Usa, Bnp finanzia la prigione privata per migranti

Usa, Bnp finanzia la prigione privata per migranti

In Europa, BNP dice di aiutare i rifugiati ma negli Stati Uniti dal 2003 finanzia il primo carcere privato specializzato nella detenzione dei migranti

di Mathieu Magnaudeix  e Elisa Perrigueur/ Mediapart

BNP Paribas, la principale banca francese e una delle più grandi al mondo, è orgogliosa di essere “la banca che aiuta i rifugiati” in Europa. «Dal 2015, BNP Paribas sostiene una ventina di imprenditori sociali e associazioni impegnate nell’accoglienza dei rifugiati – ha spiegato l’anno scorso il settimanale Le Journal du dimanche – in totale, quasi 12 milioni di euro saranno erogati entro il 2021».

Sul suo sito web, la famosa banca con il logo verde (è attiva in Italia dal 1989 e, a febbraio 2006, ha acquistato, a seguito della vicenda bancopoli, il 48% di BNL da Unipol e oggi ne controlla l’intero capitale. Dal 2013 BNP Paribas è anche presente come banca online, in Italia, con il nome di HelloBank) si impegna addirittura a raddoppiare le donazioni dei suoi clienti al proprio fondo per l’aiuto ai rifugiati, creato nel 2012. «La tragedia dei rifugiati è una grande catastrofe umanitaria, che mobilita molte associazioni e volontari. BNP Paribas è al loro fianco», spiega l’amministratore delegato della banca, Jean-Laurent Bonafé.

 

 

Negli Usa, la banca è più dalla parte di coloro che i rifugiati li rinchiudono. Secondo In The Public Interest, un centro di ricerca sulle privatizzazioni situato in California, è stata attivamente coinvolta nel finanziamento del gruppo GEO, il gigante americano delle carceri private, per sedici anni. GEO, con sede centrale in Florida, incarna l’incredibile crescita del settore penitenziario negli Stati Uniti negli ultimi 30 anni, con 2,3 milioni di detenuti – 655 per 100.000 abitanti, un record mondiale. Un quinto del fatturato annuo di GEO (2,3 miliardi di dollari, 2 miliardi di euro) proviene dalla detenzione di migranti in Texas, Louisiana o California, per conto dell’agenzia governativa ICE (Immigration and Customs Enforcement).

Dal 2003, questa attività di credito, di cui la banca non si è mai vantata troppo, ha fatto un sacco di soldi. «Probabilmente decine di milioni di dollari», dice Kevin Connor, un ricercatore della Public Accountability Initiative di Buffalo, New York, che ha esaminato i contratti delle banche con i mastodons di proprietà privata negli Stati Uniti. Una stima prudente, in quanto le clausole dei contratti di finanziamento tra GEO e BNP Paribas rimangono segrete.

L’amministrazione Trump, che ha criminalizzato l’immigrazione, cerca di terrorizzare i migranti e di prosciugare le richieste di asilo. Possiede continuamente circa 50.000 migranti, molti dei quali provenienti dall’America Latina, un record storico. Nel 2018, 400.000 migranti sono stati arrestati dalle guardie di frontiera e dall’agenzia ICE. Circa il 70% dei migranti detenuti dall’ICE sono detenuti da gruppi privati come GEO, CoreCivic o Caliburn. Negli ultimi due decenni, l’industria carceraria privata, che ha perso slancio alla fine degli anni ’90, ha beneficiato pienamente della criminalizzazione dei migranti.

«La detenzione dei migranti negli Stati Uniti è stata quasi subappaltata al settore privato – spiega Lauren-Brooke Eisen, ricercatore del Brennan Center for Justice della New York University e autore di Inside Private Prisons (Columbia University Press, non tradotto – inasprendo la crisi alla frontiera, le politiche dell’amministrazione Trump hanno sostenuto questo settore». Appena eletto, Trump ha annullato un ordine dell’amministrazione Obama che limitava l’uso delle prigioni private.

Per questi gruppi privati che dipendono da appalti pubblici, le politiche di cajoling sono una necessità. Solo nel 2018, GEO ha speso 2,8 milioni di dollari in attività di lobbying e donazioni a politici, la maggior parte dei quali repubblicani. Il gruppo ha anche donato 250mila dollari per la cerimonia di inaugurazione di Trump, e ha fatto una donazione di 225mila dollari al Comitato di Azione Politica che ha finanziato la campagna dell’attuale presidente, una mossa che Campaign Legal Center, una ONG, chiamata “illegale” perché GEO è un subappaltatore del governo, la chiama.

Il gruppo Caliburn, recentemente segnalato da Amnesty International per la gestione del gigantesco carcere minorile per immigrati a Homestead, in Florida, ha persino assunto l’ex segretario alla sicurezza nazionale John Kelly, che era direttamente responsabile della politica migratoria all’inizio della presidenza Trump – e ha continuato a supervisionarla quando è diventato capo di Stato Maggiore del Presidente.

