Parla la virologa: «Troppa fiducia nel mercato»

Parla la virologa: «Troppa fiducia nel mercato»

La virologa Marie-Paule Kieny a Mediapart: il contenimento finirà quando gli ospedali non saranno più al collasso

di Caroline Coq-Chodorge

Marie-Paule Kieny, virologa, è direttrice della ricerca all’Inserm e consulente per la salute pubblica. Ha trascorso gran parte della sua carriera presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dove è stata responsabile dei sistemi sanitari e dell’innovazione. Ha lavorato all’epidemia di Ebola dal 2014 al 2016. Da martedì 24 marzo è membro del nuovo comitato di ricercatori istituito da Emmanuel Macron all’Eliseo, il Comitato di Ricerca e Analisi delle Competenze (Care).
Lei stima che il contenimento durerà diverse settimane. In Francia, attualmente è prevista una durata di quindici giorni. Tuttavia, anche il Consiglio scientifico, convocato da Emmanuel Macron e presieduto da Jean-François Delfraissy, ritiene che sia “essenziale estendere il contenimento”.

L’Europa è diventata l’epicentro della pandemia globale di coronavirus. Perché non ha preso sul serio l’allarme cinese?

L’Europa non ha preso la misura di ciò che è successo. Eppure l’OMS ci diceva di testare la popolazione, di isolare i pazienti positivi, di testare i casi di contatto, di identificare i contatti dei contatti. Di fronte alla progressione dell’epidemia, è stato necessario adottare misure drastiche in anticipo.
Wuhan, in Cina, è stato confinato da appena un centinaio di casi al giorno. Il resto della Cina è stato a sua volta confinato mentre i casi erano ancora pochi. Gli europei guardavano dall’altra parte, pensando che il loro sistema sanitario fosse abbastanza forte, che avrebbe tenuto.
In seno all’OMS, negli ultimi anni, si è discusso dello stato di preparazione dei diversi Paesi ad una crisi sanitaria come quella che stiamo attraversando. I paesi ricchi davano lezioni ai paesi poveri. Perché non hanno saputo applicare questi principi chiave in un’epidemia? La salute non era più considerata una priorità in un mondo globalizzato dove tutti gli occhi dei governi erano concentrati sulla salute dell’economia.

Nella fase epidemica, c’è ancora tempo per testare e isolare?

I test ora avrebbero senso: consentirebbero una migliore valutazione del numero di persone che sono state infettate dal virus, anche quando non hanno sviluppato la malattia, e quindi una migliore stima del tasso di mortalità. Quindi deve essere fatto! Ma in Europa l’epidemia è ormai così diffusa che manca tutto. Ora dobbiamo aspettare con fiducia gli effetti del contenimento, che sembra dare i suoi frutti in Italia. Quando l’epidemia sarà controllata, dovremo fare quello che si sarebbe dovuto fare fin dall’inizio: “Test, test, test”, come ha detto l’OMS.

Possiamo avere fiducia nelle nostre misure di contenimento? Sono abbastanza drastiche?

Si discute molto sull’entità del contenimento. In Francia, anche se è stato fatto a piccoli passi, mi sembra efficace. Non dobbiamo trascurare il fatto che un contenimento così rigoroso come quello applicato dalla Cina nella provincia di Hubei sarebbe difficile da sopportare per la popolazione. Dobbiamo quindi permettere alle persone di camminare da sole o con le loro famiglie quando vivono insieme, ma limitare drasticamente i grandi raduni. E dobbiamo lottare contro le sacche di resistenza della società: a Ginevra, lo scorso fine settimana faceva caldo, c’era troppa gente sul lago. Quindi bisogna sanzionarli. Queste misure funzioneranno, perché hanno funzionato in altri paesi. In Italia, da qualche giorno l’epidemia non è più esponenziale. In Francia non possiamo dire nulla, perché il numero di test è troppo basso.

Quanto può durare il contenimento?

Diverse settimane. Per sollevarlo, dobbiamo tornare a una situazione che il sistema sanitario può sopportare. Per fare questo, non dobbiamo solo aspettare il picco e la diminuzione del numero di casi gravi, ma anche aspettare che si rendano disponibili i letti di rianimazione. I pazienti Covid li occupano in media per tre settimane. Si spera inoltre che la sperimentazione clinica europea Discovery, coordinata da Inserm, permetta di individuare un trattamento efficace. Questo farà una grande differenza.

