L’estrema destra europea sta reclutando poliziotti e militari

L’estrema destra europea sta reclutando poliziotti e militari

Una relazione riservata di Europol rivela che l’estrema destra europea si sta armando e reclutando personale militare e di polizia

di Matthieu Suc e Turchi Marine/Mediapart

In un momento in cui il desiderio di azione da parte di militanti di estrema destra viene illustrato in modo nuovo e tragico con l’attacco a una sinagoga e a un ristorante turco a Halle (Germania), una relazione riservata di Europol rivela che l’estrema destra europea si sta armando e reclutando personale militare e di polizia. L’ 8 ottobre scorso si è tenuto un vertice Ue delle rappresentanze di tutti i ministeri dell’interno in cui si è discusso il tema della violenza e del terrorismo di estrema destra.

Una prima riunione sull’argomento basata sulla constatazione che questo terrorismo, pur non costituendo attualmente “il rischio principale”, è tuttavia in aumento. L’obiettivo è quello di condividere “esperienze” e “buone pratiche” che hanno già dato i loro frutti, con alcuni paesi più avanzati di altri nella lotta al terrorismo di estrema destra, ma soprattutto di dare l’impulso politico per mettere in atto alcune misure a livello tecnico.

L’idea è quella di utilizzare misure e strumenti “orizzontali”, già utilizzati ad esempio per combattere il terrorismo jihadista, prendendo di mira le specificità del terrorismo di estrema destra. Al termine della riunione, i ministri dell’UE hanno individuato quattro priorità: “fornire un quadro più preciso della situazione relativa all’estremismo violento e al terrorismo di destra”, continuare “a sviluppare e condividere buone pratiche su come rafforzare la prevenzione, l’individuazione e il trattamento dell’estremismo violento e del terrorismo”, “combattere la diffusione di contenuti illegali di estrema destra online e offline, cooperare con i principali paesi terzi”.

La riunione si è basata su varie relazioni e articoli pubblicati sull’argomento, in particolare dal coordinatore antiterrorismo dell’UE, e sulla relazione riservata di Europol, il cui contenuto è stato reso pubblico dai media tedeschi Süddeutsche Zeitung, WDR e NDR.

La relazione trae diverse conclusioni preoccupanti. Il primo è che i gruppi di estrema destra investono nell’acquisto di armi e nella fabbricazione di esplosivi. Come aveva rivelato Mediapart, i servizi segreti francesi stimano che 350 membri di estrema destra in Francia possiedono legalmente una o più armi da fuoco.

Soprattutto, secondo Europol, l’estrema destra europea sta reclutando forze militari e di polizia. “Per rafforzare le loro capacità fisiche e di combattimento, i gruppi di estrema destra stanno cercando di reclutare membri dei servizi militari e di sicurezza per acquisire le loro competenze in questo campo”, afferma il rapporto Europol, che è stato ripreso in Francia da Slate.

Un rapporto che conferma ciò che il sito francese Mediapart aveva già rivelato nella primavera del 2018, in tutta la Francia. In particolare, è stato riferito che la Direzione generale della sicurezza interna (DGIS) ha allertato le autorità sulla crescente percentuale di militari o di personale delle forze dell’ordine che si sono uniti a piccoli gruppi di estrema destra.

I servizi segreti avevano “una cinquantina di poliziotti, gendarmi e soldati” tra i loro “obiettivi”, seguiti per i loro legami con l'”estrema destra violenta”. Si tratta quasi del doppio degli obiettivi seguiti per l’adesione all’Islam radicale, se si dà fede alle dichiarazioni del Ministro dell’Interno che, dopo il massacro nella prefettura di polizia di Parigi, parla di una ventina di agenti di polizia e di una decina di gendarmi seguiti per sospetti di conversione al fondamentalismo musulmano.

Tanto che i servizi segreti hanno dovuto sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema in diverse amministrazioni. Tra queste ci sono i vari corpi dell’esercito, la polizia, la gendarmeria, le dogane e l’amministrazione carceraria. Si tratta di migliorare lo scambio di informazioni sui funzionari sospetti, ma anche di impedire l’assunzione di nuovi agenti di polizia o militari già identificati come facenti parte di questa area.

Halle, 9 ottobre 2019

Milizie di estrema destra, di cui non si citano i nomi, flirtano con i membri dei servizi di sicurezza, costruiscono i proprio discorsi alla loro attenzione, si assicurano che ogni nuova recluta della polizia, della gendarmeria o dell’esercito sia valutata. Professionisti ricercati per la loro esperienza nelle operazioni di polizia nonché per le loro reti di relazione. Secondo una fonte, ad alcuni membri delle forze di sicurezza viene persino chiesto di accedere alle informazioni riservate contenute nei file della polizia e della gendarmeria.

Dei suoi circa 200 militanti sparsi in tutta la Francia, i Volontaires pour la France (VPF, un gruppo di protezione civile creato in seguito agli attentati, si pensi anche alle simbologie equivoche di certe associazioni di protezione civile italiane o dei gruppi di softair) comprendevano circa 50 militari e poliziotti in pensione nel 2016. A capo delle reti Remora (un piccolo gruppo che non sembra più attivo), c’era  un ex ispettore dei servizi segreti generali (RG, renseignements généraux). Nell’ottobre 2017, la sezione antiterrorismo (SDAT) e la DGIS hanno smantellato una cellula formatasi attorno a un certo Logan Nisin. Tra i suoi presunti complici, c’è il figlio di un gendarme, il figlio di un poliziotto, nonché uno studente della scuola sottufficiali dell’Aeronautica Militare.

Mediapart aveva anche rivelato il dietro le quinte del sito “Réseau libre”, molti dei cui membri avevano cercato di effettuare attacchi contro la comunità musulmana. Le tesi veicolate da questo sito sono state anche quelle che hanno ispirato il terrorista australiano a Christchurch: la teoria della “grande sostituzione”, sviluppata dal saggista di estrema destra Renaud Camus, il fallimento di un Rassemblement national, quello della Le Pen, considerato troppo moderato, l’attacco islamofobico per difendere la razza bianca. Tuttavia, questo sito ha pubblicato le interviste al Monsieur X, il signor X, stato presentato come “ufficiale dei servizi francese”, un “contatto nei servizi antiterrorismo”. Come tale, è stato interrogato dopo ogni attacco e non ha esitato a menzionare “una guerra di civiltà”.

Per quanto riguarda il destino dei jihadisti, ha riassunto, in un’intervista del marzo 2016, le due opzioni a suo avviso: “Il primo, facciamo di tutto per recuperare gli individui viventi nella speranza che parlino e li portino in tribunale. Il secondo è quello di identificare la minaccia ed eliminarla al momento opportuno. Ti lascio indovinare quale sia la mia opzione preferita…”.

A proposito degli attentati, mister X ha esortato i suoi lettori ad avere un arsenale per difendersi: “Ricordate, avere un’arma non autorizzata può portarvi in prigione, ma non averne una può portarvi al cimitero!».

All’epoca del movimento dei gilet gialli, un ex ufficiale di polizia – “adepto delle teorie del complotto”, precisano in una nota i suoi ex colleghi dei servizi segreti – ha provato ad avvicinarsi ai militanti più virulenti “per dare un second souffle, un nuovo respiro, alla sua formazione di ultra-destra, che fino ad allora mancava di visibilità”. Nelle loro note al vertice di Stato, i servizi di intelligence sono ora più rassicuranti circa l’ingresso di individui dei “servizi pubblici” nei gruppi del movimento radicale di estrema destra. Ci sarebbe “una diminuzione significativa della permeabilità di questi individui agli ideali dei gruppi di estrema destra”, anche se questa rimane una delle “preoccupazioni prioritarie nella lotta contro l’estrema destra radicale”. Già nel maggio 2016, Patrick Calvar, allora capo della DGSI, il controspionaggio francese, ha lanciato l’allarme durante un’audizione dinanzi alla commissione per la difesa nazionale e le forze armate dell’Assemblea nazionale: “L’Europa è in grande pericolo: l’estremismo sta crescendo ovunque e noi, i servizi nazionali, stiamo spostando risorse per concentrarci sull’ultra-destra, che non attende altro che lo scontro. Spetta quindi a noi anticipare e bloccare tutti quei gruppi che vorrebbero, in un momento o nell’altro, innescare conflitti intercomunitari”.

In un altro rapporto pubblico, datato 27 giugno 2017, Europol afferma che “sebbene la grande maggioranza dei gruppi estremisti di destra in tutta l’Unione europea non abbia fatto ricorso alla violenza, essi contribuiscono tuttavia a consolidare un clima di paura e animosità”. E che, a lungo termine, “un tale clima, basato su sentimenti xenofobi, antisemiti, islamofobi e anti-immigrati, potrebbe permettere ad alcuni individui radicalizzati di usare la violenza contro le persone e le proprietà di gruppi minoritari”.

Halle, 9 ottobre 2019

Il 9 ottobre è stato effettuato un attacco con armi da fuoco contro una sinagoga e un ristorante turco ad Halle (Sassonia-Anhalt), in Germania, uccidendo due persone. Il sospetto arrestato, Stephan B., 27 anni, cittadino tedesco, è un simpatizzante di estrema destra. Questo attacco di un uomo pesantemente armato, vestito in lattice e con l’elmetto, ricorda l’attacco di marzo dell’australiano Brenton Tarrant su due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, che ha ucciso 50 persone. Come l’aggressore di Christchurch, che aveva trasmesso il suo attacco in diretta su Facebook per 17 minuti, lo sparatutto di Halle ha filmato il suo omicidio con una telecamera frontale e poi ha postato il video di 35 minuti sulla piattaforma di videogiochi Twitch. In questo video, spiega, secondo l’Intelligence Group, un’organizzazione con sede negli Stati Uniti, che “gli ebrei sono la radice di tutti i problemi”.

Tre documenti dal contenuto confuso, attribuiti a Stephan B., sono stati pubblicati su Internet. Una sorta di “manifesto” di sole quattro pagine, che si presenta come “guida spirituale per uomini bianchi scontenti”, e che contiene una sola frase, che chiede l’uccisione di ebrei, musulmani, comunisti o “traditori”; un documento che presenta il suo piano di attacco; un altro che contiene l’indirizzo della pagina web dove è stato trasmesso il suo video in diretta. Si riferisce agli obiettivi “bonus”: i membri del “governo di occupazione sionista”.

A differenza del “manifesto” di 74 pagine del terrorista di Christchurch, o di Anders Breivik, autore degli attentati di Oslo, questi tre documenti non abbondano di elementi teorici, né di dettagli sul retroterra ideologico del sospetto. D’altra parte, sono pieni di riferimenti alla cultura web, come dettagliato da Le Monde.

In Europa sono già state intraprese diverse azioni. Nel giugno 2019, il prefetto tedesco Walter Lübcke è stato trovato morto, colpito alla testa. Aveva ricevuto diverse minacce di morte da gruppi di estrema destra per aver sostenuto la politica di accoglienza degli immigrati di Angela Merkel. L’uomo che confesserà l’omicidio è un famigerato neonazista ed è già stato condannato più volte. Nel novembre 2018, un caporale dell’esercito britannico, Mikko Vehvilainen, è stato condannato a otto anni di carcere dopo aver cercato di reclutare altri per conto del gruppo neonazista, National Action, che è stato bandito. A 34 anni, temeva l’arrivo di una guerra “razziale” e voleva fondare una colonia “solo bianca” in un villaggio gallese.  Qualche mese prima, un italiano, Traini, era stato arrestato per aver sparato colpi dalla sua auto a sei africani nel centro di Macerata (Marche, Italia). Una copia di Mein Kampf e un libro di storia su Benito Mussolini erano stati scoperti a casa sua.

Nel 2017, un ufficiale dell’esercito tedesco è stato arrestato per aver preparato un attacco terroristico dopo essersi finto rifugiato siriano. Nel 2016, una settimana prima del referendum Brexit, il deputato europeista Jo Cox è stato ucciso da un giardiniere disoccupato che aveva un odio ossessivo per i “traditori” bianchi.

La Francia non è stata risparmiata. Nel giugno 2018 è stata smantellata una cellula di ultra destra. Il gruppo sotterraneo AFO (Action des forces opérationnelles) addestrato all’uso di ordigni esplosivi artigianali e ha pianificato attacchi contro i musulmani. Alcuni di loro stavano alimentando un progetto per avvelenare il cibo halal.

Le ricerche hanno portato alla scoperta di armi ad aria compressa e di una grande quantità di libri a gloria delle unità del Terzo Reich e delle SS in casa di un membro e di sette armi da fuoco in un altro. Uno dei sospettati aveva aperto un laboratorio di produzione di esplosivi a casa sua.

Dopo lo smantellamento dell’AFO, “Les Barjols” è diventato il gruppo dominante del movimento. Alcuni dei suoi membri si occupano della gestione delle armi e della cifratura dei mezzi di comunicazione durante i seminari di addestramento nelle campagne della Mosa.

 

 

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.