martedì 28 Gennaio 2020

Corbyn: «La politica della speranza deve vincere»

Corbyn: «La politica della speranza deve vincere»

Corbyn: ecco perhé abbiamo perso. Ora non c’è una soluzione rapida, i lavoratori devono conquistare fiducia in sé stessi. I media sono stati feroci

di Jeremy Corbyn

Viviamo in tempi molto volatili. Due anni e mezzo fa, nella prima elezione generale a cui ho preso parte come leader laburista, il nostro partito ha aumentato la sua quota del voto popolare di 10 punti percentuali. Giovedì, in una notte disperatamente deludente, abbiamo perso otto punti.

Ho chiesto un periodo di riflessione in seno al partito, e non mancano le cose da considerare. Non credo che questi due risultati elettorali contrastanti possano essere compresi isolatamente.

Gli ultimi anni hanno visto una serie di sconvolgimenti politici: la campagna per l’indipendenza scozzese, la trasformazione del lavoro, Brexit, l’ondata elettorale laburista, e ora la vittoria di Johnson “Get Brexit Done”. Niente di tutto questo è una coincidenza.

Il sistema politico è volatile perché non riesce a generare un sostegno stabile allo status quo dopo il crollo finanziario del 2008. In qualità di leader laburista ho voluto viaggiare in tutte le parti del nostro paese e ascoltare la gente, e sono stato continuamente colpito da quanto la fiducia nella politica si sia spezzata.

Il divario tra i più ricchi e gli altri si è ampliato. Tutti possono vedere che il sistema economico e politico non è giusto, non rende giustizia e si scontra con la maggioranza. Questo ha fornito un’apertura per una politica più radicale e fiduciosa nell’insistere che non dev’essere così, e che un altro mondo è possibile. Ma ha anche alimentato il cinismo tra molte persone che sanno che le cose non funzionano per loro, ma non credono che questo possa cambiare.

L’ho visto chiaramente nelle ex aree industriali dell’Inghilterra e del Galles, dove la distruzione intenzionale di posti di lavoro e comunità in 40 anni ha avuto un pesante tributo. Non c’è da stupirsi se queste zone hanno avuto il colpo di grazia nel referendum del 2016 e, purtroppo per i laburisti, nelle elezioni generali di giovedì.

Nelle città dove le acciaierie hanno chiuso, la politica nel suo complesso non era attendibile, ma la promessa di Boris Johnson di “Get Brexit Done” – venduta come un colpo al sistema – lo è stata. Purtroppo questo slogan sarà presto scoperto per la falsità che è, distruggendo ulteriormente la fiducia.

Nonostante i nostri migliori sforzi, e i nostri tentativi di chiarire che questo sarebbe stato un punto di svolta per l’intera direzione del nostro paese, le elezioni si sono svolte principalmente sulla Brexit.

Un partito conservatore pronto a sfruttare le divisioni capitalizzate sulla frustrazione creata dalla sua stessa incapacità di mantenere il risultato del referendum – a spese di un partito laburista che cerca di riunire il nostro paese per affrontare il futuro.

La polarizzazione del paese rispetto alla Brexit ha reso tutto più difficile per un partito con un forte sostegno elettorale da entrambe le parti. Credo che abbiamo pagato un prezzo per essere visti da alcuni come un tentativo di superare le divisioni o di ripetere il referendum.

Ora dobbiamo ascoltare le voci di coloro che a Stoke e Scunthorpe, Blyth e Bridgend, Grimsby e Glasgow, non hanno sostenuto i laburisti. Il nostro paese è cambiato radicalmente dopo il crollo finanziario e qualsiasi progetto politico che finge altrimenti è autoindulgente.

Il progresso non si realizza in una semplice linea retta. Anche se giovedì abbiamo perso molti seggi, credo che il manifesto del 2019 e il movimento che lo sostiene sarà considerato storicamente importante – un vero e proprio tentativo di costruire una forza abbastanza potente da trasformare la società per molti, non per pochi. Per la prima volta da decenni, molte persone hanno avuto la speranza di un futuro migliore.

Questa esperienza, condivisa da centinaia di migliaia di persone, non può essere cancellata. Il nostro compito di movimento, e di partito più che raddoppiato nelle dimensioni, non è finito: ora ha il compito urgente di difendere le comunità che subiranno l’assalto sostenuto dal governo di Boris Johnson e l’accordo tossico che vuole con Donald Trump.

E deve cominciare ad assicurare che il senso di speranza si diffonda e si approfondisca. Come socialisti, cerchiamo di aumentare le speranze delle persone. Le persone nel nostro paese meritano molto di più – e possono averlo, se lavoriamo insieme per ottenerlo.

Sono orgoglioso che sull’austerità, sul potere delle imprese, sulla disuguaglianza e sull’emergenza clima abbiamo vinto le discussioni e riscritto i termini del dibattito politico. Ma mi rammarico che non siamo riusciti a convertirlo in una maggioranza parlamentare per il cambiamento.

Non c’è dubbio che le nostre politiche sono popolari, dalla proprietà pubblica delle ferrovie e dei principali servizi di pubblica utilità a un massiccio programma di edilizia abitativa e a un aumento delle retribuzioni per milioni di persone. La domanda è: come possiamo riuscire in futuro dove non siamo riusciti questa volta?

Non c’è una soluzione rapida per superare la sfiducia di molti elettori. Essere paternalisti e accondiscendenti non li conquisterà. I lavoratori devono conquistare fiducia in sé stessi. Ciò significa un paziente lavoro di ascolto e di collaborazione con le comunità, soprattutto quando il governo intensifica il suo assalto. Significa garantire che la classe lavoratrice, in tutta la sua diversità, sia la forza trainante all’interno del nostro partito.

Gli attacchi dei media contro il partito laburista negli ultimi quattro anni e mezzo sono stati più feroci che mai – e naturalmente questo ha un impatto sull’esito delle elezioni. Chiunque si batte per un vero cambiamento sarà accolto dalla forza dell’opposizione mediatica.

Il partito ha bisogno di una strategia più solida per far fronte a questa ostilità da parte della proprietà di un miliardario e influenzata e, ove possibile, trasformarla a nostro vantaggio.

Abbiamo subito una pesante sconfitta e me ne assumo la responsabilità. I laburisti avranno presto un nuovo leader . Ma, chiunque sia, il nostro movimento continuerà a lavorare per una società più giusta ed equa e per un mondo sostenibile e pacifico.

Ho passato la mia vita a lottare per questi obiettivi e continuerò a farlo. La politica della speranza deve prevalere.

tradotto dal Guardian

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.