23.2 C
Rome
sabato 19 Giugno 2021
23.2 C
Rome
sabato 19 Giugno 2021
HomemondiBielorussia: Protassevich incarna la rivoluzione di Telegram

Bielorussia: Protassevich incarna la rivoluzione di Telegram

Bielorussia: arrestando il blogger Protassevich con un atto di pirateria aerea, Lukashenko ha provocato una nuova crisi [François Bonnet]

“È chiaro che è stato picchiato. Si possono vedere i segni delle percosse sul suo viso. Il suo naso è rotto, la sua forma è cambiata. Il lato sinistro del suo viso è coperto di fondotinta. Non sono le sue parole, non è il suo tono. Si vede che è nervoso”.
Così Dmitri Protassevitch ha commentato il breve video rilasciato il giorno prima dal governo bielorusso. Si vede suo figlio, Roman, che dice con voce monotona: “Il personale si sta comportando con me in modo del tutto appropriato e secondo la legge.Continuo a collaborare con gli investigatori e ho confessato di aver organizzato disordini di massa a Minsk.
Il 26enne è ripreso in un’inquadratura media dietro un tavolo nella prigione di custodia cautelare n. 1 di Minsk. Esposto come un trofeo di caccia, passa attraverso il rituale della confessione, un grande classico della propaganda sovietica. È stato imprigionato dopo il suo arresto domenica 23 maggio, quando l’aereo Ryanair che aveva preso per Vilnius dalla Grecia è stato dirottato dalle autorità bielorusse, che hanno usato una minaccia di bomba come scusa per costringerlo ad atterrare a Minsk.
Protassevich si unisce a centinaia di giornalisti e migliaia di bielorussi attualmente in prigione. Quasi 35.000 sono stati arrestati dall’agosto 2020. Intervistato lo scorso autunno da Current TV, il giornalista, blogger e attivista di Nexta Live ha spiegato: “Se chiunque esprime un’opinione diversa viene mandato in prigione in questo paese, allora cosa possiamo aspettarci quando si tratta dei più grandi media bielorussi…”
Il 5 novembre 2020, il regime lo aveva inserito nella lista dei “terroristi” ricercati per “disordine di massa, attività criminale, violazione dell’ordine pubblico e incitamento all’ostilità sociale” e minacciato di quindici o venti anni di prigione. La Polonia, dove viveva in esilio dal 2019 prima di trasferirsi in Lituania, aveva rifiutato la sua estradizione.
Anche la sua famiglia è stata costretta a fuggire a Varsavia otto mesi fa. Suo padre, un tenente colonnello che ha servito nell’esercito per 29 anni prima di ritirarsi nel 2019, è stato dichiarato “traditore” per decreto presidenziale il 4 maggio. Sua madre, insegnante di matematica in un’accademia militare, è stata licenziata nell’agosto 2020.
“C’erano minacce, sorveglianza, intercettazioni telefoniche. Hanno iniziato a chiamare i miei amici per convincermi a influenzare mio figlio. Un agente del KGB [servizio di sicurezza bielorusso – ndr] ha incontrato mio marito. Lo hanno esortato a convincere nostro figlio a tornare in Bielorussia”, ha detto la madre del giovane, Natalia Protassevitch, al sito indipendente russo Meduza.
Da domenica, Roman Protassevitch ha probabilmente vissuto nella sua carne alcune delle innumerevoli scene trasmesse per mesi dal canale Nexta, che ha ospitato fino allo scorso autunno. Questa, per esempio, mostra i manifestanti che vengono picchiati da agenti di polizia e guardie mentre entrano nella prigione di Minsk:
Aveva già subito un pestaggio approfondito durante un arresto nel 2017, che seguiva un primo arresto nel 2015. Stava gestendo un gruppo sul social network VKontakte chiamato “Siamo stanchi di Lukashenko”. Allora studente di giornalismo all’Università di Minsk, aveva trasmesso in diretta sui social network proteste che erano state violentemente represse e ignorate dai media statali. Questa copertura è stata premiata con la borsa di studio di giornalismo Vaclav Havel pochi mesi dopo.
