-0.3 C
Rome
sabato 4 Febbraio 2023
-0.3 C
Rome
sabato 4 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaMuore di crepacuore il fratello di Davide Bifolco

Muore di crepacuore il fratello di Davide Bifolco

A pochi giorni dal dimezzamento della pena al carabiniere che uccise Davide, un’altra tragedia si abbatte sulla famiglia Bifolco

«È morto di crepacuore Tommaso, per il dolore che si è rinnovato dopo la sentenza che la scorsa settimana ha ridotto la pena al carabiniere che ha ucciso il fratello Davide, con un colpo di pistola». Ad annunciare la morte di Tommaso, 36 anni, fratello di Davide Bifolco, il ragazzo di 17 anni rimasto ucciso da un colpo di pistola esploso per errore da un carabiniere nel settembre del 2014, è Gianluca lo zio. La scorsa settimana la Corte d’Appello di Napoli ha ridotto la pena emessa in primo grado nei confronti di Giovanni Macchiarolo da 4 anni e 4 mesi in primo grado pena a 2 anni. «Non mangiava e non dormiva da 7 giorni – dice ancora Gianluca – Tommaso era quello che più si è battuto per affermare che il suo fratello Davide non era stato ucciso per errore, ma volontariamente. Tommaso non ci poteva pensare, non riuscivo a digerirla proprio quella sentenza lui, che per un tentato furto ha dovuto scontare 5 anni e 4 mesi», ha detto ancora Gianluca. «Si è consumato ha avuto un infarto stamattina nulla hanno potuto i sanitari del Cardarelli. Un’altra tragedia che si è abbattuta sulla nostra famiglia».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"