3.8 C
Rome
domenica 24 Gennaio 2021
3.8 C
Rome
domenica 24 Gennaio 2021
Home in genere Aborto in Polonia. Prima cauta vittoria delle donne

Aborto in Polonia. Prima cauta vittoria delle donne

La protesta paga. Dopo settimane di  donne in piazza il governo non fa pubblicare in Gazzetta Ufficiale la sentenza che avrebbe reso illegale l’aborto

di Marina Zenobio

Il governo polacco guidato dal partito di destra Diritto e Giustizia (PiS) non ha fatto pubblicare in Gazzetta Ufficiale la sentenza con cui il Tribunale costituzionale, lo scorso 22 ottobre, avrebbe reso illegale abortire anche in caso di malformazioni fetali. Non sarà una vittoria ma di sicuro su questo prender tempo da parte del governo guidato da Mateusz Morawiecki ha avuto il suo peso la miriade di manifestazioni di protesta che dal 22 ottobre stanno occupando le strade di Varsavia e non solo. Anche in Italia Non Una di Meno ha organizzato una serie di iniziative in solidarietà con le sorelle polacche.

Partite inizialmente da movimenti femministi, alle manifestazioni – partite da Varsavia e poi a macchia d’olio per tutto il paese – hanno successivamente aderito organizzazioni per i diritti LGBT+ e poi studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici. In migliaia nelle piazze e la protesta per il diritto all’aborto è diventato un appuntamento fisso ogni lunedì. Anche se c’è ora da vedere quali saranno le conseguenze sulla protesta a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid19.

Sta di fatto che per ora le ulteriori restrizioni sul diritto di abortire in Polonia non sono entrate in vigore. Tuttavia, come è giusto che sia, il movimento delle donne non abbassa la guarda, resta in stato di allerta e mantiene le prossime convocazioni di piazza e in agenda c’è anche uno sciopero generale. Giovedì scorso sui tetti di Cracovia si è sollevata una mongolfiera con il nuovo simbolo della protesta, un fulmine rosso e una scritta “Questa è la guerra”.

L’attivista femminista polacca Emila Debeska sostiene che bisogna prendere con le pinze i nuovi annunci del governo e mantenere viva le mobilitazioni. “Vediamo che succede – aggiunge -, è vero che la legge non è stata per ora applicata ma non c’è da fidarsi del governo. Il presidente, che non può negare la protesta, vorrebbe presentare una legge meno restrittiva ma non è ancora così, e non è questo che vogliono le donne polacche. Le donne polacche vogliono la libertà, la possibilità di decidere del proprio corpo”.

Quella sull’aborto in Polonia è la legge -varata nel 1993 – più restrittiva a livello Europeo anche prima di questo tentativo di renderla praticamente impraticabile. Si poteva abortire solo in caso di stupro, in caso di pericolo per la vita della donna o per gravi malformazioni al feto. Una legge talmente restrittiva che ogni anno costringe circa 200 mila donne polacche all’aborto clandestino oppure a recarsi all’estero, soprattutto in Repubblica Ceca, Slovacchia o Germania.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]