15.3 C
Rome
venerdì 7 Maggio 2021
15.3 C
Rome
venerdì 7 Maggio 2021
HomemondiUlster, cent'anni di tortura, colonialismo e discriminazioni

Ulster, cent’anni di tortura, colonialismo e discriminazioni

In Irlanda del Nord, il 3 maggio si celebra un centenario divisivo [Juliette Démas]

Belfast (Irlanda del Nord) – Dal 2012, i centenari si susseguono sull’Isola di Smeraldo: la firma del Patto dell’Ulster, la Rivolta di Pasqua, la Guerra d’Indipendenza irlandese… Un decennio di commemorazioni che si concluderà nel 2022 con la creazione dello Stato Libero Irlandese. Alcuni di questi anniversari sono stati controversi, ma raramente così controversi come quello che l’Irlanda del Nord sta per celebrare lunedì 3 maggio.
Gagliardetti, tamburi, murales e bandiere adornano le case dei quartieri unionisti di Belfast. In queste zone, la gente guarda a Londra e venera la monarchia. Scorte di pallet aspettano di bruciare nei falò, i suonatori di flauto provano nei parchi e alcuni residenti possono ancora essere visti appollaiati sulle loro scale per appendere ghirlande della Union Jack. I residenti sono “britannici” piuttosto che “nordirlandesi” e vedono il centenario come una buona notizia: una possibilità di celebrare ciò che hanno voluto e ottenuto – la creazione di un territorio prevalentemente unionista sull’Isola di Smeraldo.
Ma la nascita della provincia ha un corollario: la divisione dell’isola d’Irlanda, fino ad allora un solo paese. Di fronte al desiderio di indipendenza degli irlandesi e alla generalizzazione del dibattito sull’autonomia, il governo britannico decise all’inizio del XX secolo di isolare sei contee del nord favorevoli al suo potere. L’Irlanda del Nord è nata come una soluzione temporanea per calmare i disordini, e deve essere rivisitata da una commissione incaricata di ridisegnare il confine. Sfortunatamente, è diventato permanente.
La partizione era un modello usato in tutto il mondo all’epoca per affrontare le complesse questioni dei movimenti nazionalisti e il desiderio di autodeterminazione dei popoli”, dice Katy Hayward, professore di sociologia politica alla Queen’s University di Belfast. Oggi, questo evento è amato e celebrato dagli unionisti perché mantiene l’Irlanda del Nord nel Regno Unito. Ma è un trauma per i nazionalisti e l’argomento del centenario ha dovuto essere affrontato con cura…”
“Stiamo attenti alle parole che usiamo”, ammette Stephen Gough, che è incaricato di organizzare le cerimonie nelle zone unioniste di Belfast est con il gruppo NI100, formato per l’occasione. “Se parlo con la mia comunità, dico che stiamo festeggiando. I nazionalisti preferiscono dire che stiamo segnando l’occasione, e altri vogliono ancora parlare di commemorazione…” Impossibile, secondo lui, trovare una soluzione consensuale perché tutti partecipino a questo anniversario: “Qui, siamo tutti d’accordo di non essere d’accordo!”
Non si aspetta nulla dai nazionalisti, tranne un relativo “laissez-faire”. “Quando organizzano i loro eventi, come il giorno di San Patrizio, noi guardiamo dall’altra parte. Fanno lo stesso quando è il nostro turno. Stranamente, funziona abbastanza bene. “Le feste di quartiere e le parate rimarranno quindi confinate nella comunità.
Piuttosto che soffermarsi sulle divisioni, Stephen preferisce elencare le celebrità e le invenzioni che sono nate nella zona. “George Best andava a scuola proprio in fondo alla strada. Siamo anche molto bravi negli sport motoristici e questo paese ha ospitato Liam Neeson, gli Undertones…” Anche i leader si sono concentrati su eventi di consenso: una conferenza sugli investimenti, una rosa da presentare alla regina… L’enfasi è sullo sport, il cibo e la cultura. Ma anche i piani più modesti sono problematici: l’uso del volto del poeta Seamus Heaney su un poster ha scatenato tanto ira quanto ilarità. Mentre il premio Nobel era effettivamente nato in Irlanda del Nord, ha affermato di essere un nazionalista. “Sappiate che il mio passaporto è verde / E che nessuno dei nostri bicchieri è mai stato alzato per la regina”, ha scritto.
Nei quartieri repubblicani sono stati affissi manifesti che denunciano il “centenario dell’oppressione: cento anni di pogrom, discriminazione sul lavoro, collusione, tortura, settarismo, colonialismo…” È un argomento delicato”, dice Paul, una guida turistica. L’idea stessa di celebrare uno stato che è stato creato, contro la nostra volontà, per discriminarci e opprimerci, è rivoltante. Anche gli unionisti dovrebbero rendersene conto! “Desidera che la provincia non raggiunga i 150 anni e preferisce riferirsi ad essa come alle “sei contee occupate”. Cento anni dopo, l’incapacità di unirsi sotto un’unica bandiera per commemorare dimostra che il problema rimane. “Raramente si parla dell’Irlanda del Nord come di un luogo con una propria identità: essere nordirlandese significa cose molto diverse per persone diverse. Per i cattolici e i nazionalisti, significa venire dal nord dell’isola; per i protestanti e gli unionisti, è una versione avanzata della loro identità britannica”, dice Katy Hayward. Tra i due, giovani e vecchi sono stanchi delle ostilità. Continua: “Quando si guardano gli accordi di pace, si parla di riconciliazione – un termine che è stato rapidamente dimenticato. Invece, si parla di un futuro condiviso, di comunità unificate, come se l’idea della riconciliazione fosse troppo da chiedere. ”
Nonostante i preparativi, il partito della parte unionista avrà difficoltà a mascherare l’ansia della comunità. “Bisogna dire che abbiamo problemi più urgenti di questo centenario…”, fa una smorfia un locale. Tra le dimissioni del capo del governo Arlene Foster, l’urgenza di trovare un nuovo leader unionista e le molteplici azioni di disobbedienza civile per mostrare l’opposizione al confine nel Mare d’Irlanda, gli unionisti sono in allerta. Diverse serate di violenza nelle strade hanno risvegliato vecchie ansie, e ci si prepara a una lunga estate di manifestazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europa, 670mila case appartengono a 200 grandi investitori

Un'indagine in sedici paesi europei rivela la portata della finanziarizzazione degli alloggi sulla vita di milioni di abitanti [Alexander Abdelilah e Mathieu Périsse/We Report]

Madrid è un po’ più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Regionali a Madrid: Ayuso (PP) guadagna 35 seggi. La sinistra si sgretola a causa della sconfitta del PSOE. Vox mantiene i suoi seggi

Il lago che continua a combattere

Dopo l'ennesimo scontro con il costruttore Pulcini, Attivisti e attiviste del Lago Ex-Snia hanno ottenuto l'attenzione della Regione Lazio

Chi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Alexei Navalny è davvero come lo dipingono gli influencer del Cremlino? La storia del principale oppositore di Putin [François Bonnet]

Macron fa la guerra ai disoccupati

Assicurazione di disoccupazione, il sindacato Cgt ha fatto i conti per verificare la riforma di Macron: è una bomba contro i precari [Cécile Hautefeuille]