10 C
Rome
giovedì 6 Maggio 2021
10 C
Rome
giovedì 6 Maggio 2021
HomemalapoliziaFrancia, Macron criminalizza l'"ultra-sinistra"

Francia, Macron criminalizza l'”ultra-sinistra”

L’antiterrorismo francese sta costruendo un teorema contro cinque attivisti solidali col Rojava. La testimonianza dei familiari [Camille Polloni

Nella loro tranquilla casa in campagna, i nonni di C., 30 anni, hanno preparato delle frittelle. Sua madre e suo fratello si sistemano nel soggiorno, due dei suoi compagni di stanza li raggiungono vicino al fuoco. Per più di tre mesi, questa famiglia allargata ha vissuto al ritmo delle visite, delle lettere e dei viaggi alla prigione femminile di Fleury-Mérogis. C. è stata accusata di associazione terroristica criminale e posta in detenzione preventiva, e rischia fino a dieci anni di prigione.
L’8 dicembre 2020, alle 6 del mattino, la DGSI ha arrestato nove persone a Tolosa (Haute-Garonne), Rennes (Ille-et-Vilaine), Vitry-sur-Seine (Val-de-Marne) e Cubjac (Dordogna). Questa ondata di arresti è il risultato di un’inchiesta giudiziaria aperta dal procuratore nazionale antiterrorismo (Pnat) nell’aprile 2020. Prende di mira un gruppo di “ultrasinistra” sospettato di “pianificare azioni violente” contro le forze dell’ordine. Sulla base di mesi di intercettazioni telefoniche e registrazioni audio, il tribunale li ha accusati di aver maneggiato esplosivi e armi.
Sei uomini e una donna sono stati infine incriminati l’11 dicembre dal giudice istruttore Jean-Marc Herbaut per cospirazione criminale in relazione a un’impresa terroristica criminale. Cinque persone sono state imprigionate, le altre due messe sotto sorveglianza giudiziaria. La maggior parte di loro si definisce come attivista “libertario, ambientalista, pro-curdo, femminista e anti-razzista”, come indica il sito web del loro comitato di sostegno; altri non lo fanno.
Il ministro dell’Interno si è subito congratulato con i poliziotti della DGSI, che “proteggono la Repubblica contro coloro che vogliono distruggerla”. “Grazie ancora una volta per la loro azione contro questi attivisti violenti dell’ultrasinistra”, ha aggiunto Gérald Darmanin. Nell’entourage dell’accusato vengono pubblicati diversi tribuni.
Il “progetto” esatto attribuito a questi trentenni, alcuni dei quali sono sulla lista S, rimane poco chiaro. La DGSI ritiene che Florian D., partito per combattere Daesh con le forze curde, da marzo 2017 a gennaio 2018, abbia creato una sorta di gruppo armato al suo ritorno in Francia. Nel suo camion, scrive la stampa al momento degli arresti, la polizia ha scoperto “prodotti usati per fare TATP” (un esplosivo), “palle d’acciaio, un fucile a canne mozze, un revolver, un coltello e munizioni”.
Il suo ritratto così tracciato si adatta perfettamente ai timori espressi da alcuni anni dai servizi segreti francesi sui francesi che sono tornati dal Kurdistan. Alle loro “fantasie”, risponde il “Collectif des combattantes et combattants francophones du Rojava”, in una tribuna a sostegno di Florian D.: “Quando siamo tornati a casa, non ci aspettavamo di ricevere la Legion d’onore, e nemmeno di essere ringraziati da qualcuno, ma non potevamo immaginare che saremmo stati designati come nemici dell’interno e trattati alla pari dei jihadisti che avevamo combattuto. ”
Ritratto come il “leader” del gruppo, Florian D., 36 anni, è l’unica comunanza evidente tra tutti gli imputati, la maggior parte dei quali non si conosce. C. è presentata come sua compagna e complice. Secondo diverse persone vicine alla giovane donna, i due si frequentavano ma la loro relazione non era segreta. Gli inquirenti la sospettano, in ogni caso, di aver accompagnato Florian D. nell’Indre, nella primavera del 2020, dove si sarebbe tenuto un “campo di addestramento” e di fabbricazione di esplosivi, con la scusa di praticare l’airsoft [un’attività ricreativa con pistole a pallini].
La mattina dell’8 dicembre, C. e le sue quattro compagne di stanza sono state svegliate dallo schianto della porta a vetri della loro casa di Rennes. Circa 15 poliziotti avevano appena sfondato la porta, anche se non era chiusa a chiave.
“Ho pensato che fossero degli ubriachi che erano venuti nella casa sbagliata, o dei ladri”, ricorda Bénédicte*, 37 anni, che si è precipitata di sopra alla sua porta. “Abbagliata da una luce”, è stata respinta nella sua stanza da uno scudo. La sua compagna di stanza Aurélie*, 33 anni, sente i poliziotti investire ogni stanza, “gridando: “Mani sulla testa! agli occupanti”. “In preda al panico”, è rimasta “rintanata nel [suo] letto finché qualcuno non ha aperto la porta”.

Ammanettati nelle loro stanze, i coinquilini sono sorvegliati da poliziotti armati, incappucciati e silenziosi. Aurélie “continuava a chiedere loro: ‘Cosa sta succedendo, cosa sta succedendo? Non ho capito. Nella mia testa, stavo per essere arrestata. “Non ci hanno detto che era antiterrorismo, o che venivano per C.”, dice Bénédicte, cercando di decifrare i distintivi sulle uniformi. Finalmente capiscono che la DGSI è entrata nella loro casa. Non sapevo esattamente cosa fosse la DGSI”, dice Aurélie. Ho pensato che fosse una cosa molto seria. ”
Nel frattempo la polizia ha trovato C., dice sua madre. “Li ha sentiti arrivare e li stava aspettando, con le mani in alto. Si disse di non farsi prendere dal panico perché avrebbero potuto ucciderla. Uno di loro le ha puntato la pistola al petto. Era in mutandine, dopo un po’ ha chiesto di mettersi una maglietta. Non è stata colpita, ma è stato violento.

Dopo un’ora, la polizia ha portato tutti i coinquilini in soggiorno, tranne C., e li ha fatti sedere intorno al tavolo. “Non ci era permesso di parlarci. È durato poco più di due ore. I poliziotti parlavano di tutto e di niente, facendo a turno. Facevamo domande, ma la loro unica risposta era: “Ne sentirete parlare sui giornali”. ”
La DGSI ha perquisito la stanza di C., ha sequestrato il suo materiale informatico e la scatola in casa. Tre ore dopo il loro arrivo, i poliziotti se ne sono andati con la sospettata, alla quale hanno messo un cappuccio. “Ci siamo solo scambiati degli sguardi”, ricorda Aurélie. “All’improvviso ci hanno tolto le manette e questo è quanto. “Tutto questo deve lasciare delle conseguenze”, commenta la nonna di C., scuotendo la testa.
I coinquilini avvertono immediatamente Pierre-Henri*, il fratello di C., che vive nella stessa città. Fino a sera, chiamano insieme gli avvocati e cercano il luogo in cui si trova C., che è in custodia presso gli uffici della DGSI a Levallois-Perret. “È stata trasportata da Rennes a Parigi in treno, con occhiali scuri, una maschera e le manette nascoste”, dicono i suoi parenti.
Segnati dalla “violenza dell’arresto”, non sanno ancora oggi di cosa sia accusata precisamente C. “È un affare politico”, dice suo fratello, che, come lei, frequenta ambienti militanti. “Condividiamo la sua visione politica, ma questa visione politica non è criminale”, aggiunge Bénédicte. “è una persona impegnata, sì, ma cosa hanno inventato? “Sapere che C. è in prigione, per tutti noi, è semplicemente insopportabile”, aggiunge sua nonna.
Chi è vicino a C. non fa mistero delle cause che difende. Femminista ed ecologista”, C. è volontaria in “associazioni di solidarietà con gli esiliati”, una delle quali “contratta case per trovare alloggio a persone in strada”. Disegna volantini per le manifestazioni. È una ragazza molto pratica”, dice Bénédicte. Aiutava nelle case di accoglienza, con il bricolage, l’elettricità e la pittura. Facciamo il giardino insieme a casa, lei conosce molto bene le piante, è vicina alla natura. ”
Al momento del suo arresto, C. stava per iniziare la formazione come autista di ambulanza, dopo un primo corso di formazione. La sua famiglia ricorda che aveva già “fatto campi estivi con persone disabili o giovani in difficoltà sociale, lavorato nel settore dei servizi e dato corsi”. “È molto altruista, nell’aiutare e nell’ascoltare, anche se significa dimenticare se stessa a volte. ”
La famiglia e gli amici di C. sono indignati per le accuse mosse contro di lei. Bénédicte parla di una “montatura da parte della polizia”, che “non avviene in un momento qualsiasi”: “L’antiterrorismo è qualcosa che sventolano per spaventare la gente. Venire a metterci addosso questa etichetta di ‘ultrasinistra’ non significa nulla. C. è stata strappata da noi, sta vivendo tutto questo da sola, è disumano. ”
“Sono passate diverse settimane da quando si sbracciavano sul tema “dobbiamo rompere il blocco nero””, aggiunge Pierre-Henri. Vogliamo avvertire la gente che l’antiterrorismo riguarda tutti. Ogni volta che leggi ultra-repressive vengono applicate a minoranze di persone, ciò implica un indurimento dell’intera società. E funziona molto bene. ”
Sconvolto dalla sorte di sua sorella, è anche sorpreso dal trattamento di Florian D., “partito per il Rojava per sostenere la rivoluzione ambientalista, femminista e comunista condotta dai curdi contro due stati fascisti, la Turchia e lo Stato Islamico”. “I curdi sono teoricamente nostri alleati”, conclude suo nonno.
Dall’arresto di C., questa è la prima volta che i suoi parenti si confidano con lui. “Tutto quello che diciamo può avere delle ripercussioni”, si preoccupa Benedicte, temendo che questo o quell’elemento sia “usato contro di lei”. Nelle loro lettere a C., i suoi amici rimangono vaghi. Non so nemmeno se posso parlare con lei di cose che sono anche lontanamente legate alle questioni militanti: un libro, un programma radiofonico…”, dice Aurélie. Anche sua nonna scrive lettere “da una barca”.
Pochi membri della famiglia sanno che C. è in prigione. Lo tengono segreto per il momento e seguono la situazione da vicino. Come tutti i parenti dei prigionieri, le nostre vite hanno una linea temporale diversa”, dice Benedicte. Quello che succede a C. sconvolge molte vite intorno a lei. Siamo aggrappati a qualcosa. ”
“Sugli ultimi gradini, sono stato trattenuto da quattro pistole
Tra le nove persone arrestate l’8 dicembre 2020, due sono rilasciate senza processo alla fine della loro detenzione. Clo M., 35 anni, è uno di loro. Il suo compagno, S. G., 36 anni, è stato incriminato e imprigionato.

“Sugli ultimi gradini, vengo bloccato con quattro colpi di pistola”