E gli studi epidemiologici che prevedono centinaia di migliaia di morti in Francia o in altri paesi europei?

Questi studi sono utili perché aiutano i decisori a pianificare. Indicano possibili traiettorie, ma non prevedono il futuro. Si tratta di modellizzazione, che dipende dalla qualità dei dati, e i dati sono in parte incerti.

In Francia la carenza di maschere è uno scandalo. Non tutti gli assistenti sono protetti. La situazione è la stessa ovunque?

La carenza è globale. C’è persino una carenza di soluzioni idroalcoliche, altrettanto indispensabili. Come è possibile? Tutti i Paesi stanno cercando di adattarsi: la Svizzera, ad esempio, ha appena firmato un accordo con una fabbrica di cosmetici, che sta iniziando a produrre soluzioni idroalcoliche per gli ospedali. E perché non usare le stampanti 3D per fare le maschere? I governi sono nel panico a causa della loro impreparazione. A volte non riescono più a prendere decisioni razionali. La Repubblica Ceca ha addirittura sequestrato e distribuito ai suoi ospedali centinaia di migliaia di maschere e respiratori inviati in Italia dalla Croce Rossa cinese.

L’Europa sembra mostrare pochissima solidarietà…

Posso capire perché la Francia, nella sua situazione, non mandi i respiratori in Italia. Ma c’è la solidarietà internazionale: la Cina invia attrezzature, Cuba invia anche medici. La Russia ha inviato apparecchiature di sterilizzazione. E ci sono anche questi pazienti alsaziani che vengono curati negli ospedali tedeschi, svizzeri e lussemburghesi. Penso anche ai Paesi poveri, che dovranno affrontare questa pandemia con mezzi ancora più limitati, negli ospedali, nella sanità, nelle medicine.

Quali lezioni si dovranno trarre da questa crisi?

Troppa fiducia è stata riposta nella globalizzazione, nell’economia di mercato. Dobbiamo tornare indietro. I medicinali e i dispositivi medici essenziali devono essere prodotti in Francia, o almeno in Europa. Il personale ospedaliero è stato maltrattato in Francia e in tutta Europa. Volevamo privatizzare l’assistenza sanitaria, volevamo credere nelle virtù della sanità elettronica per poter fare a meno dei caregiver. In realtà, non ce ne sono abbastanza, e sono troppo malpagati. Tuttavia, la popolazione sta invecchiando e le esigenze sanitarie sono in aumento. In Francia, la l’emergenza nella sanità ha preceduto la crisi di Covid-19.

Questa pandemia arriva dopo le epidemie di SARS, Ebola, Zika e Chikungunya: stiamo assistendo a una moltiplicazione di nuovi virus?

Con la globalizzazione, i virus si diffondono molto più rapidamente. Con il riscaldamento globale, i vettori di alcuni virus, come la zanzara per la Zika o il chikungunya, hanno un’area di distribuzione più ampia. Con l’urbanizzazione, le popolazioni vivono in aree urbane molto dense. Allo stesso tempo si perpetuano le pratiche ancestrali di caccia agli animali selvatici, cioè il contatto molto stretto con la fauna selvatica, che è un serbatoio di nuovi virus. Questo sistema è esplosivo.

Cosa ne pensa della controversia francese sulla clorochina?

Didier Raoult è un vero scienziato, che da decenni produce risultati di qualità. Sta cercando di fare qualcosa, come tutti gli altri. Ma ciò che promette, sulla base della sua sperimentazione clinica sulla clorochina, non è ragionevole. Il suo processo non mostra nulla. E’ un processo di 24 persone ricoverate in ospedale senza armi di controllo. Dice che la clorochina abbassa la carica virale, ma non dice nulla sulla mortalità. I medici scoprono che alcuni pazienti, i cui polmoni sono colpiti, non hanno più una carica virale. C’è certamente una componente immunologica in questa malattia: una tempesta di citochina colpisce il sistema immunitario di alcuni pazienti. Non dovremmo dare clorochina a tutti senza certezza, questo farmaco non è innocuo, a dosi elevate ha effetti collaterali. Ma lo scopriremo presto, un braccio del test Discovery sta testando la clorochina.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.