Nel 2018, Roman Protassevitch ha incontrato il 22enne Stepan Putilo, anche lui nel mirino delle autorità. Studente di cinema in Polonia, è di base a Katowice e poi a Varsavia. Appassionato di video, Stepan Putilo ha creato un canale su YouTube chiamato Nexta (pronunciato Nekhta, significa “qualcuno” in bielorusso ma è anche un’allusione all’inglese next), dedicato soprattutto a musica e parodie. Nel 2015, ha postato un video dirottando una canzone per deridere Lukashenko e la sua campagna presidenziale per la rielezione. “Questo va avanti da vent’anni e il suo ritratto è ancora sui muri”, dice il testo.
Seguono altri video, più documentati, che denunciano il regime di Lukashenko. Nel 2018, un documentario fa tre milioni di visualizzazioni su YouTube. “Racconta come Lukashenko ha rubato il nostro paese, i nostri sogni, la nostra libertà, il nostro futuro e venticinque anni della nostra vita”, dice Stepan Putilo alla BBC. Un tribunale ha dichiarato il film “estremista” e il regime ha chiesto a YouTube di rimuovere il canale Nexta, cosa che ha fatto in parte perché le regole di copyright di YouTube non erano rispettate.
Putilo e Protassevitch hanno poi deciso di ricreare Nexta e sviluppare le informazioni. Sarà sul sistema di messaggistica criptata Telegram, con un canale, poi due (Nexta TV), e le loro declinazioni sui social network, Instagram, Twitter, YouTube quando possibile (il canale ha 640.000 iscritti). Nessun sito web, la maggior parte si svolge su Telegram, che il potere non può controllare. “Chi, nel 2020, ha bisogno di un sito che qualsiasi funzionario può bloccare con un clic? “, spiega Putilo.
“Siamo pionieri nel cyber-giornalismo, diamo quello che i media statali non mostrano mai”, dice Roman Protassevich, che diventa caporedattore dei canali Telegram e, in particolare, Nexta Live, dove decine di video, foto e storie brevi vengono postati ogni giorno, mentre Putilo si concentra sulla realizzazione di video più lunghi.
Durante i primi mesi del 2020, Nexta aveva alcune decine di migliaia di abbonati su Telegram. L’8 agosto, la vigilia delle elezioni presidenziali che hanno visto Lukashenko rieletto con l’80% dei voti dopo massicci brogli, il canale aveva circa 340.000 abbonati. Tre giorni dopo, aveva 1,2 milioni. Il governo ha commesso l’errore di bloccare i siti web di notizie e molti social network per tre giorni, ma non Telegram, e di ridurre drasticamente la capacità della rete Internet.
Il piccolo team di Nexta – quattro persone in Polonia – capisce che è arrivato il suo momento. “Se non fossimo stati noi, nessuno l’avrebbe fatto”, dirà poi Roman Protassevich. Nexta chiede ai suoi abbonati di rendere accessibile il loro wifi, di utilizzare proxy, moltiplica le istruzioni per utilizzare al massimo la risorsa Internet. E diventa in questi tre giorni l’unico luogo di informazione, scambi, coordinamento per la rivoluzione cittadina che scoppia.
Poche settimane dopo, Nexta ha più di 2 milioni di abbonati, su una popolazione bielorussa di 9,5 milioni. Il principio è semplice: brevi notizie, foto e video postati dai manifestanti o sugli account degli individui su altre reti. Inoltre, ci sono molte informazioni pratiche: dove si trova la polizia, quali strade sono libere di fuggire, quali percorsi per le manifestazioni?
È in gran parte attraverso Nexta che i bielorussi scopriranno la portata della repressione, la violenza delle forze di sicurezza e le parodie dei processi che mandano migliaia di persone in prigione. Ed è anche attraverso Nexta che scopriranno che questa insurrezione tranquilla e pacifica non riguarda solo Minsk ma tutte le città del paese dove, per quartieri o blocchi di edifici, si organizzano reti di solidarietà e collettivi di cittadini.