Delle nove persone arrestate l’8 dicembre 2020, due sono state rilasciate senza accuse dopo la custodia della polizia. Clo M., 35 anni, è una di loro. Il suo compagno, S. G., 36 anni, è stato incriminato e imprigionato. Lui è un “pirotecnico di effetti speciali” a Eurodisney, lei è un operatrice del cinema e della televisione. In coppia da quindici anni, possiedono una piccola casa a Vitry-sur-Seine.
La mattina dell’8 dicembre 2020, Clo M. ha sentito un rumore al piano di sotto e ha pensato che si trattasse di “ladri”. Corre giù per le scale in mutande e maglietta, sperando che la sua presenza “li faccia scappare”. “Sugli ultimi passi, sono bloccata da quattro pistole. Il mio compagno mi passa davanti, si ferma di colpo quando vede che è la polizia. Lui viene afferrato per i capelli e tirato a terra, io per le braccia. Ci separiamo in un secondo. ”
La polizia dice loro che sono in custodia per associazione terroristica criminale. Clo M. non può crederci. “La polizia ha detto loro che erano stati presi in custodia per associazione a delinquere, e Clo M. non poteva crederci. Ero stata ad una dimostrazione i due sabati precedenti, quindi ho pensato che avesse qualcosa a che fare con quello. Era così folle. Non riuscivo a pensare, avevo paura. ”
Ammanettata a una poltrona, Clo M. ha visto una trentina di poliziotti intervenire nella casa: gli artificieri, il “gruppo di supporto operativo”, la squadra cinofila che teneva al guinzaglio i due cani della coppia. Era presente durante una parte della perquisizione, che è durata dieci ore. “Ho un sacco di computer, hard disk, chiavi, macchine fotografiche e fotografie. Questo è quello che faccio. C’è voluto del tempo. ”
Verso le 14:30, Clo M. è stata portata alla DGSI in un’auto, incatenata e incappucciata. Non era mai entrata in una stazione di polizia contro la sua volontà. Dopo un’ora in cella, la polizia l’ha trasportata a Seine-et-Marne per una nuova perquisizione: quella di un mezzo pesante trasformato in camper, appartenente alla coppia. Non aveva mangiato dal giorno prima e la temperatura era al di sotto dello zero. “Anche loro riuscivano a malapena a scrivere, avevano così freddo. “Lì, la polizia sequestra un computer e “prodotti legati agli effetti speciali”.
Allo stesso tempo, altri funzionari hanno perquisito una yurta nel Vaucluse, su un terreno appartenente alla madre di S. G. È stata interrogata sul posto, in condizioni di libera udienza. Clo M. ha poi saputo che la polizia aveva preso “una balestra comprata in un negozio di armi” e “un taglierino portato dalla Nuova Caledonia, che usiamo per farci strada tra i cespugli”. A Vitry, la polizia ha anche sigillato un fucile. “Appartiene al mio bisnonno e ovviamente non è carica. Mio padre me l’ha prestato per un video rock, perché pensavo fosse carino. Ho degli screenshot che lo provano. ”
Di ritorno a Levallois-Perret la sera, Clo M. si fa sentire per la prima volta. Per tre ore, la polizia le fa “domande politiche molto generali”: “Cosa penso degli antifas, del black bloc, della Repubblica di Macron, della violenza nelle manifestazioni, dove ho viaggiato? “Clo M. risponde a tutto. “Sentivo che non avevo niente da fare lì e che forse questo avrebbe permesso loro di rendersi conto del loro errore. ”
Durante l’interrogatorio successivo, la polizia vuole conoscere le sue posizioni sul Rojava, la causa curda, gli mostrano “foto di bandiere”. L’hanno anche interrogata sulla relazione della coppia con Florian D. La giovane donna ha accettato di rispondere solo su ciò che la riguardava direttamente. Dal terzo interrogatorio, ha deciso di rimanere in silenzio. Come la maggior parte degli altri detenuti.
Nella sua cella insonorizzata, che viene filmata continuamente, Clo M. si tira il suo “cappuccio da panda” sugli occhi e cerca di fare yoga. Ha il tempo di pensare al ruolo che la polizia le sta dando: “una specie di alibi per S.”. Gli investigatori citano estratti di intercettazioni telefoniche, insistono sulla professione del marito. “Cercano di distorcere la realtà per adattarla alle loro teorie. Tutto diventa incriminante. Sì, stiamo parlando di trucchi, dispositivi infiammatori. Questa è la sua professione”.

