20.7 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
20.7 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
Homein genereAborto in Polonia. Prima cauta vittoria delle donne

Aborto in Polonia. Prima cauta vittoria delle donne

La protesta paga. Dopo settimane di  donne in piazza il governo non fa pubblicare in Gazzetta Ufficiale la sentenza che avrebbe reso illegale l’aborto

di Marina Zenobio

Il governo polacco guidato dal partito di destra Diritto e Giustizia (PiS) non ha fatto pubblicare in Gazzetta Ufficiale la sentenza con cui il Tribunale costituzionale, lo scorso 22 ottobre, avrebbe reso illegale abortire anche in caso di malformazioni fetali. Non sarà una vittoria ma di sicuro su questo prender tempo da parte del governo guidato da Mateusz Morawiecki ha avuto il suo peso la miriade di manifestazioni di protesta che dal 22 ottobre stanno occupando le strade di Varsavia e non solo. Anche in Italia Non Una di Meno ha organizzato una serie di iniziative in solidarietà con le sorelle polacche.

Partite inizialmente da movimenti femministi, alle manifestazioni – partite da Varsavia e poi a macchia d’olio per tutto il paese – hanno successivamente aderito organizzazioni per i diritti LGBT+ e poi studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici. In migliaia nelle piazze e la protesta per il diritto all’aborto è diventato un appuntamento fisso ogni lunedì. Anche se c’è ora da vedere quali saranno le conseguenze sulla protesta a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid19.

Sta di fatto che per ora le ulteriori restrizioni sul diritto di abortire in Polonia non sono entrate in vigore. Tuttavia, come è giusto che sia, il movimento delle donne non abbassa la guarda, resta in stato di allerta e mantiene le prossime convocazioni di piazza e in agenda c’è anche uno sciopero generale. Giovedì scorso sui tetti di Cracovia si è sollevata una mongolfiera con il nuovo simbolo della protesta, un fulmine rosso e una scritta “Questa è la guerra”.

L’attivista femminista polacca Emila Debeska sostiene che bisogna prendere con le pinze i nuovi annunci del governo e mantenere viva le mobilitazioni. “Vediamo che succede – aggiunge -, è vero che la legge non è stata per ora applicata ma non c’è da fidarsi del governo. Il presidente, che non può negare la protesta, vorrebbe presentare una legge meno restrittiva ma non è ancora così, e non è questo che vogliono le donne polacche. Le donne polacche vogliono la libertà, la possibilità di decidere del proprio corpo”.

Quella sull’aborto in Polonia è la legge -varata nel 1993 – più restrittiva a livello Europeo anche prima di questo tentativo di renderla praticamente impraticabile. Si poteva abortire solo in caso di stupro, in caso di pericolo per la vita della donna o per gravi malformazioni al feto. Una legge talmente restrittiva che ogni anno costringe circa 200 mila donne polacche all’aborto clandestino oppure a recarsi all’estero, soprattutto in Repubblica Ceca, Slovacchia o Germania.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quanto costerà agli ungheresi l’omofobia di Orban

La legge omofoba ungherese ha sconvolto l'agenda del vertice UE. Diciassette leader chiedono sanzioni. Gli scenari [Ludovic Lamant] 

Ogni movimento ha un filo che lo porta a Genova

Si va verso il ventennale di Genova e partiamo seguendo una delle tracce seminate da Guadagnucci e Agnoletto con «L'eclisse della democrazia»

Stracciamo il Concordato: Ddl Zan ora!

Il Vaticano invade lo spazio pubblico, la destra familista gioca col fuoco, il dibattito nel mondo femminista Il Vaticano fa...

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]