20.6 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
20.6 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homeconsumare stancaEuropee, non votiamo per chi ha impoverito i contadini

Europee, non votiamo per chi ha impoverito i contadini

Europee, una risposta di sinistra all’ex ministro dell’Agricoltura del Pd, De Castro, teorico della liberalizzazione dei mercati

di Gianni Fabbris*

Mentre presentavamo i dieci obiettivi di Altragricoltura, Movimento Riscatto e lista “La Sinistra” (in cui sono candidato per le elezioni europee per la circoscrizione Sud)  da portare nel Parlamento Europeo per cambiare la politica dell’Agroalimentare e toglierla dalle mani delle multinazionali e degli speculatori, Paolo De Castro (già ministro dell’agricoltura per conto delle banche in Italia, teorico della liberalizzazione dei mercati e della subalternità all’industria, Grand Commis delle lobbies e della finanza in Europa) annunciava in un’intervista una legge che difenderebbe i contadini dallo strapotere della grande commercializzazione.

A parte il merito (fuffa infarcita di vecchie parole d’ordine del movimento contadino ma con strumenti prevedibilmente inefficaci a raggiungere gli obiettivi che pomposamente vengono annunciati a due giorni dal voto europeo), mentre leggevo la sua intervista avevo questa immagine: quella di uno che sulla riva del mare, pentito del molto male prodotto nella propria vita e nel tentativo di lavarsi la coscienza, cerca di svuotarlo con un cucchiaino.
Quel mare lo conosce bene: è fatto delle tante scelte che i teorici come lui delle liberalizzazioni, dell’agricoltura come reparto all’aperto della produzione industriale, della globalizzazione e della privatizzazione hanno avallato, giustificato e voluto.
De Castro, però, non è solo un teorico di quella che poi è diventata l’agricoltura della crisi rurale (con i prezzi al campo che crollano, la deregolamentazione del lavoro, le aree rurali che si svuotano, il diritto al cibo minato) ma è stato anche un attivo promotore e costruttore dei processi concreti che la hanno determinata. Fra le sue perle da ministro, l’adozione in Europa nel dicembre 2006 della Direttiva 1881, la normativa voluta dalla speculazione degli industriali della pasta (almeno di quelli dal business facile e poco interessati a sicurezza e qualità) che, alzando di oltre il doppio la soglia di DON (una pericolosa micotossina, il Deossinivalenolo) ha indebolito pesantemente il potere contrattuale dei nostri cerealicoltori aprendo i nostri mercati a tanto grano prodotto in paesi extracomunitari che entra “legalmente” e, in una gigantesca operazione di dumping, mina la tenuta delle nostre aziende e del territorio oltre che la salute dei cittadini.
Dopo che le classi dirigenti di questo Paese (di cui Paolo De Castro è stato espressione “avanzata”) hanno compiuto disastri come questi e tanti altri, consegnando agricoltori e cittadini inermi nella mani della speculazione, ora, per lavarsi la coscienza, ci vogliono raccontare che con una leggina senza strumenti dal sapore tutto elettoralistico, si risolverebbero i problemi.
L’ex ministro De Castro si ripresenta di nuovo alle elezioni Europee chiedendo il voto per il PD, ovvero per quel partito che, talvolta, dicendosi di sinistra, ha fatto della deregolamentazione nelle campagne il proprio mantra. Questa campagna elettorale è per gli agricoltori la straordinaria occasione di dire col voto quello che hanno nella pancia da tanto: smettetela di fare danni e cambiate rotta alle scelte italiane ed europee sull’agroalimentare!

La Sovranità Alimentare è il diritto di tutti i popoli di determinare il proprio modello di produzione, distribuzione e consumo del cibo ed è un diritto universale dal valore profondamente democratico e inclusivo, per questo è il contrario del Sovranismo che si fonda sulla paura e l’autarchia. Ed è sui principi della Sovranità Alimentare, vera alternativa al modello della crisi che sta colpendo profondamente le aree rurali italiane e minando il diritto al cibo e ad un territorio ecologicamente compatibile,  che vanno rifondate la Politica della Pesca e la Politica Agricola Nazionale ed Europea.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

*di Altragricoltura, candidato alle elezioni europee per La Sinistra nella circoscrizione Sud

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]