“Mi hanno chiesto cosa penso delle politiche di Emmanuel Macron”

Con sua sorpresa, Clo M. è stata rilasciata il venerdì mattina, dopo tre giorni di custodia della polizia. “Mi hanno detto diverse volte che sarei stato trasferito, quindi ho pensato davvero che lo sarei stato. Nella mia testa, dopo sarei stato detenuto. Ma mi hanno rimesso il cappuccio in testa per uscire in macchina, e mi hanno lasciato davanti alla metro con la mia borsa”. Chiama la suocera, torna a Vitry, scopre che in sua assenza gli amici della coppia hanno fatto un po’ di ordine e dato da mangiare ai cani.
Clo M. aspetta il ritorno di S. G., senza sospettare che sarà messo in detenzione provvisoria. Ha ottenuto un permesso di visita dopo un mese, dopo il suo periodo di isolamento, e ha iniziato a visitarlo nella sala visite. “Ha chiesto subito di fare delle attività, allenamento, ma lo status di “terrorista” complica tutto. Non gli è nemmeno permesso di andare in biblioteca, i guardiani scelgono i libri per lui. Ha perso molto peso, è pallido e triste, il suo viso è tirato, ma sta un po’ meglio rispetto all’inizio.
Per Clo M., il “trauma” rimane intenso. “Sono stata arrestata in un giorno ‘normale’, quindi sento che potrebbe accadere a me in qualsiasi momento. Quando sento una porta che sbatte o una sirena, penso che sia per me. “Sta ancora cercando di recuperare la sua auto e il suo materiale informatico, sequestrato durante la perquisizione, che le serve per il lavoro. Alcuni datori di lavoro non la chiameranno più. “Sono statoa onesta, ho detto loro cosa è successo. Mi sento come un’appestata”.

Viviamo in una specie di film in cui abbiamo difficoltà a capire i pro e i contro”, spiega Mélanie*, un’amica della coppia. Dal momento in cui abbiamo saputo che sono stati accusati di “terrorismo”, è stato ultra inquietante. “Descrive due trentenni provenienti da un “background punk-rock”, piuttosto “anti-sistema”, ma che non hanno nulla da rimproverarsi. “S. non è mai stato violento, nelle manifestazioni o altrove. Non ha combattuto. Ha fatto una sola custodia, senza azione, nel dicembre 2019, perché è stato arrestato con una maschera antigas mentre scendeva dall’autobus della CGT. “Melanie ritiene che “la sua professione, delicata ma autorizzata, sia stata usata contro di lui”.
Tre mesi dopo la prima ondata, altri arresti antiterrorismo hanno avuto luogo l’8 febbraio 2021. Quella mattina, la polizia ha arrestato una giovane donna di 23 anni, in Dordogna. Era l’ex compagna di stanza di due imputati, William D. e Bastien A. Ha passato tre giorni in custodia della polizia a Bordeaux, poi a Levallois-Perret, prima di essere rilasciata senza accuse. Con il senno di poi, è sorpresa dei “mezzi sproporzionati” impiegati per “un attacco pianificato che non esiste”.
Sempre l’8 febbraio, Marianne, di 28 anni, che si sta formando come educatrice specializzata, è stata arrestata a Ustaritz (Pyrénées-Atlantiques). Anche lei pensava all’inizio che si trattasse di ladri, ma era davvero il Raid che aveva appena sfondato la sua porta. “Avevo la certezza che sarei morta, non dimenticherò mai questa paura. ”
Durante il primo confino, nella primavera del 2020, Marianne si era rifugiata per qualche settimana in Dordogna, a casa di William D. e Bastien A. Florian D. e il suo amico C. si erano uniti a loro, con il loro camion. La polizia ha perquisito lo studio di Marianne. Hanno sequestrato il suo computer, il suo hard disk, il suo telefono, hanno perquisito la sua auto e poi l’hanno portata a Bayonne, incappucciata.
La studentessa fatica a capire cosa vogliono da lei gli investigatori della DGSI di Parigi. “Prima mi hanno chiesto se ero iscritta a un partito, cosa pensavo della politica di Emmanuel Macron, delle persone che non hanno la carta blu, del Rojava. “Man mano che gli interrogatori vanno avanti, le domande si concentrano “sulla disposizione della casa e su Florian”. Marianne ricorda un ragazzo che era “gentile, colto, disponibile”. Le si parla più chiaramente di armi, esplosivi, “addestramento paramilitare”. “Non ne so niente. Queste sono cose che non fanno parte della mia vita. Non sono una politicante. ”
Da questa custodia, Marianne conserva il ricordo del “disprezzo” mostrato dagli agenti di polizia e della propria “ingenuità”. “Sono rimasta sorpresa che i due ragazzi della DGSI non mi abbiano nemmeno salutato quando sono stata rilasciata. Erano le 18:30, ho chiesto un foglio per poter uscire dopo il coprifuoco. Il poliziotto mi ha fotocopiato un certificato a Sud-Ouest. ”
La giovane donna è tornata dai suoi genitori, agricoltori, e da allora non è più tornata a dormire nel suo studio a Ustaritz. Ha dovuto informare la sua scuola, il suo luogo di formazione, il suo padrone di casa, “che deve riparare una porta rotta dal Raid”, della sua custodia. Per il momento, non può recuperare i suoi beni, che sono stati messi sotto sigillo. “È importante che la gente sappia come vanno le cose. Se la polizia mi avesse mandato una convocazione, avrei risposto allo stesso modo, dato il mio computer e i miei codici. ”
Si è tentati di paragonare questo caso all’ultima incursione dell’antiterrorismo nello spettro “ultra-sinistra” nel 2008. La polizia era allora sbarcata a Tarnac, un villaggio della Corrèze, e in altri dipartimenti, per arrestare una dozzina di persone che si suppone appartengano al “movimento di ultrasinistra, anarco-autonomo”. Il gruppo, che Julien Coupat doveva guidare, è stato poi accusato di aver commesso un sabotaggio sui binari dei treni ad alta velocità.
Dieci anni dopo, questa inchiesta, condotta con i mezzi dell’antiterrorismo, ampiamente screditata dall’azione della difesa, ha portato a un processo di diritto comune e a un’assoluzione quasi generale. Da allora, il Pnat (Procura Nazionale Anti-Terrorismo) non si è più occupata di casi legati all'”ultra-sinistra”, nonostante le ripetute richieste della procura di Grenoble dopo gli incendi dolosi con connotazioni politiche.
Tuttavia, il caso dell’8 dicembre non ha suscitato lo stesso clamore politico e mediatico del caso Tarnac. A parte un tweet di Gérald Darmanin e alcuni commenti di Laurent Nunez, il coordinatore nazionale dell’intelligence, questo caso ha ricevuto relativamente poca copertura. Solo Le Parisien e Le Point hanno pubblicato, subito dopo gli arresti di dicembre, i primi elementi dell’inchiesta e hanno descritto “il profilo insolito” di alcuni degli imputati, sulla base delle loro audizioni in custodia e dei rapporti di polizia.
Da allora, il giudice istruttore ha continuato il suo lavoro in silenzio. Così come gli avvocati della difesa, che non hanno voluto parlare in questo articolo. A metà febbraio, gli imputati sono stati interrogati nel merito. Nuove audizioni sono previste nelle prossime settimane.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europa, 670mila case appartengono a 200 grandi investitori

Un'indagine in sedici paesi europei rivela la portata della finanziarizzazione degli alloggi sulla vita di milioni di abitanti [Alexander Abdelilah e Mathieu Périsse/We Report]

Madrid è un po’ più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Regionali a Madrid: Ayuso (PP) guadagna 35 seggi. La sinistra si sgretola a causa della sconfitta del PSOE. Vox mantiene i suoi seggi

Il lago che continua a combattere

Dopo l'ennesimo scontro con il costruttore Pulcini, Attivisti e attiviste del Lago Ex-Snia hanno ottenuto l'attenzione della Regione Lazio

Chi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Alexei Navalny è davvero come lo dipingono gli influencer del Cremlino? La storia del principale oppositore di Putin [François Bonnet]

Macron fa la guerra ai disoccupati

Assicurazione di disoccupazione, il sindacato Cgt ha fatto i conti per verificare la riforma di Macron: è una bomba contro i precari [Cécile Hautefeuille]