2 C
Rome
giovedì 4 Marzo 2021
2 C
Rome
giovedì 4 Marzo 2021
Home culture Quando la lotta di classe è un film, di guerra

Quando la lotta di classe è un film, di guerra

Cinema militante. Recensione a En guerre di Stephane Brizé, con Vincent Lindon e Melanie Rover

di Leonardo Staita

Questo film di Brizé è un’opera intensa, toccante e coraggiosa perché porta sullo schermo una pagina di lotta di classe, affrontando un tema di grande attualità: la lotta operaia per la difesa del posto di lavoro contro chiusure e delocalizzazioni. Con sullo sfondo un accordo aziendale non rispettato dal padrone, la ricerca sfrenata del profitto, le divisioni sindacali e il ruolo sostanzialmente da spettatore da parte delle Istituzioni governative.

La trama di En guerre: in Francia una fabbrica sta per essere chiusa e delocalizzata all’ estero, nonostante il bilancio sia in attivo. I millecento operai reagiscono con determinazione per non perdere il posto, e perché – due anni prima – avevano sottoscritto un accordo aziendale a fronte di pesanti sacrifici: una riduzione di salario in cambio del posto di lavoro garantito per i successivi cinque anni. Invece, dopo soli due anni – nei quali gli operai attraverso i contratti di “solidarietà” hanno di fatto regalato all’azienda 12 milioni di euro – la proprietà (tedesca) annuncia l’imminente chiusura della produzione, dicendo ai lavoratori francesi che la loro sede non è abbastanza “competitiva” (cioè redditizia), e che occorre delocalizzare.

In un clima molto serrato, di conflitto duro e scontro frontale, si svolge la lotta dei lavoratori -tra scioperi, cortei e presidi – che va avanti per tre mesi circa. Alla testa della lotta c’è l’operaio e sindacalista Amédéo (Lindon), che difenderà fino alla fine la scelta della lotta dura per costringere l’ azienda a ritirare il progetto di chiusura (e che arriverà a sacrificare la propria vita come atto estremo di protesta contro le decisioni aziendali). Dopo circa due mesi di lotta e di trattative inconcludenti con i rappresentanti dell’azienda e del governo, gli operai riescono ad ottenere un incontro con il principale azionista, che porta anch’esso ad un nulla di fatto. Questi, infatti, ribadisce la necessità di chiudere la fabbrica e il suo rifiuto di venderla a terzi, per non avvantaggiare possibili competitor sul mercato.

E’ la svolta negativa della lotta: una decina di lavoratori si scagliano con ferocia contro l’azionista per linciarlo e riescono a ribaltare l’ auto con lui dentro, provocandogli ferite al viso. Da questo momento finiscono gli incontri ufficiali tra le parti, i dieci lavoratori vengono licenziati in tronco e il fronte dei lavoratori si spacca: c’è chi sceglie di rinunciare alla lotta e prova a rientrare in fabbrica o tratta buonuscite sottobanco, e chi continua a restare ai picchetti davanti ai cancelli, disattivando i macchinari per impedire la ripresa della produzione. E nelle assemblee volano insulti, attacchi personali, insinuazioni e accuse pesanti.

Durante tutta la vicenda il governo francese agisce solamente da spettatore, limitandosi a promuovere incontri tra le Parti. Guardandosi bene dal mettere in discussione la proprietà privata dei mezzi di produzione e la libertà di fare impresa (“sanciti dalla Costituzione”). Anche la confindustria francese resta indifferente: il suo presidente si rifiuterà sempre di incontrare i lavoratori e li farà sgombrare con la forza dalla sua sede.

Quasi in presa diretta e in un clima scenico-narrativo rapido, la lotta dei lavoratori viene narrata con efficacia e con grande emotività in tutti i suoi momenti anche grazie alla scelta di inserire nel film dialoghi e immagini trasmessi attraverso i nuovi strumenti della comunicazione (come youtube e whatsapp) che rendono scene e dialoghi più dirompenti ed intensi, e ad una buona colonna sonora che accompagna il film.

La vicenda narrata nel film è di autentica realtà, molto frequente e attuale, non solo in Francia. Anche qui in Italia – da molti anni – tante aziende, grandi e piccole (specie se controllate da multinazionali) scelgono di chiudere e delocalizzare dove il costo del lavoro è più basso o dove possono ottenere più vantaggi (es. di tipo fiscale o contributi statali).

Perché ad essere in guerra (in modo permanente) vi sono due classi sociali – il proletariato e la borghesia – contrapposte per interessi economici, funzione sociale, condizioni di vita, numero, responsabilità gestionali, cultura e coscienza politica. Due mondi contrapposti. Per tutto ciò il film di Brizé merita di essere visto con l’auspicio che aiuti tanti proletari – giovani e non – ad acquisire una maggiore coscienza della propria situazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia)