mercoledì 3 Giugno 2020

Il Portogallo, laboratorio della sinistra, scommette sulla solidarietà

Il Portogallo, laboratorio della sinistra, scommette sulla solidarietà

Nel bel mezzo della pandemia, il Portogallo investe sulla sanità e regolarizza temporaneamente gli immigrati per proteggerli meglio

da Porto, Patricia Neves 

“È ancora più importante […] in tempi di crisi, garantire i diritti dei più fragili, soprattutto dei migranti”. La frase non è stata pronunciata da associazioni, ma da un politico di alto livello, il ministro degli Interni portoghese. Il 28 marzo, Eduardo Cabrita ha messo in pratica le sue parole e ha annunciato la regolarizzazione temporanea di tutti i richiedenti asilo e gli immigrati in attesa del rilascio di un permesso di soggiorno in Portogallo. «Salute e sicurezza per tutti – sostiene nelle pagine del quotidiano Público – questo è il dovere di una società basata sulla solidarietà».
Quando Maria ripercorre le parole del ministro al telefono, inizia il suo servizio in un ristorante sul mare di Porto, una delle città portoghesi più colpite dalla pandemia di Covid-19. La donna di 38 anni, originaria del Nordest brasiliano, non ha documenti. “Questa decisione è un sollievo”, dice. Il ristorante è vuoto, chiuso da quando il 18 marzo è stato dichiarato lo stato di emergenza, come tutte le attività non essenziali, ma c’è ancora del lavoro da finire, qualche ora di pulizia. Così Maria si dà da fare, “felice”, “prudente”, “nel panico”. Negli ultimi giorni, tutto è andato di fretta.
Poco più di 150.000 immigrati brasiliani vivono ora in Portogallo. Pro-immigrazione, a favore della spesa pubblica, a favore dell’Europa, il Paese, laboratorio della sinistra, sta andando controcorrente ed è tornato sulla strada della crescita: +3,5% nel 2017, +2,4% nel 2018 e persino un surplus di bilancio dello 0,2% nel 2019, una prima volta dalla fine della dittatura nel 1974. L’eccedenza di bilancio, la promessa di una vita migliore, lontano dalla crisi finanziaria del 2008, l’austerità, la Troika, il crollo sociale e la disoccupazione di massa. Cosa rimarrà dopo la pandemia? Il modello portoghese sopravviverà?
Vedendo il primo ministro António Costa indignarsi qualche giorno fa dall’egoismo “ripugnante” di alcuni suoi vicini europei nel bel mezzo della pandemia, si vorrebbe pensare che sia così. In Portogallo, António Costa è diventato uno dei volti della crisi. Onnipresente, il Primo Ministro ha fatto numerosi annunci. La sua priorità: proteggere il lavoro di tutti i lavoratori, con o senza documenti. Una politica basata su una semplice osservazione. Il basso tasso di natalità (1,41 figli per donna nel 2018) non permetterà al Paese di arrestare l’invecchiamento della popolazione. Secondo l’OCSE, la popolazione in età lavorativa di 20-64 anni dovrebbe diminuire del 30% entro il 2050.
In questo contesto, migliaia di modesti immigrati si preparano a beneficiare di regolarizzazioni temporanee. Nel 2018 sono state presentate 1.045 domande di asilo in Portogallo e sono stati ammessi 16.500 immigrati, per la maggior parte brasiliani. Le regolarizzazioni odierne si protraggono fino al 30 giugno 2020 e mirano a facilitare l’accesso al Servizio sanitario pubblico (SNS) e alle misure di protezione sociale annunciate in risposta alla crisi. L’audacia del governo è da lodare”, ha detto Flora Silva, della ONG Olho Vivo, che assiste i migranti. Eravamo in riunione solo pochi giorni fa, abbiamo la sensazione che stiano davvero cercando di trovare delle soluzioni. “Oltre al sistema della disoccupazione parziale (licenziamento), che prevede i due terzi dello stipendio, il governo ha già deciso di estendere i diritti a varie prestazioni (disoccupazione, reddito da integrazione, ecc.) o la creazione di agevolazioni di pagamento per i più svantaggiati per quanto riguarda le tasse e gli affitti, i cui prezzi sono esplosi nelle grandi città, pagabili fino a dodici mesi dopo la fine della pandemia.
Sono inoltre previsti 3 miliardi di euro di credito per le piccole e grandi imprese, di cui 60 milioni di euro di credito per le microimprese che non licenzieranno i lavoratori del settore turistico, vitale per l’economia portoghese (quasi il 15% del PIL). Descritto per il suo “ottimismo un po’ irritante” dal popolarissimo presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, il primo ministro non è però sfuggito alle critiche. Ha reagito troppo tardi? Le misure saranno sufficienti? La domanda viene posta timidamente in Portogallo, poiché l’austerità e i tagli di bilancio imposti dopo la crisi del 2008 hanno devastato i servizi pubblici, in particolare gli ospedali.
“Nella nostra economia neoliberale, gli ospedali sono diventati un grande business. E l’assistenza sanitaria è una merce che vendiamo. E che noi compriamo, quando possiamo”, lamenta la ricercatrice Maria Irene Carvalho dell’Università di Lisbona. Il Primo Ministro, da parte sua, ci assicura che, da quando è salito al potere nel 2015, 2 miliardi di euro sono stati reimmessi nel SNS per sopperire alla mancanza di personale e di attrezzature. Il 26 dicembre 2019, molto prima della crisi del coronavirus, António Costa ha dedicato il suo discorso di Natale al Sistema Sanitario Nazionale, promettendo agli operatori sanitari il più grande budget mai votato per il 2020, con 800 milioni di euro in finanziamenti aggiuntivi, assunzioni e apertura di posti letto. Attualmente i pazienti devono aspettare fino a due anni per ottenere un consulto con uno specialista o un posto in chirurgia con il SNS.
Davanti al suo televisore a Porto, Maria guarda il telegiornale, Netflix, e poi di nuovo il telegiornale. Le cifre si susseguono una dopo l’altra: 1.000 medici e 1.800 infermieri richiamati in caso di emergenza; 35 tonnellate di attrezzature ordinate per gli operatori sanitari, che sono molto esposti; 10 milioni di dollari spesi per l’acquisto di 500 dispositivi di ventilazione che si aggiungono alle 1.142 disponibili; 1.058 persone ricoverate questo venerdì 3 aprile in Portogallo, di cui 245 in terapia intensiva. Inoltre, 246 persone sono già morte, tre volte meno che in Spagna nello stesso periodo. Su istigazione del Presidente della Repubblica, messo in quarantena a titolo precauzionale all’inizio di marzo, il Paese è stato confinato molto presto. Solo sedici giorni dopo la comparsa del primo caso sul suo territorio, rispetto a circa cinquanta giorni in Francia.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.