venerdì 23 Ottobre 2020

Non sarà un virus a migliorare il clima

Non sarà un virus a migliorare il clima

Coronavirus e cambiamento climatico, un rapporto difficile. Tutto dipenderà dalle misure dei governi per la ripresa

di Rodrigo Muñoz Baeza

Nelle ultime settimane, le immagini degli effetti collaterali del coronavirus in diverse metropoli di tutto il mondo sono state viralizzate nei social network. I canali di Venezia puliti, strade vuote di New York, animali nelle calli spagnole, anche le misurazioni della qualità dell’aria a Santiago come a Londra, Roma e Parigi mostrano riduzioni dei tassi di particolato derivanti da quarantene volontarie fino al 30%.
Il rallentamento economico dovuto al coronavirus non può sostituire l’azione del clima. I miglioramenti locali sono momentanei ed è troppo presto per valutare l’impatto sulle concentrazioni di gas serra che si sono accumulate nell’atmosfera dopo la Rivoluzione Francese.
Una cosa è una malattia, che tutti speriamo sia temporanea e abbia un impatto transitorio, e un’altra è il cambiamento climatico, che esiste da molti decenni, che rimarrà con noi per lustri e che richiede un’attenzione costante, a causa dei grandi danni che è stato fatto all’ambiente.
Tutto dipenderà da quanto dureranno le misure eccezionali di contenimento contro COVID-19 e dagli stimoli economici che saranno adottati in seguito, ma non c’è un consenso tra gli esperti che preveda una riduzione significativa delle emissioni globali entro il 2020.
Le principali stazioni di monitoraggio della CO2 finora hanno registrato livelli più elevati rispetto al 2019, ad esempio.
Questo perché i combustibili fossili, che sono i principali responsabili dei gas nocivi, continuano ad essere la principale energia che guida l’economia mondiale.
Se quest’ultimo si ferma, come è parzialmente accaduto con la Cina (produttrice di un quarto delle emissioni globali), il consumo di carbone, gas e carburante diminuisce, quindi, diminuiscono anche l’anidride carbonica, il metano e il protossido di azoto, come riportato dal Carbon Brief di febbraio. Tuttavia, questo calo temporaneo è soggetto alla questione se tale calo sarà compensato o invertito con le risposte che i governi offriranno alla crisi.
In effetti, la possibilità di un effetto di rimbalzo sulle emissioni è abbastanza probabile. I dati ci dicono che durante la crisi finanziaria del 2008 si è registrata una riduzione globale dell’1% delle emissioni di anidride carbonica. Ma si sono ripresi l’anno successivo, e la crescita nei due anni successivi alla crisi è stata eccezionalmente elevata, grazie agli stimoli economici che sono stati approvati per aumentare la produzione.
Inoltre, il “Rapporto annuale sullo stato del clima nel mondo” presentato qualche settimana fa dall’Organizzazione meteorologica mondiale mette in evidenza i segnali fisici di allarme del cambiamento climatico, come l’intenso riscaldamento e l’acidificazione degli oceani, un nuovo segno nell’innalzamento del livello del mare, lo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide, e i continui fenomeni meteorologici come tempeste, siccità e inondazioni, accentuati dagli incendi in Australia. Tutto ciò ha portato ad un 2019 che si è concluso con una temperatura media globale di 1,1°C al di sopra delle stime preindustriali, valore superato solo dal record del 2016.
Pertanto, come ha giustamente sottolineato António Guterres, Segretario generale dell’ONU, non combatteremo il cambiamento climatico con un virus. Non è corretto sopravvalutare gli effetti della pandemia sulla riduzione delle emissioni globali, né sarà corretto ignorare le norme ambientali quando la crisi sanitaria sarà superata. Il coronavirus non può essere usato come scusa per ritardare le politiche di transizione ecologica nei paesi più sviluppati.
La lotta contro il riscaldamento è contro la disuguaglianza, ed è per questo che i piani forti per ridurre le emissioni rimangono imperativi, di fronte alla COP26 di Glasgow.
Finora solo le Isole Marshall, il Suriname, la Norvegia e la Moldavia hanno presentato la loro proposta. La proposta del Cile era in fase di revisione da parte del Consiglio dei ministri per la sostenibilità e si prevedeva che venisse pubblicata a breve, ma tale data è stata lasciata incerta a causa della contingenza.
È necessario uno sforzo collettivo e duraturo che sia molto più intenso di una quarantena di settimane, il che ci mette in prospettiva di quanto sia enorme la sfida climatica. Che la crisi ci porterà l’opportunità di accelerare la transizione verso le energie rinnovabili, di rafforzare l’economia circolare, di ridurre il consumo di materie prime e di realizzare una società più giusta, è l’orizzonte.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.