mercoledì 26 Giugno 2019

Strage Bologna, nuovi sospetti sul fascista Bellini

Strage Bologna, nuovi sospetti sul fascista Bellini

Strage Bologna, spunta un video e la procura chiede la revoca del proscioglimento per Paolo Bellini, primula nera di Avanguardia Nazionale

Da una registrazione in super 8 potrebbe arrivare un tassello importantissimo per raggiungere la verità sulla strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, dove morirono 85 persone e oltre 200 rimasero ferite. Secondo la procura generale c’è, infatti, una «spiccata somiglianza» fra una persona immortalata quella mattina nei pressi del primo binario poco dopo l’esplosione e Paolo Bellini, ex ‘primula nera’ di Avanguardia nazionale. È sulla base anche di questo documento, che l’ANSA ha potuto visionare, che la Procura generale di Bologna ha chiesto la revoca del proscioglimento del 1992 per Bellini, in modo da riaprire le indagini e fare un riconoscimento antropometrico. Il fotogramma è estrapolato da un filmino amatoriale Super 8 girato da un turista tedesco la mattina del 2 agosto 1980. All’epoca, a differenza di quello che avviene oggi con gli smartphone, le riprese amatoriali erano rarissime ed erano realizzate solo da pochi appassionati in possesso di videocamere. Le nuove tecnologie, però, potrebbero consentire di stabilire se quella persona che appare in quel video è Paolo Bellini. Il filmato contiene riprese dei momenti immediatamente precedenti e successivi alla Strage. Prima il turista filmò dal treno l’arrivo in stazione sul primo binario, alle 10.13, 12 minuti prima dello scoppio. Poi il video prosegue, con immagini di poco dopo l’esplosione, e, andando verso la sala d’aspetto, vengono riprese una serie di persone presenti, mentre si inizia a scavare tra le macerie. Nei mesi scorsi i difensori dei familiari delle vittime, gli avvocati Andrea Speranzoni, Giuseppe Giampaolo, Nicola Brigida e Roberto Nasci hanno depositato in Procura generale, che ha riaperto l’indagine sui mandanti della Strage, una rielaborazione del filmato, recuperato nell’Archivio di Stato, con fotogrammi ingranditi delle varie persone filmate. Uno di questi mostra una persona con i capelli ricci, i baffi e le sopracciglia folte, simile a com’era Bellini nelle foto dell’epoca. A Bellini, reggiano di 66 anni, autore riconosciuto di omicidi, poi collaboratore dei carabinieri in inchieste che hanno riguardato anche la mafia, protagonista di vicende oscure e rocambolesche, fu inizialmente attribuita una diretta partecipazione nell’attentato, ma poi negò la sua presenza, indicata da due testimoni, a Bologna la mattina del 2 agosto. Fornì un alibi che destò sospetti di falsità, come ricorda anche la Procura generale nella richiesta di revoca della sentenza, ma fu prosciolto per mancanza di riscontri. C’è poi anche un altro particolare, emerso da un’intercettazione ambientale del 1996, che ha portato la procura generale a chiedere di indagare questo personaggio dai molti misteri: Carlo Maria Maggi, ex capo di Ordine Nuovo, condannato per la Strage di Brescia e morto a dicembre, parlando con un familiare disse di essere a conoscenza della riconducibilità della Strage di Bologna alla banda Fioravanti e che all’evento partecipò un «aviere», che portò la bomba. Bellini era infatti conosciuto nell’ambiente della destra per la passione per il volo tanto che conseguì il brevetto da pilota. La sua posizione sarà discussa in un’udienza il 28 maggio, quando il Gip dovrà decidere se gli elementi portati dagli inquirenti sono sufficienti per procedere all’iscrizione di Bellini nel registro degli indagati per il reato di concorso in strage.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.