17.1 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
17.1 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaHambach, lo sgombero violento della foresta uccide un blogger

Hambach, lo sgombero violento della foresta uccide un blogger

Il suo nome era Steffen. Ad Hambach, un blogger attivista ha fatto una caduta mortale durante un’operazione di polizia

di Violette Bonnebas (Reporterre)  

Foto di Steffen, Mercoledì 19 settembre, che mostra la polizia a caccia di un militante

 

Un’operazione massiccia della polizia è in corso da sei giorni nella foresta di Hambach, per evacuare gli ambientalisti che stanno cercando di evitare l’estensione di una mega miniera di carbone. Mercoledì, 19 settembre un giovane blogger è fatalmente caduto da una capanna.

Il suo nome era Steffen. Vicino alla comunità ambientalista tedesca, ha vissuto per diversi mesi la vita della Zad di Hambach (Zad, zone a defendre, ndt). Questi attivisti si oppongono alla distruzione della foresta millennaria di Hambach, nella parte occidentale della Germania, guidata dalla società elettrica RWE per estendere a cielo aperto una gigantesca miniera di carbone.
Questo mercoledì, 19 settembre, dopo che da sette giorni il giovane fotoreporter seguiva l’imponente evacuazione di grandi dimensioni – 3.500 poliziotti, cannoni ad acqua, cavalli, elicotteri – di circa 150 attivisti Zad e le loro 51 capanne appollaiate sugli alberi. Poco prima delle 16, è precipitato da un ponte tra due capanne, a 14 metri di altezza. Gravemente ferito, è stato portato d’urgenza in ospedale a Colonia, ma non poteva essere rianimato ed è morto.
In una conferenza stampa d’emergenza, il portavoce della polizia regionale Paolo Kemen ha assicurato che “nessuna operazione era allora in corso nella zona in cui si è verificato l’incidente”. Secondo lui, un poliziotto era ai piedi dell’albero per dare il signor Steffen una scheda di memoria della fotocamera. Il giornalista sarebbe caduto cercando di passare attraverso un sistema di cavi e pulegge.
Ma il collettivo “zadiste”, Hambi bleibt, dà un’altra versione dei fatti. «Il SEK [un’unità di elite della polizia tedesca, ndt] stava per arrestare un attivista nei pressi del ponte sospeso. Il nostro amico stava, a quanto pare, a cercare di filmare l’arresto quando è caduto », scrivono i militanti sul loro sito web.

Le operazioni di evacuazione della Zad sono state immediatamente sospese. Sul posto, il lutto e lo stupore regnano tra attivisti e polizia, secondo la giornalista di Tageszeitung, Malta Kreutzfeldt. «Siamo profondamente scioccati», hanno reagito gli attivisti di Hambi bleibt. «I nostri pensieri sono con la sua famiglia, gli amici e tutti coloro che sono coinvolti».
Gli zadisti chiedono la cessazione definitiva dell’evacuazione. «Chiediamo alla polizia e RWE di lasciare immediatamente la foresta e fermare questa operazione pericolosa. Nessun’altra vita umana deve essere in pericolo. Nel frattempo, l’azienda, la prima società di energia in Germania, ha espresso su Twitter il «rammarico per un tragico incidente».

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

“Hambi bleibt” è il nome della lotta della foresta collettiva. Hambi è il diminutivo di Hambach. “Hambi Bleibt” significa approssimativamente: la foresta Hambach per sopravvivere.
La foresta di Hambach è diventata negli ultimi anni il simbolo della lotta contro il carbone in Germania. Occupata da sei anni da attivisti ambientali, è minacciata di distruzione dal suo proprietario, la compagnia energetica RWE, che vuole utilizzare il sottosuolo ricco di lignite. Dei 4.100 ettari della foresta originaria, ne restano oggi solo 200. A seguito del via libera dalla giustizia tedesca, RWE intende radere la metà dal 1 ° ottobre. Il governo regionale del Nord Reno-Westfalia ha  la settimana scorsa l’evacuazione di Zad, ufficialmente per “elevato rischio di incendio.”

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli architetti della Resistenza

Fino al 26 febbraio, a Milano, la mostra Progettare la memoria. Lo studio BBPR: i monumenti, le deportazioni

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio