22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
HomemondiIl peggiore Israele di sempre

Il peggiore Israele di sempre

Mentre gli estremisti israeliani linciano i palestinesi, e i loro caccia bombardano Gaza, è essenziale capire come siamo arrivati a questo  [Yousef Munayyer]

Ho cercato di pensare a un momento dal 1948 in cui una così vasta gamma di palestinesi sia stata esposta a un livello di violenza israeliana così grande come in questi ultimi giorni, e non credo di riuscirci.
Nelle città di tutto Israele, i palestinesi sono stati picchiati e terrorizzati da folle scatenate; un uomo è stato trascinato dalla sua auto e brutalizzato in quello che molti descrivono come un linciaggio. In Cisgiordania, i palestinesi sono stati colpiti e uccisi nei raid dell’esercito israeliano. A Gerusalemme, le famiglie palestinesi, di fronte alla continua minaccia di espulsione, sono state molestate sia dai coloni che dai militari. E in tutta Gaza, gli aerei da guerra israeliani hanno lanciato una bomba dopo l’altra, distruggendo interi condomini. Molti sono morti, molti altri sono stati feriti. Se riusciranno a sopravvivere, vedranno la loro società distrutta quando il fumo si diraderà.
Le origini di questo momento sono tanto ovvie quanto dolorose, ma vanno spiegate e rispiegate a un mondo che troppo spesso non riesce – anzi, si rifiuta – di vedere i veri termini della sofferenza palestinese.
Per capire come siamo arrivati a questo momento, è essenziale iniziare con la storia di Sheikh Jarrah. Quella piccola enclave di Gerusalemme, da cui diverse famiglie palestinesi sono state minacciate di espulsione, è forse la causa più immediata di quest’ultima crisi. È anche solo l’ultima espropriazione mirata dei palestinesi da parte di Israele, che fa parte di un processo durato più di 70 anni.
Dall’occupazione della Cisgiordania nel 1967, il governo israeliano ha perseguito varie politiche volte a ingegnerizzare demograficamente la città di Gerusalemme – di nuovo, tutte con l’obiettivo di assicurare il suo perpetuo dominio sulla città. Tra queste politiche ci sono la costruzione di insediamenti illegali intorno alla città per tagliarla fuori dal resto della popolazione palestinese in Cisgiordania; la restrizione del movimento per negare ai palestinesi l’accesso alla municipalità stessa; la revoca dello status di residenza palestinese, che equivale all’espulsione; e la demolizione di case palestinesi. Gli israeliani espellono anche i palestinesi dalle loro case, come stiamo vedendo a Sheikh Jarrah, per consegnarle ai coloni israeliani.
Queste politiche hanno creato un insieme unico e potente di minacce, umiliazioni e ingiustizie contro i palestinesi di Gerusalemme. Tuttavia, ciò che sta accadendo a Sheikh Jarrah non riguarda solo Gerusalemme, ma riflette l’intera esperienza palestinese. Dall’inizio del colonialismo sionista in Palestina, lo scopo è stato quello di espandere lentamente e costantemente il controllo sul territorio, spingendo fuori la popolazione indigena in un continuo processo di sostituzione. Il più grande episodio di questo è stata la Nakba del 1948, durante la quale le milizie ebraiche e poi lo stato di Israele spopolarono centinaia di città e villaggi, resero profughi quasi due terzi della popolazione araba palestinese, e successivamente negarono il loro ritorno, prima con la forza militare e poi con la forza della legge. Ma il processo non si è fermato lì. Nei decenni successivi, il processo coloniale dei coloni è andato avanti a Gerusalemme, in Cisgiordania e a Gaza attraverso la costruzione di insediamenti, il furto di terre e la forza militare brutale.
Tutto questo sarebbe un sufficiente innesco per questo momento, ma accade anche che abbia luogo in un contesto immediato più ampio, uno in cui la morsa dell’accelerazione del nazionalismo di destra e teocratico si sta stringendo in tutto Israele. Le recenti elezioni israeliane hanno portato i kahanisti – estremisti teocratici ebrei che cercano di negare ogni diritto ai palestinesi e abbracciano la pulizia etnica – in parlamento nel loro numero più significativo di sempre. Gli ideologi di destra hanno a lungo dominato la Knesset, ma mentre la politica israeliana si sposta sempre più a destra, grazie all’impunità garantita a livello internazionale, c’è ora un crescente spazio politico per il razzismo più aperto e diretto che abbiamo mai visto. (Non deve quindi sorprendere che sia esploso nelle strade sotto forma di linciaggi).
Queste nuove profondità di depravazione hanno coinciso con la possibilità che il partito Likud, il cui leader Benjamin Netanyahu ha dominato la politica israeliana più a lungo di qualsiasi altro, rischi di perdere il potere. Questo non è dovuto a una sfida da parte di quelli alla sua sinistra, ma di quelli alla sua destra che cercano di sostituirlo.
Ciò che rende la minaccia alla presa di Netanyahu sul potere particolarmente pericolosa è che egli è forse il politico israeliano più esperto quando si tratta di scatenare la violenza dei suoi seguaci nei momenti di agitazione politica. È una tattica che ha utilizzato spesso, forse la più nota poco prima dell’assassinio del suo rivale politico Yitzhak Rabin da parte di un israeliano di destra nel 1995. Dalle elezioni di marzo, questi estremisti violenti hanno intensificato i loro attacchi contro i palestinesi in tutta la Cisgiordania e si sono scatenati a Gerusalemme, gridando “Morte agli arabi” mentre marciavano nella Città Vecchia. Questi attacchi, pienamente tollerati se non apertamente sostenuti dallo stato, si sono ulteriormente intensificati durante il mese sacro del Ramadan, culminando prima con gli sforzi del governo israeliano di chiudere la Porta di Damasco e poi, infine, con le brutali incursioni che abbiamo visto questa settimana da parte dei militari israeliani all’interno della moschea di Al-Aqsa.
Ancora una volta, questi eventi, da soli, sarebbero stati sufficienti a portare la regione a questo momento volatile e in rapida evoluzione. Ma ci sono stati anche altri eventi e altri cambiamenti, in particolare, forse, la rottura di un esperimento di politica dei cittadini palestinesi di Israele. La Lista congiunta, che riuniva diversi partiti minori, una volta ha raggiunto i 15 seggi nella Knesset israeliana, ma questa volta si è spezzata quando alcuni partiti hanno indicato la volontà di sostenere un governo Netanyahu per il giusto prezzo. Il fallimento di questo esperimento è stato il fallimento dell’idea stessa che i cittadini palestinesi di Israele potessero avere le loro rimostranze affrontate partecipando al governo israeliano. Quando anche questi limitati meccanismi di rappresentanza hanno vacillato, la gente è stata spinta a scendere in strada. Proprio mentre si svolgevano le elezioni, migliaia di cittadini palestinesi di Israele si sono radunati nella città di Umm al-Fahem, portando bandiere palestinesi e cantando della loro amata patria, prefigurando molti degli eventi degli ultimi giorni.
Non è stato solo in Israele che i palestinesi si sono allontanati dalle istituzioni che li hanno delusi. Alla fine di aprile, ai palestinesi di tutta la Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme è stata negata la possibilità di esprimere la loro voce sui loro cosiddetti leader dell’Autorità Palestinese quando il presidente dell’AP Mahmoud Abbas ha rinviato le elezioni palestinesi a tempo indeterminato. Le elezioni, annunciate a gennaio, sarebbero state le prime in 15 anni. Ma Abbas ha annullato le elezioni perché avrebbero potuto rappresentare una seria sfida al suo partito, e al suo governo, poiché Israele non avrebbe permesso ai palestinesi di Gerusalemme di partecipare al voto. La negazione anche di questa limitata opportunità di espressione politica ha senza dubbio contribuito alle mobilitazioni di massa a cui stiamo assistendo.
I veicoli rappresentativi per i palestinesi, in tutta la Palestina, si sono irrimediabilmente rotti. Ma questa potrebbe non essere una cosa negativa, dato che quei veicoli li hanno effettivamente condotti in un vicolo cieco di maggiore frammentazione e occupazione. Mentre molti erano arrivati a questa conclusione molto tempo fa, le mobilitazioni di massa che abbiamo iniziato a vedere diversi giorni fa nelle strade, da Gerusalemme, ad Haifa, Nazareth, al-Lyd, Umm al-Fahem, Ramallah, Gaza, nei campi profughi, e nella diaspora in tutto il mondo hanno dimostrato che una nuova generazione non solo riconosce questo, ma che sta iniziando ad agire su di esso. Queste mobilitazioni di massa che hanno unito i palestinesi mostrano una comprensione condivisa della loro lotta e forse anche la forma embrionale di uno sforzo unito e coordinato contro il colonialismo israeliano in tutte le sue manifestazioni.
La lotta per la libertà è un viaggio costante, con fermate chiamate speranza e disperazione lungo la strada. Mentre gli ultimi giorni mi hanno dato incalcolabili motivi di disperazione, è nella possibilità di uno sforzo unitario palestinese, intravista in questi ultimi giorni, che ho visto un frammento di speranza. Quando la libertà verrà, e quando si scriverà la storia della lotta per essa, spero che questo momento si riveli un momento di trasformazione. A tal fine, tutti abbiamo un ruolo da svolgere, e spetta alle persone che credono nella giustizia essere solidali con i palestinesi oggi e fino alla fine del viaggio.

Yousef Munayyer è uno studioso palestinese americano e non residente presso l’Arab Center di Washington, D.C.

*la Join List, Lista unitaria, è un’alleanza politica di quattro partiti politici a maggioranza araba in Israele: Balad, Hadash, Ta’al e il Partito Democratico Arabo. La Lista Araba Unita ha lasciato l’alleanza il 28 gennaio 2021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]

La global tax del G7, un paradiso per le multinazionali

G7: Le multinazionali vanno in Paradiso (fiscale [Marco Bersani, Attac Italia]

Danae non è più sola

Lo sguardo femminile di Zehra Dogan riscrive il mito di Danae. A Villa Brandolini di Treviso la mostra Danae Revisited  [Eliana Como]