32.5 C
Rome
sabato 24 Luglio 2021
32.5 C
Rome
sabato 24 Luglio 2021
HomemalapoliziaIl sogno di Macron e della polizia: vietato filmare gli abusi

Il sogno di Macron e della polizia: vietato filmare gli abusi

La proposta di legge sulla “sicurezza globale” rafforza l’impunità della polizia (Pascale Pascariello) 

Una proposta di legge LREM (il partito di Macron, ndr) potrebbe rafforzare l’impunità dei funzionari impedendo la loro identificazione quando i video vengono trasmessi. Già votato giovedì in commissione, secondo il difensore dei diritti umani, solleva “notevoli rischi di violazione di diversi diritti fondamentali”, tra cui il diritto all’informazione. La maggioranza sta accedendo in diretta a una richiesta dei sindacati di polizia. 
La diffusione di immagini di agenti di polizia identificabili, nell’esercizio delle loro funzioni e con l’intento di nuocere alla loro “integrità fisica o psicologica”, potrebbe essere punita con la reclusione di un anno di reclusione e con una multa di 45.000 euro.

Questo è quanto prevede il disegno di legge sulla “sicurezza globale” proposto da due deputati del LREM, l’ex capo del Raid Jean-Michel Fauvergue e l’avvocato Alice Thourot. Il disegno di legge, che è stato ampiamente sostenuto e persino perfezionato dal ministro dell’Interno Gérald Darmanin, è stato adottato dal Consiglio legislativo giovedì 5 novembre e sarà discusso in Aula a partire dal 17 novembre. Le preoccupazioni sono grandi e le reazioni delle ONG e degli avvocati non si sono fatte attendere.

Particolarmente preoccupata per “i notevoli rischi di violazione di diversi diritti fondamentali, in particolare del diritto alla privacy e alla libertà d’informazione”, la difensora dei diritti Claire Hédon ha chiesto, in un parere pubblicato giovedì, che “né la libertà di stampa né il diritto all’informazione siano ostacolati da questo testo”.
Depositato il 14 gennaio 2020, questo disegno di legge riguardava inizialmente la polizia municipale e la sicurezza privata. In seguito ai colloqui tra il Ministro dell’Interno e i sindacati della polizia, a partire dal 20 luglio, il 20 ottobre è stata registrata una nuova versione, che comprendeva l’articolo 24 sulla diffusione di immagini di agenti di polizia non offuscate.

Una settimana prima, il 13 ottobre, durante un incontro con tutti i sindacati di polizia, Gérald Darmanin lo aveva annunciato in questi termini: ” State tranquilli, con il Presidente della Repubblica e il Primo Ministro, saremo sempre lì a difendervi. Prosegue il lavoro sulle riforme annunciate a settembre: sfocatura, nuovo uso delle telecamere pedonali. Troveranno la loro traduzione nel prossimo disegno di legge Fauvergue-Thourot».

L’articolo aggiunto è il seguente: «E’ punito con un anno di detenzione e 45.000 multa la diffusione, con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, con lo scopo di provocare danni fisici o psicologici all’integrità fisica o psicologica, l’immagine del volto o qualsiasi altro elemento di identificazione di un funzionario della polizia nazionale o di un membro della gendarmeria nazionale quando agisce nell’ambito di un’operazione di polizia. “In commissione è stato adottato un emendamento presentato dal correlatore LREM, Jean-Michel Fauvergue, affinché il numero di registrazione individuale (RIO) rimanga identificabile. L’emendamento afferma: “Poiché la loro rivelazione non è tale da esporre gli agenti di polizia e i gendarmi a rappresaglie”. Questo rischio è tanto meno probabile in quanto questo numero, sebbene obbligatorio, è regolarmente invisibile perché raramente viene indossato dagli agenti di polizia.
Alcuni deputati, guidati dalla relatrice Alice Thourot, vogliono rassicurarsi che sarà sempre possibile filmare la polizia. Sarà possibile filmare la polizia, ma sarà obbligatorio sfocarne i volti e mascherare qualsiasi altro segno che possa identificarli al momento della trasmissione delle immagini.

Questo obbligo di rendere non identificabili gli agenti delle forze dell’ordine e la sanzione in caso di inosservanza possono dissuadere più di una persona dal trasmettere registrazioni che mostrano le operazioni di polizia durante le dimostrazioni.

Il 2 novembre, su RMC e BFM, il ministro ha spiegato chiaramente lo scopo di questo disegno di legge in onda: “Avevo promesso che non sarebbe stato più possibile trasmettere l’immagine dei poliziotti e dei gendarmi sui social network. Questa promessa sarà mantenuta, poiché la legge vieta la trasmissione di queste immagini».

“Questa richiesta non è una novità, poiché è stata formulata dal nostro sindacato dal 2016, dopo l’attentato di Magnanville, durante il quale un paio di poliziotti sono stati uccisi a casa loro”, ha detto a Mediapart il segretario generale della polizia dell’UNSA, Thierry Clair. “Abbiamo chiesto che le foto degli agenti di polizia pubblicate dalla stampa siano sfocate e che sia vietato pubblicare le loro immagini sui social network».

Tuttavia, questo desiderio di proteggere i funzionari pubblici sta rapidamente diventando un pretesto per chiedere che i funzionari delle forze dell’ordine non siano più ripresi o identificati sulle immagini scattate nel corso delle loro attività. Tanto più che con l’evoluzione della telefonia e la moltiplicazione dei social network, la violenza della polizia, soprattutto durante i movimenti sociali come le manifestazioni contro la loi travail del 2016 può essere documentata più facilmente di quanto non sia stata finora.

Così, nel 2018, in una lettera del 5 novembre, il sindacato di polizia Alliance ha chiesto al ministro dell’Interno, Christophe Castaner, di vietare le riprese degli agenti di polizia, “molto preoccupato per l’esistenza di abusi del diritto di catturare la loro immagine quando si trovano sulla pubblica via o in uno spazio pubblico nell’esercizio delle loro funzioni”.

Secondo il sindacato, “al di là della questione del diritto all’immagine degli agenti di polizia, la posta in gioco è la loro sicurezza”, con la diffusione di video sui social network che li espone a “essere riconosciuti e ad essere, essi stessi o le loro famiglie, vittime di rappresaglie”. Tale divieto, che comporta “una modifica legislativa alla legge del 29 luglio 1881 sulla libertà di stampa e di espressione”, non deve riguardare solo “gli agenti di polizia in intervento”, ma anche, “e per estensione, le forze dell’ordine”.
Così, lanciato nella primavera del 2019 dalla direzione generale della polizia nazionale, lo scorso febbraio era ancora in corso uno studio legale per controllare più rigorosamente la distribuzione dei video, in particolare da parte degli agenti di polizia che si confondono.

Contattato all’epoca da Mediapart, il sociologo Sebastian Roché, direttore della ricerca del CNRS e specialista dei rapporti tra la polizia e la popolazione, aveva già avvertito: “Filmare la polizia è per il momento protetto dalla legge. Ma come tutte le libertà, è fragile e c’è sempre la possibilità di limitarla, soprattutto perché ci sono molti tentativi in tal senso, prima di tutto da parte dei sindacati di polizia.

E oggi tutti i sindacati della polizia sono davvero soddisfatti. “Volevamo il divieto di riprendere e trasmettere. Forse siamo stati un po’ troppo avidi”, ha detto a Mediapart Stanislas Gaudon, vice segretario generale del sindacato Alliance. Oggi, l’offuscamento appare nel disegno di legge, il che è un buon passo avanti”, continua. In caso di infrazione, un anno di carcere e una multa di 45.000 euro non è enorme, è normale. Ma non basta semplicemente ricordare alla gente la legge. La sanzione dovrà essere eseguita».
Lo spirito dell’articolo 24 ricorda quello che il ministro dell’Interno ha detto il 23 settembre scorso su France Inter: “Quando le manifestazioni diventano violente, non è la polizia. Sono loro le vittime di violenza. »

“Verso uno stato di polizia? “, ha detto il sindacato dei magistrati in un comunicato stampa del 4 novembre. Secondo il sindacato, l’obiettivo di questo testo era “ridurre ulteriormente il controllo democratico su ciò che è in gioco, con le forze dell’ordine che diventano le uniche a sfuggire agli onori delle telecamere”. Lo stesso giorno, l’ONG Reporter senza frontiere (RSF) ha messo in guardia dai pericoli per la libertà di stampa.

Come coprire una dimostrazione dal vivo? Di fronte a un giornalista che li filma, la polizia potrebbe presumere che le sue immagini siano trasmesse in diretta con lo scopo di danneggiarle e potrebbe poi arrestarlo in flagranza e perseguirlo”, ha detto l’ONG. Anche se il rischio di condanna è considerato basso, il giornalista sarà stato arrestato e gli sarà impedito di coprire i fatti».

La nozione di dolo in questo articolo riguarda sia i giornalisti che i cittadini. Questa intenzione può essere valutata solo davanti a un magistrato. L’intento è un concetto soggetto a interpretazione e difficile da caratterizzare”, avverte RSF. Tutte le immagini che mostrano agenti di polizia identificabili e trasmesse dai media critici, o accompagnate da commenti critici, potrebbero essere accusate di aver cercato di fare del male a questi agenti di polizia. Per i giornalisti, l’incertezza giudiziaria è reale e il rischio di una condanna esiste. »
Una delle critiche più dure è arrivata dal Difensore dei diritti umani, in un parere espresso il 5 novembre. In particolare “preoccupata per le restrizioni proposte alla diffusione delle immagini”, Claire Hédon ha ritenuto che “questo disegno di legge solleva notevoli rischi di violazione di diversi diritti fondamentali, in particolare del diritto alla privacy e alla libertà d’informazione”.
Per quanto riguarda l’articolo 24 sull’immagine degli agenti di polizia, ha ricordato che “ogni agente di polizia o gendarme ha il diritto al rispetto della sua vita privata, protetta in particolare dall’articolo 226-1 del Codice penale, ma nell’esercizio delle sue funzioni e al di fuori dei luoghi privati, non può opporsi alla registrazione di immagini o suoni”. …] La libertà di informazione, sia essa fornita da un giornalista o da un privato, ha la precedenza sul diritto all’immagine o al rispetto della vita privata, purché tale libertà non violi la dignità della persona».
Il Difensore dei diritti umani ritiene che le immagini degli interventi della polizia “siano legittime e necessarie per il funzionamento democratico del Paese e per l’esercizio delle proprie missioni di controllo del comportamento delle forze di sicurezza”. A titolo di avvertimento, conclude che “seguirà con la massima attenzione il proseguimento delle discussioni parlamentari.

 

police brutality, malapolizia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20

Così don Gallo festeggiò i suoi 73 anni

Il 18 luglio 2001 Andrea Gallo festeggiò a modo suo i suoi 73 anni. Il giorno appresso era in piazza a Genova

Genova, vent’anni dopo: da dove si ricomincia? L’assemblea in dirett...

Genova, domani 20 luglio tutti in piazza Alimonda. Oggi l'assemblea nazionale dei movimenti