Secondo un rapporto pubblicato nel novembre 2016 da In The Public Interest, BNP Paribas, insieme alle principali banche americane, partecipa attivamente a GEO da 16 anni

 

“Rischi immediati” per i migranti

Dal 2003, BNP ha partecipato a diverse tornate di finanziamenti per generare, attraverso revolving credits, linee di credito rinnovabili, prestiti a termine o obbligazioni, enormi linee di credito per GEO – centinaia di milioni di dollari ogni volta – che il gruppo utilizza poi per acquistare aziende, rilevare nuove prigioni o finanziare le sue attività quotidiane. A seguito di un nuovo accordo dello scorso anno, GEO dispone ora di una linea di credito rinnovabile da 900 milioni di dollari con sei banche (BNP Paribas, Bank of America, Barclays, JPMorgan Chase, SunTrust, Wells Fargo). Ha firmato un prestito a termine di 800 milioni di dollari con le stesse istituzioni.

«Per le prigioni private, questi massicci prestiti sono come carte di credito – dice Shahrzad Habibi, direttore della ricerca di In The Public Interest – per evitare di pagare l’imposta sul reddito delle società, gruppi come GEO hanno uno status di Real Estate Investment Trust (REIT) che richiede loro di distribuire una gran parte dei loro profitti ai loro azionisti». A causa della mancanza di liquidità disponibile, essi dipendono quindi in larga misura da crediti esterni.
Per questo servizio, le banche sono ben remunerate: secondo i documenti inviati al regolatore americano, l’anno scorso GEO ha pagato 150 milioni di dollari di interessi ai suoi vari creditori.

Una parte sconosciuta di questo importo è andata a BNP, che riceve anche sostanziali royalties in qualità di “agente amministrativo” per alcune delle sue operazioni. «Queste royalties, i cui dettagli sono sconosciuti, ammontano a centinaia di migliaia, potenzialmente milioni di dollari», dice il ricercatore Kevin Connor.

Quando viene contattata, BNP Paribas assicura di non “comunicare informazioni relative ai crediti dei propri clienti”. Ma secondo una portavoce, i prestiti della banca rappresentano solo il «3% del finanziamento totale del gruppo GEO» e «una parte trascurabile» del reddito di BNP.

Negli ultimi mesi, le immagini di migranti affollati in centri di detenzione sovraffollati e squallidi hanno spostato il mondo. Per evitare di vedere l’immagine del loro marchio contaminata, i giganti di Wall Street (JPMorgan Chase, Bank of America, SunTrust, ecc.), che per anni avevano avuto pressione da parte di settori di attivisti per disimpegnarsi dal settore , hanno annunciato uno dopo l’altro che stavano cessando di finanziare il settore carcerario privato.
BNP Paribas ha recentemente seguito il loro esempio. «BNP Paribas ha deciso, come molte banche americane, di non intervenire più nel mercato del finanziamento delle prigioni private. D’ora in poi, la banca non si occuperà più di finanziamenti in questo settore», ci ha confermato la banca, a seguito di un articolo pubblicato all’inizio di luglio sul quotidiano belga L’Écho.
Tuttavia, essa “onorerà” il suo “impegno contrattuale nei confronti di GEO”, ossia gli stanziamenti attuali, che scadono nel 2024. Per cinque anni BNP Paribas continuerà quindi a finanziare gli investimenti e le spese correnti di un gruppo contestato, il cui nome è stato rovinato da molteplici scandali.

Come sottolinea il Miami Herald, GEO è stata «ripetutamente perseguita per aver costretto i detenuti a lavorare per il cibo», accusata di «torturare i detenuti in Arizona», è stato accusata per anni per l’allarmante tasso di mortalità in alcuni dei suoi centri gestiti per conto dell’ICE, per le deplorevoli condizioni sanitarie, l’abuso dell’uso dell’isolamento, il disprezzo dei diritti fondamentali dei prigionieri. Trattiene anche famiglie con bambini nel suo centro texano di Karnes, attività che è stata criticata fin dagli anni di Obama dai sostenitori dei migranti.

Un rapporto dell’Ispettorato Generale del Dipartimento di Sicurezza Nazionale del giugno 2019 riporta “rischi immediati e scandalose violazioni delle norme di detenzione” in alcuni dei centri per migranti di GEO, tra cui il campo di Adelanto in California, che ospita 2.000 migranti, famigerato per i suoi ripetuti abusi.

Diversi candidati democratici, come Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Beto O’Rourke o Kamala Harris, hanno indicato che vorrebbero vietare le prigioni private se eletti.

Ma se Trump sarà rieletto nel novembre 2020, BNP Paribas, Bank of America e gli altri, che prevedono di andare in pensione solo dal 2024, continueranno a fornire a GEO i mezzi per operare e prosperare durante il suo secondo mandato, durante il quale le umiliazioni contro i migranti continueranno e addirittura aumenteranno.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.