23.6 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
23.6 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
Homepadrini & padroniLa Bahri Tabuk fa il pieno d'armi a Cagliari

La Bahri Tabuk fa il pieno d’armi a Cagliari

Bahri Tabuk, missione compiuta, in segreto, a Cagliari. Il sovranismo si nutre di guerra, armi e soldi

da Cagliari, Franco Uda*

Hanno già caricato tutto durante la notte: clandestinamente, servendosi di agenzie esterne, estromettendo i lavoratori del porto di Cagliari (forse temendo la stessa reazione di quelli di Genova), tenendo all’oscuro la Capitaneria di Porto.
Mission accomplished!
Arrivata al porto di Cagliari in piena notte, per uno scalo non previsto e non dichiarato, la Bahri Tabuk – un cargo Ro-Ro saudita – ha portato a termine lo sporco lavoro per la quale era stata ingaggiata: trasportare un carico d’armi stivato durante le precedenti soste nordamericane e rimpinguarlo con il Made in Sardinia, filiera corta, grazie alla provenienza dalla Rwm di Domusnovas, lì dietro l’angolo, verso Riyad, dove potranno contribuire al massacro che si sta compiendo in Yemen.


In tutto questo c’è da chiedersi:  dove sono le autorità pubbliche? Dov’è il rispetto delle norme nazionali (L. 185/90), europee (Posizione Comune del 2008) e globali (il Trattato ATT) sull’export delle armi? Dov’è la politica, di qualsiasi livello? Dov’è il diritto dei cittadini di sapere cosa sta accadendo nel mezzo della propria città (a Cagliari il porto è letteralmente incastonato nel corpo urbano)? Dov’è la democrazia?
Sappiamolo: per una notte tutto il porto di Cagliari non era sottoposto né alle leggi, né al controllo, né alla sovranità dello Stato Italiano o della Regione Autonoma della Sardegna, batteva invece bandiera saudita!
Senza neanche doversi scomodare a partecipare alle elezioni, nominare vicepremier o annoiarsi con le opposizioni.
Il sovranismo nazionalista è già roba vecchia, la sua versione aggiornata è qui plasticamente riprodotto nel centro della città di Cagliari, si nutre di guerre, di armi e di soldi, ed è benedetto tanto dagli accordi intergovernativi che dalle Alleanze militari.
E’ il futuro bellezza!

*responsabile nazionale Arci per la Pace, i Diritti Umani e la Solidarietà Internazionale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina