domenica 25 Ottobre 2020

Atene, destra e Airbnb assediano Exarcheia

Atene, destra e Airbnb assediano Exarcheia

Ad Atene, il governo conservatore vuole porre fine al quartiere “anarchico” di Exarcheia. Legge, ordine e gentrification

da Atene, Elisa Perrigueur/Mediapart

Questo 17 novembre, il centro di Atene, di solito vivace, era immerso in uno strano silenzio disturbato dall’elicottero che sorvolava sui lunghi viali deserti. 5mila agenti di polizia, compresi molti rinforzi antisommossa, erano stati dispiegati. In questa domenica di festa, erano in attesa della folla che avrebbe commemorato la rivolta studentesca del Politecnico del 17 novembre 1973, che fu repressa nel sangue sotto la dittatura dei colonnelli.

La manifestazione ogni anno rende omaggio ai 24 morti, secondo il rapporto ufficiale, di questa giornata nera e alla resistenza antifascista sotto la giunta militare, al potere dal 1967 al 1974. Temuta dalle autorità, la sfilata è sempre stata una prova sociale per i governi di tutte le parti in causa. Ma la celebrazione di quest’anno è anche l’occasione per sottolineare la sfiducia del nuovo Primo Ministro di destra Kyriákos Mitsotákis di Nea democratia (ND), che sta dimostrando il suo desiderio di “ritorno alla sicurezza”, “legge e ordine”.

La polizia schierata al Politecnico. Questa foto e quella in evidenza, in apertura, sono dell’autrice del reportage: Elisa Perrigueur

Nel primo pomeriggio, una prima ondata di rosso e nero, i colori dell’anarchia, è avanzata rumorosamente verso il parlamento greco. Appresso cortei di studenti, del KKE, Syriza guidata dall’ex capo del governo Alexis Tsípras. Quasi 20mila persone hanno marciato sull’ambasciata americana accusata di essere stata complice della giunta. gridano: “Pane, educazione, libertà! “, lo slogan degli studenti dell’epoca. Adonis Davanelos, con i capelli grigi, la cantava già quarantasei anni fa. Nel 1973, aveva 19 anni. Da studente, aveva trascorso tre memorabili notti tra le pareti di marmo dell’imponente École Polytechnique, accanto a 4mila compagni di studio e di lotta.
Ispirati dal maggio-68, hanno resistito “ai carri armati dell’esercito e al fuoco dei cecchini dalle terrazze”, ricorda. Ma se Adonis Davanelos è qui, non è solo per il passato. È preoccupato per la “repressione” prevalente e fa riferimento ai “segnali di avvertimento” che le recenti manovre del governo Mitsotákis costituiscono per lui. Conformemente alla volontà di quest’ultimo, l’abolizione dell'”asilo universitario”, che vietava l’intervento della polizia nelle scuole, è stata votata quest’estate dal Parlamento, soprattutto dalla destra. L’11 novembre, la polizia antisommossa ha potuto circondare gli studenti che manifestavano all’Università di Economia di Atene.

“Questo pericoloso governo sta reprimendo troppo in fretta”, dice Adonis. Capirà che c’è davvero una resistenza di sinistra, anche se è lenta a svegliarsi, demoralizzata dopo cinque anni di Syriza, che ha deluso le speranze riposte in essa”, afferma l’ex studente. Ed è particolarmente preoccupato per l’offensiva di Mitsotakis contro Exarcheia, che era un centro di opposizione alla dittatura.

Nel cuore di Atene, a pochi chilometri dal Parlamento, gli irriducibili, con il cappuccio nero e i foulard che ne mascherano il volto, si sono uniti alla fortezza simbolica del quartiere al calar della notte al Politecnico. Come nel 1973, gli edifici erano circondati dalle forze di polizia. La polizia assedierà gli ultimi manifestanti tra pochi minuti. Poco numerosi, molti sono stati scoraggiati dal voto per inasprire le pene detentive per violenza urbana. Exarcheia non s’è barricato, né è stata “incendiata la prateria” come il 17 novembre precedente.

Il quartiere ha forgiato l’immagine di una roccaforte ribelle intorno al 1930 intorno alle sue università, che ha attirato molte librerie, artisti e intellettuali. Soprattutto, si è guadagnata la reputazione di essere una roccaforte “anarchica”, risparmiata, a differenza del resto della capitale, dal “grande capitalismo” e dalla gentrification. Diverse cellule anarchiche vi hanno preso residenza negli anni ’70 e si sono espanse dopo il 2000.

Mentre alcuni rimangono nell’ombra, altri lo sono meno, come l’iniziativa anarco-sindacalista Rocinante, il movimento antiautoritario Nosotros o la federazione anarchica Ruvíkonas. Le banche e le agenzie immobiliari non resistono a lungo, così come i grandi marchi stranieri. Rimangono solo poche catene commerciali greche. Gli spazi di solidarietà e le mense popolari regnano sovrani. Come gli squat occupati da anarchici o i rifugiati che si sono stabiliti a partire dal 2015.

Nella famosa piazza triangolare, l’epicentro di Exarcheia, i clienti dei bar vedono l’area in fermento nel week end, quando scoppiano gli scontri con la polizia. Paradossalmente, Exarcheia ha votato Nuova Democrazia. Ma gran parte di questi elettori, la maggior parte dei quali sono proprietari, non risiedono qui (è gente che ha approfittato del crollo dei prezzi per speculare, ndt). Sono gli inquilini ad essere ancorati a sinistra: studenti, espatriati, migranti… che compongono la sua anima libertaria conosciuta “anche nei villaggi greci”, si vanta un residente.

[la fotogallery, tra il Politecnico e Exarcheia, risale al 2015. L’autore è Checchino Antonini]

  • 12038762_10206704788073316_7677927783778497076_o
  • 12001059_10206704786713282_7084735506270684426_o
  • 11999609_10206704773272946_4082611926952047613_o
  • 12028817_10206704772232920_7273570215626587991_o
  • 12000982_10206704767632805_8672683088513587808_o
  • 12017677_10206704764872736_116629429748283747_o
  • 12052405_10206704861675156_7935887194837767761_o
  • 12045235_10206704856315022_5939800985190023942_o
  • 12030539_10206704856635030_871168776932817045_o
  • 12029624_10206704854594979_7204774056546502939_o
  • 12014988_10206704852274921_4652898472203551930_o
  • 11999646_10206704849954863_2859448994661509533_o
  • 12038940_10206704843994714_64414719516569869_o
  • 12030241_10206704841034640_5123417606695085657_o
  • 12039169_10206704830874386_2943265610439272938_o
  • 12027383_10206704835554503_4847882224143618800_o
  • 11063927_10206704829594354_4057052755665770628_o
  • 12015063_10206704826394274_5778575486432743519_o
  • 12028619_10206704824394224_3360583999540516380_o
  • 12001020_10206704790833385_8167261440274538629_o

Exarcheia risuona e si legge. Iscrizioni, graffiti, manifesti…, gli umori dei contestatori delle diverse epoche sono stampati sulle sue facciate neoclassiche: “NATO, fuori”, “No all’euro”, “Rojava, resiste”…. La storia non si cancella mai. Oggi, l’iscrizione “Acab” ha coperto i muri. Perché anche il quartiere ha i suoi martiri. Più di vent’anni dopo, due quindicenni sono stati uccisi dalla polizia.

Nel 1985, Michalis Kaltezas stava dimostrando. Nel 2008, Alexandros Grigoropoulos (Alexis, ndT) era di fronte alla polizia antisommossa con un gruppo di amici. Entrambi sono stati uccisi dalla polizia. Così, da allora, hanno ancora assediato Exarcheia, ma non ci sarebbero mai più penetrati.

Ma Kyriákos Mitsotákis li ha rimessi in strada non appena è salito al potere a luglio. Il Primo Ministro ha annunciato che vuole “ripulire” questo posto. La maggior parte dei politici lo chiamano “avaton anomias” – una zona di illegalità, senza regole, una sorta di “no go zone”. Una formula allarmistica, secondo i loro critici. “La fine dello stato di anomia [assenza di legge – ndr] è una richiesta di tutti i greci. La gente di Exarcheia vive in una situazione fuori controllo. Sapevamo che le bande avevano armi, ma ora stanno disarmando la polizia”, ha detto nell’aprile 2019, riferendosi a due ufficiali disarmati durante un raid antidroga. Kyriákos Mitsotákis può contare sull’aiuto del nipote Costas Bakoyannis, eletto sindaco di Atene a giugno. Insieme, prendono di mira i movimenti anarchici.
“Lasciamo che la situazione si deteriori per legittimare l’intervento”.
Yannis Youlountas è membro dell’assemblea K-Vox, un centro sociale autogestito in piazza Exarcheia e nella base di Rouvikonas. “Il gruppo è già stato represso sotto Syriza e la destra ha fatto dell’intensificazione di questa repressione uno dei suoi obiettivi. Ma Rouvikonas si è rafforzato nel mese di novembre, così da rilanciare l’azione, egli dice. Il 17 cinque di loro ad Atene hanno agito con volantini, vernici e colpi di martello contro le aziende coinvolte nella privatizzazione del bene comune, per la difesa dei lavoratori e contro il razzismo di Stato”.
A pochi metri dal centro K-Vox sorge il classico edificio con la bandiera rossa e nera degli antiautoritari di Nosotros. Per il suo fondatore Nondas Skiftoulis, 61 anni, “questa non è la prima volta che la polizia è stata dispiegata qui, e il governo non toccherà gli squat anarchici. Michális Chryssohoïdis, il Ministro della Protezione Civile [dell’Interno… un ex socialista che ha avuto questo portafoglio quattro volte – ndr] conosce molto bene le debolezze e le capacità di coloro che sono qui. Mediapart ha contattato i rappresentanti del governo in diverse occasioni ma non hanno voluto intervenire.

Nell’atmosfera sommessa del bar Steki Metanaston, uno spazio sociale che aiuta gli immigrati dal 1997, Yannis Almpanis, 44 anni, uno dei suoi membri attivi, osserva che “non attaccando gli squat anarchici, questa destra se la prenderà con gli immigrati”. Negli ultimi tre mesi, ci sono state una dozzina di evacuazioni di alto profilo da parte della polizia di squat che ospitano i rifugiati. La polizia greca ha lanciato un ultimatum ai resistenti occupanti il 20 novembre, dando loro due settimane, fino al 5 dicembre, per evacuare.
Finora gli sfratti dei rifugiati non sono stati seguiti da grandi manifestazioni di protesta. “La repressione è grande e questi abusivi non erano molto politicizzati, il che provoca ancora poche reazioni”, spiega Yannis. Secondo lui, la crisi economica spiega la smobilitazione: “Il destino di Exarcheia è legato all’evoluzione della società greca. C’è molto più individualismo, esclusione, aggressioni e furti».

Il flagello del quartiere è soprattutto il crescente traffico di droga. Sulla piazza alberata, i giovani venditori vendono la merce giorno e notte senza essere disturbati. Sotto l’occhio vigile della polizia e dei turisti.

Phedra* lavora come cameriera in uno dei caffè lungo la piazza. “Exarcheia, non era questo”, si rammarica. Era uno spazio politico e ora il traffico occupa tutto lo spazio. Si tratta di gruppi mafiosi che si fanno la guerra l’uno contro l’altro. Ma negli ultimi anni la situazione è davvero involuta. Reclutano migranti privi di documenti per vendere cocaina, erbaccia… Li usano perché sono vulnerabili. “Sono stati effettuati alcuni arresti, ma senza molto successo. In un’intervista al quotidiano conservatore di centro-destra I Kathimerini del 13 ottobre, il ministro dell’interno Chryssohoïdis ha difeso la sua azione: “La polizia ha attaccato i trafficanti di droga, svuotato gli squat, la piazza è sgombra. Il messaggio è chiaro: Exarcheia sarà un quartiere normale per i suoi residenti e visitatori».