Molto rapidamente, i canali su Telegram ricevono centinaia di messaggi. “Fino a 1.000 messaggi o informazioni, foto, video al giorno”, dice Roman Protassevitch al sito indipendente russo Meduza. È impossibile controllare tutto, ordinare, dare priorità, ricordare le fonti. Il piccolissimo team con sede in Polonia si assume la responsabilità. Si fanno errori, le cifre sono sbagliate. “Non voglio sapere chi sono le mie fonti, perché se sarò arrestato e torturato, non avrò niente da dire”, dice Stepan Putilo. “Mi sento responsabile di quello che pubblichiamo? Solo per scoprire se porterà la gente più vicina alla vittoria e alla fine della dittatura”, dice Roman Protassevitch alla BBC.
Nexta ha commesso alcuni grossi errori, annunciando che i manifestanti erano stati uccisi dalla polizia e poi negandolo. Ma i suoi canali si sono affermati come l’epicentro della rivolta dei cittadini in corso, dando prima voce e mostrando una popolazione che si scuote dal giogo di un regime in vigore dal 1994 con richieste fondamentali di libertà, democrazia e solidarietà.
A settembre e ottobre, un nuovo ciclo è iniziato quando Nexta ha guadagnato popolarità. Il canale ha pubblicato documenti dei circoli del potere, dei ministeri o dell’alta amministrazione, e ha lanciato una campagna per identificare i responsabili delle forze di sicurezza che avevano realizzato le repressioni più brutali. Sono state pubblicate le liste di migliaia di membri delle forze di sicurezza con le loro identità, indirizzi, funzioni e le violenze che avevano commesso o ordinato, il che ha fatto infuriare il regime.
I media sono stati dichiarati “terroristi”, ma le autorità non hanno potuto metterli a tacere e sono rimasti un luogo d’incontro obbligatorio per tutti coloro che protestavano o volevano seguire la situazione nel paese. A settembre, Roman Protassevitch ha lasciato Nexta e Varsavia per stabilirsi a Vilnius, dove Svetlana Tikhanovskaya, la principale figura dell’opposizione, e la sua squadra hanno sede. Lì, ha preso la responsabilità di un nuovo canale Telegram, BGM, che aveva diverse centinaia di migliaia di abbonati.
Martedì 25 maggio, Nexta Live ha pubblicato alcune decine di messaggi, ognuno con tra 300.000 e 600.000 visualizzazioni, così come migliaia di commenti. Lo stesso giorno, i tribunali del presidente Lukashenko hanno condannato sette oppositori a una pena compresa tra quattro e sette anni di prigione. Il giorno prima, ha firmato un nuovo decreto presidenziale che dà all’esecutivo il potere di vietare qualsiasi media che minacci i “valori nazionali” senza aspettare la decisione di un tribunale.
La settimana scorsa, un altro sito di notizie indipendente, Tut.by, che ha una reputazione di affidabilità ed è molto popolare, è stato bandito con l’accusa di evasione fiscale. Le case dei suoi giornalisti sono state perquisite e il suo direttore arrestato. Il governo dovrebbe approvare un disegno di legge che gli permette di bloccare il 4G e Internet e che proibisce ai giornalisti di coprire raduni non autorizzati e a chiunque pubblichi immagini di essi sui social network.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Novara, un omicidio insanguina lo sciopero della logistica

Un padroncino travolge un sindacalista Adl Cobas a Biandrate nel giorno dello sciopero della logistica

Nicaragua: Ortega fa arrestare la comandante Dos

Nicaragua, il regime di Ortega ha arrestato Dora Maria Téllez, la Comandante Dos, figura di spicco della rivoluzione sandinista

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]