21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homecronache socialiI leghisti a Ferrara sono solo ospiti. Ma fino a quando?

I leghisti a Ferrara sono solo ospiti. Ma fino a quando?

L’Emilia non è leghista, ancora no, e in tutti modi bisognerà far si che non lo diventi. Scrive uno scrittore, migrante interno a Ferrara

da Ferrara, Sandro Abruzzese

Da migrante interno, quindi da meridionale al Nord, ho scelto di vivere a Ferrara e l’ho fatto forse proprio per il modo che questa città ancora conserva di stare insieme. Casapercasa (Rubettino, 2018), il libro di questi anni ferraresi, ha registrato non volendo la distanza tra la città e la politica, insieme all’avanzata tracotante quanto inarrestabile della Lega ferrarese che ha cavalcato in maniera abile il malcontento, l’insicurezza di questi 10 anni di crisi economica.

Ebbene, oggi che la politica dell’umiliazione della Lega, dello sprezzo dei diritti e quindi delle regole democratiche, si avvale del consenso democratico, possiamo dire che questo paradosso simbolizza l’assenza della politica dell’umiltà, della vicinanza e dell’ascolto. La Lega si è incuneata in uno spazio abbandonato, che è diventata voragine. E questo perché quando si fa politica senza più curarsi di coinvolgere le persone in un processo, si lascia sguarnita quella stessa società che si vorrebbe amministrare.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

E allora ecco lo spazio per il rancore, per il risentimento, per la xenofobia di Casapercasa. Se il leghismo ferrarese è davvero il peggiore della penisola per metodi e assenza di contenuti, d’altra parte il suo successo storico è il risultato di una crisi molto più profonda di quella economica, ed è la lontananza della sinistra italiana dalla realtà delle persone che essa pensa di poter rappresentare.

Ora il partito “popolare” è senza popolo. Tutto è da rifare. Al più presto e con più attenzione. Occorre ribadire infine e a costo di essere banali che l’Emilia non è leghista, ancora non lo è, e in tutti modi bisognerà far si che non lo diventi. I leghisti a Ferrara sono solo degli ospiti e speriamo temporanei. Confido che la città di cui mi sono innamorato sappia disfarsene il prima possibile.

1 COMMENTO

  1. la grave colpa della sedicente sinistra è stata studiata a tavolino dopo l’arrivo infausto del cav……la sinistra doveva morire da dentro, i voltafaccia di d’alema, il patto del nazareno etc……….voglio rivedere le bandiere rosse, l’odio per gli sbirri e capitalisti magari anche al clero….Cavour li aveva cacciati ed espropriati poi l’anarchico venduto firmò il concordato……HLVS

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]