamente influenti manipolate da altri – per influenzare l’esito di processi democratici chiave, come il referendum sulla Brexit nel Regno Unito e le più recenti elezioni presidenziali degli Stati Uniti.

In tale ottica, ha anche suggerito un’ondata di proposte per aumentare la trasparenza nelle comunicazioni dei media. Come una riforma della libertà di informazione che rimuova i veti ministeriali ma li estenda ai casi alle compagnie private che forniscono servizi pubblici; permettere che il giornalismo locale, investigativo e di interesse pubblico sia tassato come beneficenza; chiedere ai “giganti della tecnologia” di contribuire a un fondo indipendente per il giornalismo di interesse pubblico; e l’espansione di uno schema della BBC esistente per promuovere più giornalismo locale (che è morto davvero nel Regno Unito, come in molti altri posti). Naturalmente, la consegna digitale avrebbe un ruolo importante in questo.

Il fatto che vi siano troppe poche aziende tecnologiche a scopo di lucro che controllano i servizi tecnologici ha un precedente nell’industria dei media, qualcosa che anche Corbyn ha attaccato direttamente. “Dobbiamo anche rompere la morsa del potere dell’élite e il dominio dei miliardari su vaste parti dei nostri media”, ha detto. “Solo tre aziende controllano il 71% della diffusione dei quotidiani nazionali e cinque società controllano l’81% della circolazione dei quotidiani locali”.

Corbyn, arrivando sulla scia di leader moderati come Tony Blair e altri nel suo schema, è uno dei leader del partito laburista più di sinistra negli ultimi tempi a sostenere una serie molto più ampia di servizi sociali e un ridimensionamento delle organizzazioni profit e del loro ruolo invasivo nella distribuzione dei servizi. In tale contesto, qualsiasi commento sui servizi di social media finanziati con fondi pubblici non dovrebbe sorprendere.

E anche se non è il Primo Ministro, i commenti di Corbyn non dovrebbero essere presi alla leggera. Nel suo ruolo di leader dell’opposizione, il suo discorso stabilisce un programma e punti di discussione su come i servizi digitali finanziati pubblicamente potrebbero prendere forma negli anni a venire. Questo è qualcosa che i Tories (il cui leader, Theresa May, è il Primo Ministro) stanno anche contemplando. Fino ad ora l’attenzione si è concentrata su aree come lo sviluppo di AI, 5G e sicurezza informatica, anche se con una forte enfasi sull’aiutare a finanziare e incrementare le imprese del settore privato.

Ci sono una serie di problemi che i commenti di Corbyn sollevano, non solo sul libero mercato, ma su ciò che un modello finanziato pubblicamente potrebbe implicare per le startup – che sono (in teoria!) a scopo di lucro e parte di una grande spinta per stimolare l’imprenditorialità e piccole imprese. Allo stesso modo, in città come Londra, le stesse grandi società tecnologiche che Corbyn potrebbe criticare hanno avuto un ruolo importante nel rilanciare l’economia locale, e minacce di tasse molto più alte potrebbero avere un effetto agghiacciante sulle loro attività qui. In definitiva, tutto ciò che dovrà essere considerato quando e se vedremo queste idee maturare dalla loro introduzione in un discorso estivo.

techcrunch.com/traduzione Aq-Aatz

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.