Per Phedra, solo “pochi manovali sono stati arrestati”. Disgustata da “questo spettacolo miserabile e triste – di una forza di polizia inattiva e turisti che guardano i giovani spacciatori seduti sulla terrazza come allo zoo”, sta pensando di licenziarsi. E’ anche arrabbiata con il “cannibalismo sociale”, espressione che riflette la cancrena che colpisce il quartiere, la divisione ideologica dei movimenti, perché, secondo Phedra, “qui i gruppi anarchici sono divisi”.

Per ripristinare l’immagine di questo quartiere alternativo, “diverse assemblee di residenti arrabbiati vogliono combattere contro questo cannibalismo sociale e la droga”, riferisce Dina Daskalopoulou, giornalista di I Efimerida ton syntagton, un quotidiano indipendente di sinistra. “Ma nessuno vede la polizia come una soluzione. I residenti dicono che il governo sta incoraggiando il traffico, aggiunge. E’ una strategia, denunciamo il crimine, creiamo un nemico interno ma lasciamo che la situazione si deteriori per legittimare l’intervento. Per il giornalista, questo ha lo scopo di “incoraggiare la gentrificazione e il turismo”.

Exarcheia affascina i visitatori. In Messolongiou Street, i turisti stranieri usano i loro smartphone per fotografare la targa dedicata all’adolescente Alexandros Grigoropoulos. Il quartiere è sopraffatto dal suo mito, secondo Vassos Georgas, stoppino grigio e maglietta nera con la scritta “Bibliotheque”, la sua libreria, che si affaccia sulla piazza di Exarcheia. “Dopo questo omicidio, questo mito del quartiere [senza polizia, libero e senza regole – ndr] si diffuse ulteriormente e diede origine a due fenomeni”, sospirava, “gli hooligan che venivano dall’estero dicendo che era un paese distrutto, facciamo quello che vogliamo, non c’era più niente da perdere. Poi c’è stata la frenesia dell’acquisto di immobili».

Vassos ha aperto la sua libreria quattro anni fa per “tornare ad una vecchia epoca, quando c’erano dibattiti, discussioni, ma sento una profonda solitudine. Exarcheia è diventata normale, turistica. Secondo lui, il nuovo nemico “capitalista” si chiama Airbnb. Come a Barcellona o a Lisbona, la piattaforma ha trasformato il quartiere in modo abbagliante e insidioso.
“Sulla parte anteriore della macchina ci sono molte iscrizioni anti-Airbnb”. Molte persone si sono indebitate con la crisi, hanno venduto a investitori stranieri che hanno offerto prezzi eccezionali per ottenere visti d’oro [visto rinnovabile in cambio di 250 000 euro di investimenti immobiliari – ndr]. Siamo nel Monopoli, non ci sono più regole”, dice Tonia Katerini, architetta che vive a Exarcheia da quarant’anni. I greci che non hanno i mezzi sono esclusi. Molto bassi al culmine della crisi, i prezzi sono aumentati del 35% dal 2016.
Per Petros Kondoyiannis, partner di Vassos Georgas nella libreria, questi fenomeni incoraggiano la “depoliticizzazione” di Exarcheia che le autorità hanno a cuore. “E’ iniziato alcuni decenni fa con il trasferimento dei campus, allontanandosi da luoghi di pensiero, luoghi culturali… Airbnb, che svuota il quartiere dei suoi abitanti, è il colpo finale”, dice il 44enne greco.
Il 6 dicembre, come ogni anno, il distretto commemorerà la morte di Alexandros Grigoropoulos. Le autorità sono preoccupate per questo raduno tradizionalmente acceso, dove Exarcheia esprime tutta la sua rabbia. “Volevano seppellirci, ma hanno dimenticato che siamo semi”, dice Petros Kondoyiannis, citando un proverbio messicano. Per lui, la lotta non è finita.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.