Bordeaux en luttes, l’anticapitalismo è municipale

Bordeaux en luttes, l’anticapitalismo è municipale

Municipali in Francia. A Bordeaux, Philippe Poutou, dell’Npa, vuole far uscire la “lotta di classe” dalla fabbrica

di Jérémy Jeantet

In testa a una lista di militanti di Npa, La France insoumise, sindacalisti, associazioni e “gilet gialli”, l’ex candidato presidenziale sta scuotendo la campagna di Bordeaux e difendendo un “anticapitalismo municipale”.

Bordeaux (Gironda), corrispondenza – È l’ospite a sorpresa del c consulte comunali di Bordeaux, particolarmente aperte dopo la partenza di Alain Juppé per il Consiglio costituzionale di un anno fa. Philippe Poutou, due volte candidato NPA alle elezioni presidenziali, ha potuto interferire nel dibattito, al punto da essere stato invitato mercoledì 4 marzo a una discussione tra i principali capilista.
Mentre doveva rispondere alle domande del Medef locale (la Confindustria) sui temi dell’attrattiva economica, il suo intervento è stato sorprendente, per una persona che sostiene l’anticapitalismo a tutti i livelli. Al di là dell’immagine a volte simpatica di Poutou, uno dei pochissimi lavoratori impegnati in politica a livello nazionale, o delle forti critiche che suscita da parte dei suoi avversari, qual è il significato della sua candidatura? E cosa copre l'”anticapitalismo municipale” che egli sostiene?
Philippe Poutou, licenziato di recente dalla Ford, è convinto che il livello locale possa ora essere rilevante.
“I sociologi hanno sviluppato l’idea che la lotta di classe non si svolge solo nelle fabbriche, ma anche nelle città e nei quartieri, con una borghesia che si appropria dei lavoratori e degli spazi popolari”, spiega Philippe Poutou, per il quale l’idea di questa candidatura è “dire merda alla borghesia di Bordeaux”. “Sono loro che stanno rubando la nostra città e i nostri quartieri».
Il suo programma comprende il trasporto pubblico gratuito, il ripristino dei servizi pubblici, i consigli di quartiere decisionali, la requisizione di alloggi sfitti e il controllo degli affitti.
In questa campagna, la questione dell’edilizia abitativa è centrale. A Bordeaux, i prezzi sono esplosi negli ultimi dieci anni (aumento del 44% del prezzo delle case d’epoca in 10 anni), in particolare in seguito all’arrivo della LGV (ligne à grande vitesse, linea ad alta velocità), che pone la capitale della Gironda a due ore da Parigi.
Bordeaux en luttes mira a contrastare questo fenomeno di gentrificazione. “Vogliamo che Bordeaux rimanga mista e fermi l’esodo della classe media e dei lavoratori verso la periferia”, aggiunge Maylis de Verneuil, avvocato e dodicesimo della lista.
Al terzo posto si trova Antoine Boudinet, studente ventisettenne che ha perso la mano destra dopo l’esplosione di una granata lacrimogena l’8 dicembre 2018 durante una dimostrazione di “gilet gialli”.
Per lui, “la lotta contro la gentrificazione è la base stessa della lotta dei GJ, cioè l’aumento del costo della vita a causa delle logiche capitalistiche”.
Un’altra proposta di punta della lista è il trasporto pubblico gratuito. “Non è un’utopia”, dice Évelyne Cervantes-Descubes, attivista di LFI, numero 2 della lista ed ex candidata alle elezioni legislative del 2017. Senza spendere soldi, possiamo già ridisegnare la rete di autobus per renderla più coerente, incoraggiare gli spostamenti da un quartiere all’altro, senza dover passare per il centro città».
La loro idea è di ridurre lo spazio per l’auto. Secondo un recente studio di un produttore di GPS, un autista di Bordeaux ha perso 156 ore di traffico nel 2019, rendendo la città la terza città più congestionata della Francia, dopo Parigi e Marsiglia.
In termini di costi per la comunità e di investimenti in infrastrutture, i candidati parlano di una scelta politica. Questa è una misura ecologica ed economica”, sostiene Antoine Boudinet. La grande domanda è: dove mettiamo i soldi? Bordeaux ha deciso di essere una città da cartolina. Il denaro speso per l’organizzazione di grandi eventi e per attirare i turisti potrebbe essere investito in aree sociali».
Per Véronique Girod, un’attivista dell’NPA in pensione e ventesima della lista, “questo è anche l’anticapitalismo municipale, riprendendosi tutto ciò che è stato affidato al settore privato e facendo in modo che i soldi non vadano ai loro azionisti ma al comune”. Ciò significa, in particolare, riportare la gestione dell’acqua sotto controllo in modo che i prezzi possano essere abbassati per la popolazione più vulnerabile.
Alla faccia del programma. Per i candidati, l’unione di tutti questi attivisti non è stata facile, ammette Philippe Poutou: “Da ottobre, le discussioni sono state a volte accese. Una maggioranza all’interno dell’Npa di Bordeaux ha persino rifiutato l’idea di parlare con La France insoumise. E’ stato il movimento contro la riforma delle pensioni a rendere le cose più facili. Eravamo fianco a fianco nelle processioni e pensavamo che sarebbe stato troppo stupido non fare qualcosa insieme. »
Molti di loro hanno anche marciato insieme per protestare contro la chiusura dello stabilimento Ford di Blanquefort, dove lavorava Philippe Poutou. Tuttavia, l’Npa, un tempo centrale all’interno della sinistra radicale prima di perdere gran parte dei suoi militanti, è profondamente divisa: a Bordeaux, alcuni dei suoi militanti stanno evitando il loro ex candidato presidenziale e preferiscono rivolgersi alla lista di Lutte Ouvrière guidata da Fanny Quandalle.
Martedì 3 marzo, i membri della lista di Bordeaux en Lutte hanno presentato le loro proposte di alloggio all’Athénée comunale, a pochi passi dal Palais-Rohan, di fronte a una sala gremita.
“L’idea non è quella di dire ‘Votate per noi e decideremo tutto noi per voi per sei anni'”, ha detto Myriam Eckert, militante del CLAP 33 (Contro gli abusi della polizia) e del DAL 33 (Diritto all’alloggio), in quarta posizione nella lista, gilet giallo sulle spalle. Può sembrare molto comodo, l’idea che si debba mettere una scheda elettorale in un’urna ogni sei anni. Ma le persone devono essere coinvolte nella vita del loro quartiere, nelle loro associazioni. E noi rilanceremo quella voce».
Uno dei volantini di Bordeaux en luttes promette di essere “la voce di coloro che non sono mai stati ascoltati nel consiglio comunale”. Un messaggio che sembra funzionare, mentre la necessità di rinnovamento politico e il “riflussi” sono potenti nell’elettorato.
“Ci rendiamo conto che potremmo essere in grado di fare delle cose, di mettere sul tavolo argomenti che non sono stati precedentemente discussi nel consiglio comunale”, immagina Philippe Poutou, mentre parla, sotto la pioggia, a Bacalan, un ex quartiere operaio e portuale a nord di Bordeaux.
Chiacchiera per alcuni minuti con una giovane madre single. Sul punto di piangere, vuole ringraziarlo “per il [suo] impegno e [la sua] integrità”. Quasi imbarazzato da questa espressione di affetto, Philippe Poutou la vede come “la prova che [lui] ha [il suo] posto in questa elezione”.
Questo successo non passa senza suscitare gelosia. Vincent Feltesse, ex deputato socialista ed ex presidente di Bordeaux métropole, a fine febbraio ha detto che “votare Poutou significa votare Florian (il sindaco uscente del partito di Sarkozy, ndr)”. In altre parole, si favorisce il successore di Alain Juppé penalizzando Pierre Hurmic, il suo principale avversario in testa a una lista EELV-PS-PCF.
“Hurmic può rappresentare un capitalismo simpatico, ma è comunque capitalismo. Queste non sono le nostre idee”, ha detto Antoine Boudinet. Évelyne Cervantes-Descubes ricorda l’opposizione del candidato ecologista al matrimonio per tutti.
Philippe Poutou respinge ogni idea di alleanza al secondo turno, convinto che Thomas Cazenave, capo della lista LREM, alla fine si ritirerà a favore di Nicolas Florian, candidato LR alleato del MoDem, permettendo a quest’ultimo di sperare in una comoda vittoria.
“Non rubiamo voti a Pierre Hurmic”, ha detto Antoine Boudinet. Stiamo prendendo voti dal bacino dell’astensione [44,7% nel primo turno nel 2014, quasi 10 punti in più rispetto alla media nazionale, che poi ha stabilito un record – nota del redattore]. Il voto è espresso da persone che hanno smesso di votare perché non erano rappresentate. »
Qualunque sia l’esito del 15 e 22 marzo, questa elezione comunale di Bordeaux sarà senza precedenti. Ci sarà probabilmente un secondo turno per la prima volta dalla Liberazione (Jacques Chaban-Delmas, dal 1947 al 1995, poi Alain Juppé, dal 1995 al 2004 e dal 2006 al 2019, sono sempre stati eletti al primo turno). E potrebbe anche esserci comunicato di Bordeaux en lutte sul tavolo.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.