27.1 C
Rome
martedì 28 Settembre 2021
27.1 C
Rome
martedì 28 Settembre 2021
Homequotidiano movimentoLe mani che affondano in piazza. La protesta anti Salvini degli artisti di Atri

Le mani che affondano in piazza. La protesta anti Salvini degli artisti di Atri

La protesta civile in Abruzzo contro il ministro dell’Interno. Acerbo (Prc): «Ecco come replicare questa azione politico artistica in ogni città»

«Oggi Salvini va a Atri per un comizio elettorale: ad accoglierlo nella piazza storica della città stamattina un’installazione artistica, mani che affogano nel selciato con un cartello: “Ministro, sentiti libero di esprimere, qui con i tuoi elettori, idee disumane di società. Qui, tra questa mani che affondano, silenti come coloro che, in mare, hanno la testa nell’acqua. Coraggioso è chi mette in gioco la propria vita, non chi gioca con quella degli altri”».

Lo fa sapere Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista. «Una protesta silenziosa e civile contro la demagogia razzista e xenofoba del segretario della Lega e la politica del governo verso migranti e Ong – prosegue Acerbo – mentre le forze dell’ordine smantellano l’opera e identificano gli autori noi di Rifondazione Comunista ringraziamo i compagni artisti e attivisti che hanno realizzato questo intervento politico-artistico: Gianluigi Antonelli, Ilaria Fini, Marco Palermo, Caterina Anello, Giuseppe Forcella, Barbara Della Torre. Invitiamo tutti e tutte a diffondere queste foto. Alla demagogia razzista e xenofoba contrapponiamo la consapevolezza e il rispetto della vita umana. Mentre Salvini usa la disumanità per salire nei sondaggi ricordiamo a tutte e tutti che nel Mediterraneo sono esseri umani a affogare ogni giorno. Invitiamo antifascisti e antirazzisti e le forze politiche e sociali democratiche in tutte le città a imitare e riprodurre questa azione politico-artistica di protesta civile».

Istruzioni:

Facilissimo da realizzare e non comporta reati solo imprecazioni di fascioleghisti. Cartone pressato 20×20, pezzo di legno di 2*3 cm di varie altezze dai 15 ai 30 cm, vite fina di 4 cm per fermare il legno alla base di cartone, maglie vecchie e cartoni. Queste ultime due cose sono facilissime da recuperare gratis. Economico e veloce, 4 persone in 3-4 ore ne fanno 50. Fondamentale graffatrice per attaccare cartone e maniche vestiti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Berlino dice sì all’esproprio delle immobiliari

Contro l'affitto selvaggio passa il referendum che chiede l'esproprio di 250mila case di grandi immobiliari

Puigdemont è stato rilasciato, bagno di folla ad Alghero

Sventato un nuovo caso Ocalan. Gabrielli difende la sua polizia ma niente estradizione per Puigdemont

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente