23.7 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
23.7 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
Homequotidiano movimentoLa surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l’Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Photo by Jerónimo Díaz
In nome delle donne zapatiste, dei bambini, degli uomini, dei vecchi e, naturalmente, degli altri, dichiaro che il nome di questa terra, che i suoi nativi chiamano ora “Europa”, da qui in avanti si chiamerà SLUMIL K´AJXEMK´OP, che significa “Terra Insorgente” o “Terra che non si arrende, che non sviene”. Ed è così che sarà conosciuta dai suoi e dagli altri popoli finché ci sarà qualcuno qui che non si arrende, non si vende e non si sottomette.
Queste sono le parole che, secondo SupGaleano, pronuncerà Marijosé quando metteranno piede sul suolo europeo dopo aver attraversato l’Oceano Atlantico con La Montaña, l’imbarcazione che è partita dal Messico il 3 maggio e che dovrebbe raggiungere la costa spagnola in giugno.
Marijosé è uno dei sette membri – quattro donne, due uomini e una persona transgender (“unoa otroa” nel lessico zapatista) – dello squadrone 421 degli zapatisti che è partito per un “viaggio per la vita”. Saranno poi raggiunti da un altro gruppo di zapatisti che si recherà in Europa in aereo e insieme viaggeranno in circa 30 località in tutta Europa. Questo sarà il primo di diversi viaggi in cui gli zapatisti progettano di collegarsi con altre lotte per la vita in tutti i continenti.
Che cosa meravigliosa e ridicola, surreale e geniale! Che bellezza pazzesca!
UNIRE LE MANI PER CREARE UN FUTURO
Le parole di Marijosé sono la combinazione di umorismo, semplicità e profondità teorica che abbiamo associato agli zapatisti da quando si sono ribellati il primo gennaio 1994. Per lottare per la vita che ora è così chiaramente in pericolo, capovolgono il mondo. Navigano in direzione opposta a Colombo e ai conquistadores per scoprire un mondo di ribelli. Non vanno a cercare i conquistatori per chiedere loro scusa, vanno a cercare gli insorti e si uniscono a loro nella lotta.
Qui non si parla di imperialismo o colonialismo, niente della consolidata tradizione di sinistra di imporre definizioni territoriali agli antagonismi sociali, ma qualcosa di molto più semplice, molto più diretto: gli insorti di una terra vanno a unirsi agli insorti di un’altra. Perché solo così si può creare un futuro.
Un invito, quindi, non tanto a solidarizzare con gli eroici indigeni del Chiapas – perché la nozione di solidarietà crea immediatamente un “loro” in terza persona – ma a riconoscere e creare Slumil K’ajxemk’op, la terra insorgente spesso conosciuta come Europa, una terra popolata da persone nate in molte aree geografiche diverse. Una terra governata dal denaro, una terra che fa parte dell’Impero del Denaro – la stessa forza malvagia che governa in tutti i continenti e ci trascina in un tifone di distruzione sempre più veloce. Una forza malvagia che domina ma non governa completamente, perché il continente europeo – come tutti i continenti – è una terra insurrezionale dove la gente non si arrende, non si vende, non si sottomette.
L’insurrezione assume molte forme, perché il denaro è un’idra con molte teste, ognuna con un diverso volto del terrore. Queste producono molti dolori, tutti nostri in un modo o nell’altro, perché delle varie cose che ci uniscono nelle nostre differenze le prime due sono: “che facciamo nostri i dolori del mondo: la violenza contro le donne; la persecuzione e il disprezzo per chi è diverso nella sua identità affettiva, emotiva, sessuale; l’annientamento dell’infanzia; il genocidio contro i popoli indigeni; il razzismo; il militarismo; lo sfruttamento; l’espropriazione; la distruzione della natura.” E “la comprensione che è un sistema il responsabile di questi dolori. Il carnefice è un sistema sfruttatore, patriarcale, piramidale, razzista, ladro, criminale: il capitalismo”. La Tierra Insurgente è una terra di molte lotte contro le molteplici facce del mostro.
Il viaggio degli zapatisti è un tendere la mano, non per guidare, ma per condividere. Un tenersi per mano, un flusso reciproco di energie, una scintilla forse. Uno scambio di esperienze distinte della lotta comune per uccidere l’idra. Un apprendimento che è un insegnamento, un insegnamento che è un apprendimento. Non un interscambio improvvisato, ma un approfondimento degli interscambi che esistono da molti anni e che si stanno preparando con molta cura da quando gli zapatisti hanno annunciato il loro piano lo scorso ottobre.
Ci sarà, deve esserci, un tendere le mani per stringere le loro. Da parte di tutti gli individui e gruppi che, come me, si sono innamorati di loro negli anni dalla loro prima apparizione. Ma sarà – deve essere – più di questo. C’è da sperare che il folle viaggio tocchi persone ben oltre i “soliti sospetti”, ben oltre il mondo degli attivisti.
UN VULCANO IN ATTESA DI ERUZIONE
Per ovvie ragioni ci sono state poche grandi ondate di protesta politica nell’ultimo anno, in Europa o altrove. Ma c’è un’enorme sensazione di soffocamento, di frustrazione repressa. Non riusciamo a respirare. Probabilmente c’è una sensazione crescente che il sistema si sta rompendo, che il capitalismo non funziona. Può non ricevere alcuna chiara espressione politica, o alcuna espressione che riconosciamo come “nostra” in qualche senso, e probabilmente per la maggior parte delle persone la principale preoccupazione al momento è tornare a una sorta di normalità, per quanto nociva possa essere questa normalità.
Eppure c’è la consapevolezza che il capitalismo è un sistema fallimentare. Attraverso la sua distruzione della biodiversità naturale, ha creato una pandemia che ha ucciso milioni di persone e trasformato le condizioni di vita di quasi tutta la popolazione mondiale. Una pandemia che probabilmente sarà seguita da altre. La sua inarrestabile ricerca del profitto sta producendo un cambiamento climatico che sta già avendo enormi conseguenze sulla vita umana e su quella di tante altre specie.
Molti genitori danno ormai per scontato che i loro figli sperimenteranno condizioni di vita peggiori delle loro, e infatti sono i giovani a subire le conseguenze peggiori del fallimento del sistema.
C’è tutto un mondo di consapevolezza che il capitalismo è un fallimento, un mondo di persone che stanno perdendo fiducia nel sistema, un mondo di soffocamento e frustrazione. Un vulcano che aspetta di eruttare? Chi lo sa? Vivendo sotto un vulcano, so che è difficile prevedere il come o il quando delle eruzioni. Ma la Colombia e ora la Palestina, entrambe negli ultimi giorni, suggeriscono l’enorme forza che possono avere le tensioni represse.
C’è un’urgenza in tutto questo. Quando gli zapatisti insorsero nel nuovo anno del 1994, ci fu un’enorme risposta di sostegno per loro in Messico, enormi manifestazioni che costrinsero il governo a fermare l’attacco militare al loro movimento. Ma l’enorme ondata di simpatia non fu sufficiente a far cadere lo stato e a trasformare la società in Messico. Non si può fare a meno di pensare che, se la risposta fosse stata maggiore, avrebbe potuto arrestare la disintegrazione sociale che da allora è in atto, con centinaia di migliaia di persone, soprattutto giovani, uccise con la violenza, più di centomila “scomparsi”, sempre più donne uccise per essere donne ogni giorno.
In Europa e in tutto il mondo, c’è una crescente percezione della sottigliezza della crosta della civiltà. “Le cose cadono a pezzi; il centro non regge”, il famoso verso di Yeats dal suo poema “The Second Coming”, viene citato sempre più spesso. Ma la civiltà non può essere salvata dal centro. L’unico modo per creare una società “civilizzata” e socialmente accettabile è abolire il capitalismo e creare altri modi di vivere reciprocamente riconoscibili. Il compito è urgente, le finestre di opportunità si stanno chiudendo.
UN VIAGGIO RIDICOLO
Surreale? Certamente. Il surrealismo del viaggio zapatista non è un ornamento, va al cuore della loro politica. Più volte gli zapatisti ci hanno sorpreso con le loro iniziative, ma questa è forse la più meravigliosa di tutte. Nel mezzo della pandemia – e gli zapatisti sono stati rigorosi nell’osservare le misure precauzionali, introducendole anche prima che lo stato messicano o la maggior parte degli altri stati facessero qualcosa – e senza firmare alcun contratto con Netflix, hanno creato il più sorprendente pezzo di teatro. Hanno fatto dell’Oceano Atlantico il loro palcoscenico e prima di diffondersi in una trentina di luoghi diversi nel nuovo continente di Slumil K´ajxemk’op, che non è stato certo battezzato.
Questo è spingere il pensiero rivoluzionario in un luogo dove non è mai andato prima. È portare la lotta per la vita e contro il capitalismo – perché la lotta per la vita deve essere una lotta contro il capitalismo – in una nuova dimensione surreale. Il surrealismo è cruciale perché rompe la logica del capitale e del suo stato che trascina e trascina i nostri sogni di qualcosa di meglio in una riproduzione dello stesso sistema di morte.
Leggeteli, leggeteli, leggeteli! Leggete quello che dicono. Leggete le sei parti del testo che annunciavano questo folle viaggio, nell’ordine in cui sono state emesse, dalla sesta alla prima – ma certo. Leggete quello che dicono del loro viaggio, guardate i loro video e le loro foto, la maggior parte delle quali si possono trovare su Enlace Zapatista in diverse lingue, seguite i dibattiti intorno al viaggio su pagine come Communizar e ascoltateli.
Soprattutto, unitevi a loro nel loro ridicolo viaggio. Unitevi a loro e lasciate che loro si uniscano a voi. Condividete le vostre lotte e i vostri vulcani surreali-troppo-reali. E forse questo ci aiuterà tutti a respirare la speranza.

L’autore desidera ringraziare Edith González, Panagiotis Doulos, Néstor López, Marios Panierakis, Azize Aslan, Eloína Peláez e Lars Stubbe per i loro commenti su una precedente bozza di questo pezzo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]